giovedì, 06 ottobre, 2022
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Non categorizzato
Non categorizzato

Non categorizzato (346)

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Igor Yebra

Nato a Bilbao, dove inizia i suoi studi di danza, si perfeziona poi a Madrid alla Scuola Victor Ullate, entrando a far parte del ‘Ballet de la Communidad de Madrid, dove, fino al 1996, danza come Primo Ballerino in produzioni di van Manen, van Dantzing, Linkens, Christe, Amodio, Mendez, Béjart. Alla fine del 1996, inizia la sua carriera di Primo Ballerino Ospite Internazionale, lavorando nei maggiori balletti di repertorio e in ruoli creati appositamente per lui: Giselle (Nureyev, Perrot-Coralli, Alonso), Don Chisciotte (Petipa- Gorsky, Vassiliev), Chopiniana (Fokine), Romeo e Giulietta (Cranko, MacMillian, Amodio, Vassilev), La Silfide (Bournonville), Il lago dei cigni (Petipa- Ivanov), La bella addormentata (Petipa, Samsova), Lo Schiaccianoci (Ivanov, Grigorovič), secondo atto de La bayadère (Makarova), Coppelia (Alonso, Vnogradov), Theme and Variations, Concerto barocco, Allegro Brillante, Tchaikovsky Pas de deux (Balanchine), Il CorsaroDiana e Atteone. È ospite presso l’Australian Ballet, AterBalletto, Balletto Nazionale di Cuba, Balletto Nazionale del Venezuela, Balletto del Teatro Colon di Buenos Aires, Balletto argentino di Julio Bocca, Balletto del Kremlino, Scottish Ballet, English National Ballet, Teatro dell’Opera di Roma, Arena di Verona, Teatro Comunale di Firenze, Balletto Nazionale Greco. Nel 1989 ha vinto a Parigi il concorso ‘Gran Prix Eurovision per giovani danzatori’ e nel 1996 il premio ‘Danza e Danza’ come migliore danzatore dell’anno in Italia, il primo premio al concorso ‘Maya Plissetskaya’ a San Pietroburgo. Nel 2003 il premio “Leonide Massine” a Positano per le sue interpretazioni al Teatro dell’Opera di Roma. Nel marzo 2003, all’Opera di Roma, ha interpretato il Principe nel balletto Il lago dei cigni, in coppia con Gaia Straccamore e Anjella Kouznetsova. Nell’agosto 2003, alle Terme di Caracalla, in coppia con Gaia Straccamore, ha danzato in Romeo e Giulietta di Cranko. Nel settembre è stato protagonista nel balletto L’uccello di fuoco all’interno della Serata Stravinskij. Nel dicembre dello stesso anno, sempre all’Opera di Roma, in coppia con Svetlana Zakharova e Anjella Kouznetsova, è stato di nuovo il Principe ne Il lago dei cigni. Ha partecipato alle trasferte della compagnia di ballo dell’Opera per le produzioni Il lago dei cigni (Teatro Muncipale di Piacenza e Teatro Bellini di Catania) e Shakespeare in danza (Piacenza). Nell’aprile 2004 è stato ospite a Mosca per la tournée della compagnia capitolina. Nel gennaio 2004 ha debuttato al Teatro Bol’šoj nel balletto Ivan il terribile di Yuri Grigorovič. Nel novembre 2004 è stato Ivan ne La Gitana al Teatro Nazionale accanto a Gaia Straccamore. Nell’estate del 2006 è stato tra i protagonisti del balletto La Vestale alle Terme di Caracalla. Nel febbraio 2007 è stato il Mugnaio nel Cappello a tre punte. Dal 2006 è Etoile del Ballet de l’Opéra di Bordeaux. Per la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma 2008 e 2010 alle Terme di Caracalla è stato interprete di Romeo e Giulietta.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Asher Fisch
Direttore d'orchestra

Asher Fisch collabora regolarmente con i maggiori teatri e complessi sinfonici europei e americani. Significative sono le sue collaborazioni con la Israel Philharmonic Orchestra, la Chicago Symphony Orchestra, la NHK Symphony Orchestra, i Münchner Philharmoniker, la Mozarteum Orchester, la NDR Hamburg Orchestra, l’Orchestre National de Lyon, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la Philharmonia Hungarica, la Western Australian Symphony Orchestra, le orchestre sinfoniche di Atlanta, Detroit, Bergen e Seattle. È direttore musicale della New Israeli Opera ed è stato direttore musicale della Volksoper di Vienna. Tra i numerosi progetti realizzati in quest’ultimo teatro, si ricordano in particolare la produzione di Die Meistersinger von Nürnberg e Der König Kandaules di Zemlinsky. Ha collaborato con Daniel Barenboim alla produzione Der Ring des Nibelungen a Berlino e Bayreuth. In Israele ha diretto Elektra, Turandot, A Midsummer Night's Dream, Le nozze di Figaro, La Traviata, Don Pasquale, The Rake's Progress e La Bohème. È