mercoledì, 05 ottobre, 2022
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Non categorizzato
Non categorizzato

Non categorizzato (346)

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

MARTIN ORO CONTRALTISTA

Nato a Buenos Aires, d’origine italiana, il controtenore svizzero¬argentino Martin Oro inizia la sua formazione musicale cantando nell’ coro di voci bianche del “Teatro Colón”. Si dedica contemporaneamente allo studio della viola, perfezionandosi in seguito con Yuri Bashmet al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca . Avendo deciso di consacrarsi al canto, si laurea con le più alte menzioni come maestro di canto e solista all’"Conservatoire de Fribourg", "Conservatoire de Neuchâtel", e presso la celebre “Schola Cantorum Basiliensis”, in Svizzera. La sua versatilità gli consente di affrontare sia il repertorio sacro che quello operistico, dove ha modo di brillare tanto nei ruoli eroici che in quelli comici. Possiede un vasto repertorio che spazia dal Barocco fino alla musica contemporanea. Ha cantato insieme ad interpreti quali Cecilia Bartoli, Maria Bayo, Sara Mingardo, Emma Kirkby, Jennifer Larmore, Philippe Jaroussky, e sotto la direzione di maestri come Nikolaus Harnoncourt, Mark Minkowski, René Jacobs, Rinaldo Alessandrini, Alessandro de Marchi, Christophe Rousset, Jordi Savall, Jean¬Christophe Spinosi, Martin Gester, Michel Corboz, Chiara Banchini, Helmuth Rilling. Ha costituito un duo con il liutista Francesco Romano.

Tra i ruoli interpretati: Ottone, Arnalta, Nutrice, Anfinomo e il Pastore nell’ “L’Orfeo” (Teatro Alla Scala e Teatro Strehler di Milano – Festival di Edinburgh), L’incoronazione di Poppea” (Opéra de Bordeaux ¬Teatro Massimo di Palermo¬Liceo de Salamanca¬Teatro Avenida de Buenos Aires), “Il Ritorno d’Ulisse in Patria” (Zürich Opernhaus) di Monteverdi; Artemis nella “Phaedra” di H.W.Henze e Tiresia nella Antigone di I.Fedele per il Maggio Musicale Fiorentino (Teatro Comunale¬Teatro Goldoni / Premio Abbiati); Tolomeo e Nireno nel "Giulio Cesare" (Zürich Opernhaus¬Cité de la Musique de Paris), Dardano nell’ "Amadigi" (Teatro Olimpico di Roma), Dydimus nella “Theodora” (Opéra de Montpellier), Orlando (Stadt Theater Biel), così come Joad nella "Athalia" (Teatro Colón de Buenos Aires) di G.F.Händel, Fedra nella “Arianna” di B.Marcello (Stadt Theater Basel), Oberon in “A Midsummer Night’s Dream” di B.Britten (Opéra de Fribourg), Grifone nell’ "Orlando Finto Pazzo" ed Aristea nella "Olimpiade" di Vivaldi (Théâtre des Champs Elysées¬Teatro Regio di Torino), Orfeo nell’ “Orfeo ed Euridice” di Ch.W.Gluck (Teatro Guaira, Brasil); ecc.

Ha inciso Orlando Finto Pazzo di Vivaldi (Grifone) per Opus 111; Athalia (Joad) di Händel per MDG; La Giuditta (Oloferne) e "Colpa, pentimento e Grazia" di A.Scarlatti (Pentimento) per Harmonia Mundi e Ambronay Editions; Cantate e Duetti di B.Marcello per Tactus; “La Nemica d’Amore” (Tirsi) di G.Bononcini per Zig¬Zag Territoires; "L’Incoronazione di Poppea" di C.Monteverdi (Arnalta) per K617 e “Il Ritorno d’Ulisse in Patria” (Anfinomo), per Arthaus Musik (DVD); “Stabat Mater” di G.Abos per Cyprès; “S.Agnese” di Pasquini, “Il trionfo” di Handel (Disinganno), “Davidis pugna e vittoria” di A.Scarlatti, “Le disgrazie d’amore” di A.Cesti per Hyperion; “L’Ormindo” di Cavalli per Pan Classics; “Armida” di Vivaldi (Tisaferno) per Naïve; “Romances” (Voce e liuto) per Arsis.