stato invitato alla Staatsoper di Vienna (Parsifal, Fidelio, Tosca, Evgenij Onegin), alla Staatsoper di Berlino (Die Zauberflöte), alla Royal Danish Opera (Tristan und Isolde), alla Bayerische Staatsoper (Don Giovanni) e alla Hamburgische Staatsoper (Cavalleria rusticana, Pagliacci). Ha debuttato al Covent Garden di Londra nel 1996 in occasione del “Gold and Silver Gala” con Placido Domingo, per poi tornarvi a dirigere Il barbiere di Siviglia. Il suo debutto americano è avvenuto nel 1995 alla Los Angeles Opera con Der fliegende Holländer; successivamente è stato invitato alla Lyric Opera di Chicago (Madama Butterfly, Macbeth, Die Fledermaus), al Metropolitan di New York (La vedova allegra, Madama Butterfly) e alla Houston Grand Opera (Kat’a Kabanova). Ha inoltre diretto Tosca al Théâtre de la Monnaie di Bruxelles, Les contes d'Hoffmann all’Opéra Bastille di Parigi e alla Deutsche Oper di Berlino, La forza del destino, Otello, Norma e Macbeth al Savonlinna Festival. Nelle ultime stagioni ha diretto Don Carlo e Der Rosenkavalier, oltre ad una nuova produzione del Trittico (giugno/luglio 2007), alla New Israeli Opera, Tristan und Isolde e Wozzeck alla Semperoper di Dresda, Der Rosenkavalier e Der Fliegende Holländer alla Seattle Opera, oltre che produzioni a Monaco, Berlino e Vienna. Ha inaugurato con Parsifal la stagione 2007/2008 al Teatro di San Carlo a Napoli e ha debuttato al Teatro alla Scala con La vedova allegra, nel novembre 2008. Nel corso della stagione 2009, in Italia, ricordiamo concerti sinfonici al San Carlo di Napoli e al Teatro Lirico di Cagliari, dove ha diretto anche Aida. È stato impegnato con la Dallas Symphony Orchestra, al George Enescu International Festival e a Londra con la London Symphony Orchestra. Di particolare rilievo ricordiamo il debutto con la Berliner Philharmonisches Orchester nel 2009. Ultimamente la sua registrazione del ciclo completo de L’Anello dei Nibelungo è stata acclamata dalla critica internazionale e designato come “CD of the month” sia da BBC Classical che da FM Classical Magazines nel Regno Unito. Asher Fisch svolge attività concertistica come pianista, anche in duo con Daniel Barenboim con il quale ha eseguito La sagra della Primavera nella versione a quattro mani. Al Teatro dell’Opera di Roma ha diretto Falstaff, l’opera inaugurale della Stagione 2010.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Micha van Hoecke

Danzatore, coreografo, attore, regista: crede in un teatro totale, dove la danza si confonde con la musica, con il canto, con la recitazione per dare vita ad un’irripetibile opera d’arte. Nato a Bruxelles, il padre era un pittore belga, la madre una cantante russa e la zia materna, una ballerina. Studia a Parigi con Olga Preobrajenskaia e nel 1960 entra a far parte della Compagnia di Roland Petit. In questo stesso periodo svolge un’intensa attività come attore di cinema. Entra quindi a far parte del Ballet du XX siécle di Maurice Béjart di cui diventerà il fidato braccio destro. Nel 1979 è lo stesso Béjart a nominarlo direttore artistico del centro MUDRA, il prestigioso centro di formazione per artisti di Bruxelles. Nel 1981 è chiamato a curare le coreografie del film Bolero di Claude Lelouch. Quello stesso anno, con i migliori elementi del Mudra, fonda l’Ensemble, la splendida compagnia, “unione di razze e di culture”, ancora oggi impeccabile interprete delle sue creazioni oltre che uno dei più acclamati gruppi mondiali di danza contemporanea. Nel suo carnet non mancano le collaborazioni con interpreti straordinarie quali Carla Fracci, Ute Lemper, Luciana Savignano, o con grandi registi come Luca Ronconi, Liliana Cavani, Roberto De Simone e con prestigiosi direttori d’orchestra, ma è soprattutto con il maestro Riccardo Muti che si è creato uno splendido sodalizio che ha dato vita a tanti capolavori. Ha creato coreografie per l’Opera di Roma (Berg Kristall di Silvano Bussotti nel 1983, Hommage à Petrassi nel 1984, Fellini nel 1995), per il Teatro alla Scala di Milano (Orfeo di Poliziano nel 1983, ideato con lo scenografo Luciano Damiani), per il San Carlo di Napoli (Lucia!), per il Festival d’Avignone (Antigone nel 1972 con la Compagnia A. Beranger e con M. Theodorakis, che compose le musiche). A partire dal 1990 è particolarmente intensa la sua collaborazione con Ravenna Festival, dove debutta anche come regista di opera ne La Muette di Portici di Auber (1991). Molte sono le opere che ha creato per questo festival, da Adieu à l’Italie (1992: premio della critica italiana per la migliore coreografia moderna). A la memoire (con Luciana Savignano), Pelèrinage (con Chiara Muti e Alessio Boni), Pierrot Lunaire (con Alessandra Ferri e Massimiliano Guerra), Il paradosso Svelato (con l’orchestra Bizantina e Ensemble di Naseer Shamma), Maria Callas, la voix des choses, spettacolo di rara intensità che Micha van Hoeche e il suo Ensemble hanno portato in tournée in Italia, Stati Uniti, Russia e Cina, riscuotendo ovunque grandi successi. Nel 1997 fu nominato coordinatore per il ballo presso il Teatro Massimo di Palermo, con l’incarico di curare le coreografie di Aida, opera che avrebbe inaugurato la riapertura dello stesso Teatro (1998). Per il Teatro Stabile di Catania firma la regia e la coreografia de Le Troiane da Euripide e Seneca (1999-2000). Nel 1999 è nominato direttore del ballo e coreografo principale del Teatro Massimo di Palermo. Nel 2002, per I sette peccati capitali di Bertolt Brecht, musiche di Kurt Weill riceve il premio Danza e Danza 2002 per la migliore coreografia. Il 7 dicembre 2002 è chiamato a realizzare le coreografie di Ifigenia in Aulide, regia di Yannis Kokkos che, con la Direzione di Riccardo Muti, apre la stagione del Teatro alla Scala di Milano. Inaugura, sempre il 7 dicembre, la stagione scaligera 2003/2004, con le coreografie per Moïse et Pharaon, direttore Riccardo Muti, regia Luca Ronconi. Ha partecipato in qualità di coreografo con il suo Ensemble, allo spettacolo in diretta televisiva, il sabato in prima serata su RaiUno, Trash di Enrico Montesano, per il quale riceve il premio Danza e Danza 2004. Crea le coreografie dell’Ensemble per il concerto di Capodanno 2005 trasmesso da RaiUno dal Teatro la Fenice di Venezia. Nell’estate del 2005 crea, per il suo Ensemble, lo spettacolo Au Cafè. Nel 2006 La Regina della notte, omaggio a W.A. Mozart, ideazione Cristina Mazzavillani Muti, progetto sonoro su musiche di Mozart di L. Titi, spazializzazione del suono Tempo Reale, impianto scenico S. Battaglia, costumi M. Poli, disegno luci V. Alfieri. Nel 2007 Le voyage, creazione Ravenna Festival, spettacolo che dedica al suo Ensemble con musiche tzigane russe. Cura regia e coreografia nel 2008 della Salomè da Oscar Wilde (elementi scenici di L. Scarpa, nuova creazione per Ravenna Festival, voce recitante Cristina Muti); nel 2009 delle Baccanti da Euripide (con Cristina Muti e Pamela Villoresi, costumi di M. Ferrera, impianto scenico di R. Milan); nel marzo 2011 della Carmen di Bizet al Teatro di San Carlo di Napoli. Dalla stagione 2010-2011 è Direttore del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Carlo Savi
Scenografo, costumista

Intensa è stata la sua attività come scenografo e costumista nei teatri italiani ed esteri, collaborando con diversi registi e coreografi quali Bolognini, Menotti, Crivelli, Lizzani, Negrin, Sciutti, Menegatti, Biagi, Pressburger, Pistoni, Ambrosini, Belledi e Maestrini. Dal 1970 al 1980 è collaboratore assiduo del Teatro alla Scala di Milano per la Piccola Scala: Morte dell'aria, La favola di Orfeo, Andata e ritorno, Babar il piccolo elefante, L 'Opera del mendicante, Pierrot Lunaire, e per il decentramento, Madama Butterfly. Nel teatro di prosa dal 1972, Interrogatorio alI’Avana al Piccolo Teatro, I nuovi pagani al Teatro Quirino; Il piacere Teatro dell'albero, Roma; Arsenico e vecchi merletti Teatro popolare di Roma; Chi va fra le fronde al Festival Asti Teatro. Nei più importanti teatri lirici italiani firma opere quali: Aida, Ernani, La donna Serpente, Il Console. Nel 1981 inaugura gli spettacoli dell’Arena di Verona con Rigoletto, al Regio di Torino Il Trittico e Aida. Per l'Opera di Roma Attila e L’elisir d'amore. A Parma firma Nabucco, Giovanna d'Arco, La Traviata, Il barbiere di Siviglia, Semiramide, Thais, Don Pasquale e L'arcadia in Brenta. Nei teatri d'Europa, prepara scene e costumi per La Cenerentola e la Favorita per il Festival di Bregenz, Austria, Erwartung per l'Opera del Reno, Strasburgo, I lombardi alla prima crociata al Teatro S. Carlos di Lisbona e Aida nella Korea del Sud a Seoul per l'inaugurazione del Kultural Center. Per l'operetta allestisce dal 1980 La vedova Allegra, La principessa della Csardas, Cin ci la, Il paese dei