Martin Oro ha ricevuto il premio Velluti per essersi distinto come uno dei i controtenori più significativi a livello internazionale ed il Network Kulturpreis in Svizzera. Alessandro Mormile, nel suo libro “Controtenori” lo ha definito come uno dei controtenori di riferimento di oggi.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

FRANCESCO ROMANO

Francesco Romano, successivamente al diploma di chitarra ottenuto con il massimo dei voti e la lode, ha approfondito la sua preparazione musicale attraverso lo studio della composizione e della direzione d´orchestra. Successivamente ha rivolto il suo interesse al repertorio rinascimentale e barocco ed alla prassi esecutiva storica sugli strumenti appartenenti alla famiglia del liuto.

Da molti anni svolge un´ intensa attivita´concertistica come solista e come membro di formazioni da camera per le principali istituzioni musicali e festivals in Europa, America e Giappone (Accademia di S. Cecilia Roma, Teatro Regio Torino, Teatro della Pergola Firenze, Maggio Musicale Fiorentino, Festival di Stresa, Festival MITO, Musikverein Wien, Festival di Innsbruck, Festival di Musica Antica Stockholm, Festival di San Pietroburgo, Tage für Alte Musik Berlin, Haendel Festspiele Halle, Festival di Utrecht, Festival di Ambronnay, Festival di Lyon, Potsdamer Festspiele, Festival Bach Leipzig, Staatskapelle Dresden, Staatsoper Stuttgart, Staatsoper Hamburg, Festival di Montreux, Theatre de la Monnaye Bruxelles, Theatre de Champs Elyseés Paris, Early Music Festival Vancouver etc).

Ha collaborato tra gli altri con Christoph Coin, Jordi Savall, Andrew Lawrence King, Academia Montis Regalis, ed é membro de "gli Incogniti" , diretto dalla violinista Amandine Beyer, con cui ha recentemente registrato tre CD per la casa francese Zig Zag che sono stati premiati con il Diapason d´Or, Le choc de la Musique 2008, Deutsche Schallplatten 2009.

Ha effettuato numerose registrazioni per le principali emittenti radiotelevisive europee ed inciso per Opus 111, Naive, Symphonia, RCA, Capriccio, Edel Klassik, Hyperion, Amadeus, ZigZag.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

MARIA SOLOZOBOVA

Maria Solozobova was born in Moscow. Maria Solozobova belongs to the most promising violinists of the new generation. 
Maria graduated at the Moscow Gnessin School of music for gifted children and the famous Moscow Tchaikovsky Conservatory where she got concert diploma with honours. She went on to obtain her Master of Arts in Specialized Music Performance at the Music University in Zurich and Academy of Music Basel, where she got diploma as a soloist in 2008. She studied violin with Prof Z.Bron and Prof R. Oleg. Maria Solozobova has won many prizes in international music competitions: First Prize and Special Audience Prize at the international Brahms competition in Austria (2000), Second Prize at the international competition in Portugal (2002) where she again received the Special Audience Prize for her outstanding performance; first Prize at the W.A. Mozart competition "Duttweiler-Hug" in Zurich (2005). Second prize at the chamber music competition with trio E.M.I "Jeunesses Musicales" in Switzerland (2006). Prize-winner at the international Tibor Varga competition in Sion (2006) and at the international violin competition “Rodolfo Lipizer Prize” in Italy (2007).

Maria was invited as a soloist and chamber musician at the international festivals: Verbier-Festival and International Menhuin-Festival in Gstaad (Switzerland), Tartini-Festival in Slovenia, International Music Festival Korsmolm (Finland), Chamber Music Festival “Entcentro de musica y academia Santander” in Spain, Austrian Summer Festival Prague-Vienna-Budapest.

Maria Solozobova has worked with many leading orchestras: Basel Symphonic Orchestra, Zurich Chamber Orchestra, Cape Philharmonic Orchestra, Taipei Philharmonic Orchestra, Tschaikowsky Symphony Orchestra Moscow, Russian State Symphony Orchestra, Symphonisches Orchester Zurich, Genève Chamber Orchestra, Camerata Zürich Chamber Orchestra, Moskau Chamber Orchestra, Ljubljana Philharmonic Orchestra, Roumanian Philharmonic Orchestra.

She has performed in the most renowned concert halls as the Berlin and Cologne Philharmonic, Great Hall of the Moscow Tchaikovsky Conservatory, Concert Hall in Vienna, Philharmonic Hall in Lubljana, Stadtcasino in Basel, Victoria Hall in Geneve, the Tonhalle in Zurich, the National Concert Hall in Taipei, the Concert Hall of Tainan Municipal Cultural Center. She so had the opportunity to work with renowned conductors such as Muhai Tang, V. Virbitzky, P. Csaba, M. Jurowsky, V. Fedoseyev, H. Griffiths, V. Bulachov, M. Hofstetter. She performed chamber music with notable musicians: the pianists A. Volodin, A. Gavrilov, U. Koella, G. Wyss, Y. Smirnov, I. Vinogradova, the cellists Sol Gabetta, D. Geringas, the violinists H. Schneerberger, A. Lysy, I. Bochkova.