campanelli, Scugnizza, AI Cavallino bianco per il teatro di Verdura del Massimo di Palermo, Vittoria e il suo ussaro per il Festival dell'Operetta di Trieste e, dal 1985, gli allestimenti del Festival dell'Opera Gioiosa del 700, spettacoli nei parchi di ville del XVIII secolo. Apre la stagione 1991/2 con Lucrezia Borgia, con una ricerca storica ha ricostruito scene e costumi di Sironi create per la prima edizione del Maggio Musicale Fiorentino del 1933. Nel 1991 per l'Arena di Verona allestisce nella Sala di Manto nel Palazzo Ducale di Mantova L'Orfeo di Monteverdi, con Carla Fracci, regia di Menegatti, e al Teatro Romano il balletto Sogno di una notte di mezza Estate con C. Fracci, regia di Menegatti. Nel 1996 al Teatro Romano di Verona allestisce il balletto Antonio e Cleopatra con C. Fracci. Nel 1997, alla Westfalenhalle di Dortmund Aida nella storica edizione dall'Arch. Fagioli nel 1913. Nel 1999 La battaglia di Legnano al Comunale di Piacenza e al Regio di Parma. Nel 2006 La Favorita al Carlo Felice di Genova. Ha iniziato la sua attività di Direttore dell’Allestimento Scenico su invito di P. Grassi al Teatro alla Scala di Milano, per proseguire poi all’Arena di Verona dal 1994 al 1999, all’Opera di Roma dal 1999 al 2002, incarico che ricopre di nuovo dal 2011. In questi anni cura la messa in scena di grandi spettacoli coordinandone l’aspetto visivo e la scenotecnica con grandi registi di teatro e di cinema. Nel 2008 insegna all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Recentemente, nel 2008 al Municipal di Rio de Janeiro in Brasile allestisce La Bohéme e nel 2009 Lucia di Lammermoor nell’Arena di Avenches in Svizzera. Nel 2010 Attila al Festival Verdi a Busseto e a Parma. Dal 2011 è Direttore degli allestimenti scenici dell’Opera di Roma.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Hui He
Soprano

Nata in Cina a Xi’An (la vecchia città imperiale, nota anche per il famoso esercito di terracotta), si è imposta all’interesse del mondo musicale in occasione della vincita del 2° Premio al Concorso Internazionale “Placido Domingo’s Operalia” tenutosi a Los Angeles nel settembre 2000. La prestigiosa Giuria del Concorso ne ha sottolineato la bellissima voce e la splendida musicalità. Con Domingo ha tenuto poi un importante concerto il 5 gennaio 2001 a Shanghai. Due anni più tardi, nell’aprile 2002, si afferma al 42° Concorso Internazionale “Voci verdiane” di Busseto, vincendo il 1° Premio. Presidente della Giuria era il noto soprano L. Gencer che si è subito espressa in termini entusiastici. Hui He è una delle soliste più amate dal pubblico e dai mass media cinesi (recente il suo New Year Concert, nella Sala Grande del Parlamento a Pekino alla presenza del Presidente della Repubblica e delle maggiori personalità politiche e culturali cinesi) e il suo grande trionfo in Madama Butterfly ad Hong Kong per l’inaugurazione della stagione 2006/2007 della Hong Kong Philharmonic Orchestra, dove ha ottenuto una emozionante standing ovation. Nel 2002 debutta in Italia al Regio di Parma con il ruolo di Tosca (dopo uno studio preparatorio sul ruolo con il soprano Kabaiwanska, una delle interpreti più grandi del ruolo di Tosca), ottenendo un grandissimo successo personale e proposte contrattuali: per il ruolo verdiano di Alzira (Festival Verdi di Parma); per il ruolo di Aida, produzione di F. Zeffirelli per i teatri di Busseto, Lucca, Roma, Catanzaro, Napoli, Firenze e Piacenza); per il ruolo di Amelia in Un Ballo in Maschera (Verona e Bolzano). Nel 2003 debutta all’Opéra di Bordeaux con il ruolo di Madama Butterfly, ottenendo un vero trionfo di pubblico e di critica. A seguito del successo ottenuto è stata invitata a tornare nei tre anni successivi con un Recital, Tosca e Aida. Nel 2003 è al Festival Pucciniano di Torre del Lago per il ruolo di Madama Butterfly. In questa occasione è stato registrato un film-documentario dal titolo Madame Butterfly. L’empreinte du papillon curato dalla regista Marie-Blanc-Hermeline e distribuito poi nei canali satellitari (France 5, Mezzo, CNC, Artè, ecc). Nel 2004 debutta alla Volksoper di Vienna con il ruolo di Cio-cio-san in Madama Butterfly dove ha conseguito un vero trionfo di pubblico e di critica. Successivamente è stata ancora Cio-cio-san in Madama Butterfly nella nuova produzione per ricordare il Centenario della prima rappresentazione dell’opera (1904) prodotta dal Teatro del Giglio di Lucca (la città di Puccini) che poi è stata ospitata in otto teatri italiani: Ravenna, Livorno, Pisa, Sassari, Bolzano, Trento, Rovigo e Parma. Altro grande successo del 2004 il suo debutto alla Staatsoper di Vienna nel ruolo verdiano di Lina in Stiffelio, al fianco di R. Bruson e J. Cura (direttore M. Armiliato). A seguito del successo ottenuto, la Staatsoper la invita a tornare in altre tre produzioni (Madama Butterfly, Aida, Un ballo in Maschera e ancora Stiffelio) con impegni che arrivano fino al 2010. Nel 2005 è stata Tosca all’Opéra de Bordeaux; ha debuttato il ruolo di Manon Lescaut a Toulon (Francia); è stata Madama Butterfly al Regio di Parma e alla Volksoper di Vienna; ha debuttato il ruolo di Liù in Turandot all’Arena di Verona; ha debuttato il ruolo di Odabella in Attila a Busseto con la Fondazione Arturo Toscanini ed è stata Tosca per il suo debutto al Badisches Stadttheater di Karlsruhe (Germania). Il 2006 è segnato soprattutto da due grandi debutti: alla Scala di Milano in Tosca, direttore L. Maazel e all’Opéra-Bastille di Parigi con Madama Butterfly. Sempre nel 2006 è stata Aida all’Opéra de Bordeaux (nuova produzione); Amelia in Un Ballo in Maschera al Massimo di Palermo, Tosca all’Arena di Verona nella nuova produzione di H. De Ana e con la direzione di D. Oren, Madama Butterfly alla Staatsoper di Vienna, Tosca al Francesco Cilea di Reggio Calabria (direttore D. Oren) e alla Scala di Milano per Aida. Sempre nel corso del 2006 ha registrato a Bratislava (Slovacchia) il suo primo CD con l’Orchestra della Radio Slovacca diretta da I. Anguelov, CD dedicato ai suoi autori preferiti Puccini e Verdi. Nel 2007 è stata nuovamente alla Scala di Milano per Madama Butterfly, con la direzione di M.W. Chung e alla Staatsoper di Vienna per Madama Butterfly. È stata poi Tosca al Teatro Piccinni di Bari (direttore D. Oren); Aida all'Arena di Verona (direttore D. Oren) e al Festival di Avenches (Svizzera); Madama Butterfly al Teatro Municipal di Santiago del Cile. E’ stata Tosca per il debutto alla Bayerische Staatsoper di München; ha tenuto due recitals ad Hong Kong con la Philharmonic Orchestra; Amelia in Un Ballo in Maschera alla Staatsoper di Vienna; e Liù in Turandot per il debutto a La Fenice di Venezia. Nel 2008 Amelia in Un Ballo in Maschera all'Opéra de Bordeaux; Tosca al Verdi di Trieste; Aida alla Staatsoper di Vienna; Odabella in Attila al Filarmonico di Verona; Tosca alla Carnegie Hall di New York con L. Maazel e la New York Philharmonic Orchestra; Aida e Tosca all'Arena di Verona; Aida al Massimo di Palermo e Liù in Turandot per il debutto al Covent Garden di Londra. Nel 2009 ha preso parte allo spettacolo inaugurale del Teatro dell’Opera di Roma, Aida.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Gabriela Georgieva
Soprano

Nata a Vidin, Bulgaria, ha terminato gli studi all’Accademia Nazionale di Musica Pancho Vladigerov a Sofia nel 1998. Nello stesso anno si specializza in canto lirico all’Accademia Bulgara per le Arti e la Cultura Boris Hristov a Roma. Più tardi lavora con Kaludi Kaludov e dalla fine del 2003 con Gena Dimitrova, che hanno un ruolo importante per la sua formazione. Inizia la sua carriera a Varna in Bulgaria, con la parte di Leonora ne Il Trovatore di Verdi nel 2002. Ben presto arriva sul palcoscenico dell’Opera Nazionale di Sofia nella parte di Amelia in Un ballo in maschera di Verdi, cui segue Il Trovatore. Debutta con successo nell’Andrea Chenier di Giordano all’Opera di Sofia interpretando Maddalena. Non tardano gli inviti ad impegni successivi – nel 2004 debutta nella parte di Aida di Verdi all’Opera di Ruse, poi si esibisce nello stesso ruolo al Primo Festival Internazionale dell’Opera tenutosi a Cipro. Nell’autunno 2004 viene invitata ad una tournée in Spagna e in Francia come Amelia in Un ballo in maschera di Verdi. All’inizio del 2005 si esibisce in Germania come Leonora ne Il Trovatore di Verdi, e in febbraio partecipa ad un concerto di Aida a Barcellona, al Palau de la Musica e a Madrid nell’Auditorio Nacional, Spagna. Ha partecipato a concerti nel Festival Internazionale di Musica “Peter Dvorsky”, Ceca (1999 e 2000); “Europalia” – Belgio (2002); all’inaugurazione delle Giornate della Cultura Bulgara in Russia – concerto Gala in Bolshoy Teatr (2003). Nel 2002 esegue per la prima volta in Bulgaria