She has a wide repertoire from baroque, classical, romantic to contemporary music. Maria's performance is characterized by the beautiful warm sound of her Italian violin from Nicolo Gagliano, her virtuosity, spirit, convincing and professional stage performance.

Maria Solozobova’s first CD with recital, has been published by Hardstudio Switzerland in 2005. In December 2007, Maria’s second CD "Tchaikovsky and Ernst" has been published by Label Antes ( Bella Musica Edition). It has been celebrated by the international press as an outstanding debut.

In October 2005 Maria Solozobova was invited as 1st Concertmaster by the Orchestre de la Suisse Romande, Geneva, Switzerland.

Maria's tour in Taiwan "Leading to Bright Future" in September 2008 with the Taipei Philarmonic orchestra was very successful.

In the 2008/2009 season she made a concert tour "Klassische Musik im Licht der Sonnen Energie" through famous Swiss concert halls: Tonhalle Zürich, Stadtcasino Basel and many others. Maria performed a great variety of different concerts with leading orchestras and conductors.

On 26 April 2009 Maria Solozobova gave outstanding debut at the Tonhalle Zürich with Haydn, Paganini and Tchaikovsky violin concertos with the Zürich Chamber Orchestra conducted by Maestro Muhai Tang. In 2009/2010, Maria Solozobova has successfully performed as a soloist at numerous important concert halls, including the Tonhalle Zürich, Victoria Hall Geneva, Stadt Casino Basel. She further performed as a chamber musician and soloist with the Ensemble "Camerata Musica Barocca " in the Auditorium Wolfsberg, in the Grand Resort Bad-Ragaz Music Festival and in the famous church of St. Peters in Zürich.

Highlights during the 2010/11 season include performances with the Moscow State Symphonic Orchestra (Vladimir Fedoseev),tour in South Africa with Cape Philharmonic Orchestra, State Symphony Orchestra in Bloemfontein and recitals with piano, U.S tour with the Ensemble "Camerata Musica Barocca" , tour with the Taipei Philharmonic Orchestra in Taiwan and performances with Bach ,Vivaldi violin concertos on the"Festival Barocco di Viterbo" in Italy.

The new CD Album with baroque music will be published by Label Antes (Bella Musica) in Juni 2011.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

LAWRENCE GOLAN - DIRETTORE D'ORCHESTRA

The 2010-11 season marks the beginning of Lawrence Golan’s tenure as the Helen N. Jewett Music Director of the Yakima Symphony Orchestra, central Washington’s premier professional orchestra. This appointment comes on the heels of a highly successful four-year term as Resident Conductor of The Phoenix Symphony. That orchestra’s President and CEO Maryellen Gleason stated that Lawrence Golan was “unequivocally the best Resident Conductor The Phoenix Symphony ever had.” Music Director Michael Christie has said that Golan “is a programmer of virtually unprecedented creativity and scope.” Several of the concerts that Golan programmed, conducted and narrated with The Phoenix Symphony turned out to be the most financially successful and well-attended performances in the history of the orchestra, completely selling out triple concert sets in a 2200-seat hall. Golan continues to guest conduct professional orchestras, opera and ballet companies in the United States and around the world. Having conducted in 25 U.S. states and 13 countries, this season includes engagements in Boulder, Macon, Memphis, Palm Beach, Portland, Tucson and Taipei, Taiwan.

A staunch supporter of music education, Golan is a tenured full professor at the University of Denver’s Lamont School of Music where he conducts the Lamont Symphony Orchestra and Opera Theatre and leads one of the most distinguished and highly sought after graduate conducting programs in the United States. During his time in Denver, Golan has won six consecutive Outstanding Merit Awards, five ASCAP awards for Adventurous Programming of Contemporary Music, and the Downbeat Magazine Award for “Best College Symphony Orchestra”. The Lamont School of Music’s director, Joseph Docksey, has called Golan’s work there “nothing short of astounding.” Each summer, Golan teaches at the renowned Conductor’s Institute at Bard College in New York. Along with JoAnn Falletta, he was recently asked to join the Conductors Guild’s prestigious Mentoring Committee, which makes itself available to advise conductors from all over the world.