il ciclo di canzoni Poemes pour Mi di Olivier Messiaen. Le vengono assegnati premi in diversi concorsi nazionali ed internazionali di opera: “Christo Brambarov” terzo concorso nazionale (2002) – secondo premio; “Katja Popova” primo concorso nazionale (2003) – primo premio; “Boris Christoff” tredicesimo concorso internazionale per i giovani cantanti lirici (2004) – secondo premio (primo premio non assegnato). Il suo repertorio include: Henry Purcell Dido and Aeneas - Dido; Pergolesi Stabat Mater; Verdi Requiem; Verdi Nabucco - Abigaile; Verdi Attila - Odabella; Verdi Il Trovatore - Leonora; Verdi Un ballo in maschera - Amelia; Verdi Don Carlo - Elizabetta Valoa; Verdi Aida - Aida; Giordano Andrea Chénier - Maddalena; Puccini Tosca - Floria Tosca; Mascagni Cavalleria Rusticana - Santuzza; Olivier Messiaen Poemes pour Mi - First and Second Books.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Giovanna Casolla
Soprano

Si è diplomata in canto e pianoforte presso il Conservatorio di San Pietro in Majella, a Napoli. In seguito ha continuato a studiare canto con Michele Lauro e Walter Ferrari. Il suo debutto è avvenuto a Spoleto per il Festival dei Due Mondi, dove ha preso parte alla rappresentazione dell’opera Napoli Milionaria di Nino Rota (con la regia di Eduardo De Filippo). Ha poi debuttato al Teatro Verdi di Trieste nell’opera La Campana Sommersa di Respighi e al Teatro Regio di Torino nel Castello del Principe Barbablù di Bartók. Negli anni seguenti si è esibita al Teatro Comunale di Bologna nell’opera Fedora di Giordano, al Teatro Filarmonico di Verona nella Turandot di Busoni, e al Teatro S. Carlo di Napoli in Tosca di Puccini, con Placido Domingo nel ruolo di Cavaradossi. Nel 1982 ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano ne Il Tabarro di Puccini e nella Fedora di Giordano, diretto da Gavazzeni. Nel 1983 ha fatto il suo debutto a Firenze al Festival del Maggio Musicale Fiorentino, per la direzione di Gavazzeni, e ci è tornata due anni dopo per cantare Eboli nel Don Carlo. Negli anni seguenti, nel medesimo Festival, ha cantato in Manon Lescaut, Cavalleria Rusticana e Andrea Chénier. Un altro importante debutto è stato quello alla San Diego Opera con Giulietta e Romeo di Zandonai e Tosca con la Philadelphia Orchestra diretta da Riccardo Muti. Nel 1986 ha fatto il suo debutto al Metropolitan di New York, cantando il ruolo di Eboli nel Don Carlo di Verdi. In questo Teatro è tornata nel 1991 per cantare Tosca accanto a Placido Domingo. Nel 1987 è tornata alla Scala di Milano nuovamente con Il Tabarro e con la Minnie de La Fanciulla del West (diretta in alcune recite da Maazel e in altre da Sinopoli). E’ ospite regolare di importanti teatri italiani come il Teatro Regio di Torino (La Gioconda, La Forza del Destino, La Fanciulla del West), l’Arena di Verona (Andrea Chénier, La Gioconda, Tosca, Don Carlo, Carmen, Cavalleria Rusticana), il Teatro Massimo di Palermo (Adriana Lecouvreur, La Wally, La Fanciulla del West, Cavalleria Rusticana, Tosca). E’ inoltre ospite regolare di teatri esteri quali la Staatsoper di Vienna, la Bayerische Staatsoper di Monaco, il Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles, il Teatro Colòn di Buenos Aires, il Teatro Municipal di Rio de Janeiro e l’Opera di Tokyo. Fra i premi prestigiosi che ha ricevuto nella sua carriera, dobbiamo citare il Premio Luigi Illica del 1991 per il suo ruolo nell’interpretazione del repertorio verista. Nel 1996 ha vinto il Premio “Cilea”. Negli anni più recenti, si è esibita al Teatro Comunale di Firenze, al Teatro Regio di Parma, al Teatro Carlo Felice di Genova, alla Staatsoper di Amburgo, all’Opera di Rio de Janeiro e al Teatro Bellini di Catania. Nel 1996 è avvenuto il suo trionfale debutto al Grande Théâtre di Ginevra, nel 1997 al Festival di Orange, nel 1998 al Festival d’Avenches e al Festival Puccini di Torre del Lago. Ha preso parte alla produzione di Turandot andata in scena nella Città Proibita di Pechino con il Teatro Comunale di Firenze (diretta da Zubin Metha, per la regia di Zhang Yimou). Nel 1999 ha preso parte alla produzione inaugurale del riaperto Liceu di Barcellona con Turandot. Nello stesso anno ha cantato Manon Lescaut di Puccini al New National Theater di Tokyo e al Teatro Municipal di Valencia. Nel 2000 ha cantato Tosca a Pekino. Nel 2001 ha inaugurato la stagione del Festival Puccini di Torre del Lago con Turandot, ruolo che ha ripreso nel 2002 al Teatro S. Carlo di Napoli. Nel 2003 è stata Santuzza in Cavalleria rusticana al Teatro Verdi di Trieste e Eboli in Don Carlo al Teatro Massimo di Palermo. Nel 2004 ha interpretato Minnie in La Fanciulla del West al Teatro Regio di Torino (diretta da Steven Mercurio), Tosca a Wiesbaden, Cavalleria rusticana al Teatro dell’Opera di Roma (diretta da Marcello Panni), Santuzza in Cavalleria rusticana ad Atene. Nel 2005 ha interpretato Turandot al Teatro dell’Opera di Roma, a Nizza, a Seoul e all’Arena di Verona, e ancora al Teatro Verdi di Trieste; inoltre è stata Tosca a Tenerife. Nel 2006 ha cantato Turandot al Teatro Massimo di Palermo e Eboli in Don Carlo al Teatro Megaron di Atene; ha inaugurato la stagione 2006 all’Arena di Verona come Santuzza in Cavalleria rusticana; poi è stata Turandot a Caracalla per il Teatro dell’Opera di Roma e Gioconda a Santander; inoltre ha cantato nuovamente Turandot al Teatro Regio di Torino. Di recente ha riscosso un grande successo personale come Manon nella Manon Lescaut al Teatro dell’Opera di Roma; successivamente ha interpretato ancora Turandot a Palma de Mallorca, a Caracalla per l’Opera di Roma, al Teatro La Fenice di Venezia (regia di D. Krief) ed al Teatro S. Carlo di Napoli. Fra gli impegni recenti, è stata Gioconda alla Deutsche Oper di Berlino. Il ruolo di Turandot negli ultimi anni è quello che le arride i maggiori successi tanto da essere chiamata ad inaugurare il nuovo Teatro Lirico di Pechino nell’anno delle celebrazioni pucciniane (2008). Nel corso dell’estate 2009 ha cantato il medesimo ruolo, sempre con grande successo, a Torre del Lago e all’Arena di Verona. L’estrema versatilità dell’artista la vede, sempre nel 2008, debuttare a Baltimora per la direzione di Andrea Licata il ruolo di Amneris in Aida, ruolo che ha ripreso nel 2008 all’Opera di Roma per l’inaugurazione della Stagione e all’Arena di Verona nell’ambito dell’87 Festival (estate 2009). Ha preso parte alla produzione di Aida alle Terme di Caracalla per la Stagione estiva 2010 del Teatro dell’Opera.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Renata Lamanda
Mezzosoprano

Giovanissima vince il concorso internazionale per cantanti lirici di Roma e debutta nel ruolo di Carmen al Teatro Brancaccio di Roma. La rapida ed intensa carriera l’ha condotta sui palcoscenici di alcuni fra i maggiori teatri italiani, quali Teatro alla Scala (L’angelo di fuoco di Prokof'ev), Teatro dell’Opera di Roma (Rigoletto, Simon Boccanegra, Werther, Madama Butterfly, La traviata), Teatro San Carlo di Napoli (Affare Makropulos di Janácek, Suor Angelica, Madama Butterfly), Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Morte di Cleopatra di Berlioz), Festival Pucciniano di Torre del Lago (Madama Butterlfy). Ha collaborato con direttori d’orchestra quali Bruno Bartoletti, Daniel Oren, Evelino Pidò, Marcello Rota e Nello Santi. Fra le sue ultime interpretazioni si segnalano Madama Butterfly (Suzuki) al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Trouble in Tahiti al Teatro Verdi di Trieste, Aida (Amneris) e Madama Butterfly (Suzuki) alle Terme di Caracalla di Roma, Norma (Adalgisa) al Teatro Verdi Trieste, Rigoletto (Maddalena) al Teatro Massimo di Palermo. Nella stagione 2006/07 è stata protagonista del Werther (Charlotte) al Teatro dell’Opera di Roma e nella Carmen a Fidenza, ha presto parte inoltre all’esecuzione in forma di concerto dei Medici di Leoncavallo al 53° Festival Pucciniano di Torre del Lago con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Alberto Veronesi. Nella stagione 2005/06 ha interpretato il ruolo di Suzuki al Teatro dell’Opera di Roma, Maddalena nel Rigoletto in tournèe in Giappone e Giulietta (Les contes d'Hoffmann) a Baltimora. Ha debuttato inoltre il ruolo di Vitellia (La clemenza di Tito) al Teatro Magnani di Fidenza. Nell’agosto 2005 è ritornata alle Terme di Caracalla di Roma e al Festival Pucciniano di Torre del Lago per interpretare Suzuki nella Madama Butterly. Ha presto parte all’incisione dei Medici di Leoncavallo a fianco di Placido Domingo e Daniela Dessì, con la direzione di Alberto Veronesi. Ha preso parte alla produzione di Rigoletto alle Terme di Caracalla per la Stagione estiva 2010 del Teatro dell’Opera.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Walter Fraccaro
Tenore

E’ invitato regolarmente presso i più prestigiosi teatri italiani (Teatro alla Scala di Milano, Arena di Verona, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro La Fenice di Venezia, San Carlo di Napoli, Opera di Roma, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Carlo Felice di Genova) ed internazionali (Staatsoper di Vienna, Metropolitan di New York, San Francisco Opera, Bayerische Staatsoper di Monaco, Deutsche Oper di Berlino, Staatsoper di Amburgo, Teatro Real di Madrid, Opernhaus di Zurigo, Liceu di Barcellona, etc.). Il suo vasto repertorio comprende i grandi ruoli verdiani Radames in Aida, Stiffelio, Riccardo in Un Ballo in Maschera, Ismaele in Nabucco, Foresto nell’Attila, Gabriele in Simon Boccanegra, Macduff nel Macbeth, Alvaro ne La Forza del Destino, Don Carlo nel ruolo del titolo, Rodolfo in Luisa Miller, Manrico ne Il Trovatore e Rodolfo ne La Bohème, Cavaradossi in Tosca, Pinkerton in Madama Butterfly, Faust in Mefistofele, Don José in Carmen, Faust in Mefistofele, Enzo ne La Gioconda, Calaf in Turandot, Des Grieux in Manon Lescaut, Andrea Chenier nel ruolo del titolo, Dick Johnson ne La fanciulla del west, Turiddu in Cavalleria Rusticana, etc. Ha debuttato nel 1994 in Nabucco al Teatro del Liceu di Barcellona dopo aver vinto, l’anno precedente, il secondo premio (primo non assegnato), il premio Placido Domingo come miglior tenore ed il premio Montserrat Caballé come miglior interprete verdiano al Concorso Internazionale “Francisco Viñas” di Barcellona. Nel marzo 2010 è stato ospite del Teatro dell’Opera di Roma in Mefistofele. E’ stato interprete della produzione di Aida alle Terme di Caracalla per la Stagione estiva 2010 del Teatro dell’Opera.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Francesco Anile
Tenore

Nato a Polistena in provincia di Reggio Calabria, si è diplomato in Clarinetto nell’85 e nell’89 in Canto con il massimo dei voti al Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria. Successivamente si è perfezionato con il Baritono Aldo Protti a Cremona, e in seguito al cambio di vocalità da Baritono a Tenore, è stato seguito dal Tenore Ottavio Taddei a Firenze. Nel 2001 ha seguito i corsi di alto perfezionamento del “Verdi Opera Festival” di Parma tenuti da Renata Scotto e Maja Sunara. Più volte premiato con attestati, segnalazioni e riconoscimenti, quale finalista in prestigiosi Concorsi Nazionali e Internazionali come il “Toti Dal Monte” di Treviso; il “Laurivolpi” di Latina; il “Cilea” di Reggio Calabria; il “Bellini” di Caltanisetta. Ha vinto il I premio “E. Bastianini” al Concorso “Grandi Voci Toscane” di Campi Bisenzio – Firenze; III premio al Concorso Internazionale M. Del Monaco “Marsala”. Dal 1999 ha iniziato la carriera nei maggiori teatri d’Europa e del Mondo, Tokio, Seoul, Teatro nazionale dell’opera di Zagabria, Lubiana, Malta, Cairo, Daegu, Otzu, Jerevan, Stadtische Theater Chemnitz (Germania). Da anni è presente, in ruoli principali, anche nei cartelloni dei più prestigiosi Teatri italiani, La Fenice di Venezia, San Carlo di Napoli, Teatro Massimo di Palermo, Teatro del Giglio, Comunale di Bologna, Terme di Caracalla-Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Lirico di Cagliari, Sociale di Como, Teatro D. Alighieri di Ravenna. Grande di Brescia, Ponchielli di Cremona, Fraschini di Pavia, Filarmonico di Verona, Teatro Bellini di Catania. Nel 2011 ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano in Cavalleria Rusticana. Successivamente è stato impegnato al Maggio Musicale Fiorentino in Manon Lescaut. E’ stato diretto da Maestri tra i quali: Daniel Harding, Bruno Bartoletti, Nello Santi, Massimo Pradella, Donato Renzetti, Daniele Callegari, Renato Palumbo, Niksa Bareza, Maurizio Arena, Loris Voltolini, Gianluca Marcianò, Stefano Ranzani, Maurizio Benini, Pietro Mianiti, Antonio Pirolli, Gianpaolo Bisanti, M. Letonja e Registi quali: Franco Zeffirelli, Roberto De Simone, Mario Martone, Gianfranco de Bosio, Graham Vick, Olivier Tambosi, Pierpaolo Pacini, Federico Tiezzi, Plamen Kartalof, Henning Brockhaus, Pierfrancesco Maestrini, Aldo Tarabella, Lorenzo Mariani. Incisioni: Iris di Mascagni, Stadtische Theater Chemnitz diretto dal M° N. Bareza, Messa di Gloria di Puccini, Sassari Ass. Rossini diretto da A. Puglia.

Pagina 5 di 25

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.