In addition to those mentioned above, Golan has received numerous other awards and honors. Along with Warren Deck of the New York Philharmonic, Golan was recently inducted into Pi Kappa Lamda, the prestigious national honor society for distinguished musicians. In 2010, Golan was selected as a finalist for the American Prize in Orchestral Conducting.

Lawrence Golan is known for his inspired performances, imaginative programming, passion for developing new audiences, and excellent public speaking skills—entertaining and/or educating the audience from both on and off the podium. He is also recognized for his expertise in the complete spectrum of musical styles and periods. He has worked with artists ranging from Leonard Bernstein, Marilyn Horne, Daniel Barenboim and Joshua Bell to Frank Sinatra, Kenny G and ShaNaNa.

Golan’s deep commitment to community outreach and audience development goes back several years. Earlier in his career, he founded the Atlantic Chamber Orchestra with the sole purpose of developing new audiences for classical music by making it more relevant and exciting. He created concert events specifically designed to bring in new listeners, and the successes he had in that endeavor led the Conductors Guild to invite him to speak at their national conference on the subject of developing 21st century audiences.

A native of Chicago, Lawrence Golan holds degrees in both conducting and violin performance from Indiana University’s Jacobs School of Music (B.M. and M.M.) and the New England Conservatory of Music (D.M.A.). In addition, he studied at all of the major conducting festivals including Aspen and Tanglewood, where in 1999 he was awarded the Leonard Bernstein Conducting Fellowship. The long list of distinguished conductors with whom Mr. Golan studied includes Robert Spano, Jorma Panula, David Zinman, Seiji Ozawa, Gustav Meier, Leonard Slatkin, Marin Alsop, Murry Sidlin, and Harold Farberman.

Mr. Golan has made several recordings with the Moravian Philharmonic on the Albany Records label. His recording of Tchaikovsky Symphony No. 6 has been highly praised by critics: “This is a world-class recording. It is refreshing to hear a recording of a well-known work of concert repertoire done so honestly and so beautifully.” (Robin McNeil, In Denver Times). “It stands up to many more-familiar recordings.” (Richard Nilsen, The Arizona Republic). That CD also features Tchaikovsky 6.1 by Peter Boyer, a work that Golan commissioned and premiered. Funky Little Crustaceans features orchestral music by Colorado composer William Hill, and Visions, Dreams & Memories is a collection of works for Native American flute and orchestra with James Pellerite, former Principal Flutist of the Philadelphia Orchestra and now one of the world’s premiere Native American flutists. Golan’s most recent recording, and his first with the Lamont Symphony Orchestra, Beethoven 7 and Beethoven 7.1 by William Hill, will be released by Albany Records later this year.

Following in the footsteps of his father Joseph Golan, former Principal Second Violinist of the Chicago Symphony Orchestra, Lawrence Golan is also an accomplished violinist. He was Concertmaster of the Portland Symphony Orchestra for eleven years, has appeared as soloist with numerous orchestras, including the Chicago Symphony, and has made several commercially available recordings as a violinist. His recording entitled Indian Summer: The Music of George Perlman, is treasured by young violin students and their teachers and is regarded as a very helpful and inspiring pedagogical aide.

Lawrence Golan’s edition and reduced orchestration of Tchaikovsky’s The Nutcracker is published by Spurwink River Publishing and is used by orchestras and ballet companies across North America. His scholarly-performing edition of the solo violin works of J. S. Bach that includes a handbook on Baroque Performance Practice, and The Lawrence Golan Violin Scale System are both published by Mel Bay Publications. His original composition Fantasia for Solo Violin is published by Ludwig Music.

Lawrence and his wife Cecilia, a hospitality industry executive from Buenos Aires, Argentina, have been married since 2003. They have a brand new baby daughter named Giovanna.

Lawrence Golan is represented by William Reinert Associates in New York.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

IL ROSSIGNOLO

Stimato dalla critica internazionale come "uno dei più raffinati giovani gruppi italiani di musica antica" Il Rossignolo si è distinto per “la verve interpretativa che unisce una straordinaria e ispirata vitalità al rigore filologico" nell’esecuzione del repertorio su strumenti storici.

L’attività discografica del gruppo ha portato alla realizzazione dei progetti riguardanti importanti riscoperte in tempi moderni come i Madrigali et canzonette a cinque voci di Orazio Caccini, (Selezione CD della rivista Early Music) le Sinfonie da camera di G.B. Martini (premio CD della rivista The Classic Voice, Maggio 2002), ed i Notturni a quattro di G.B. Sammartini (Un disco meraviglioso! - Classical Music); dedicati a repertorio più noto i progetti sui Concerti e Sinfonie di Alessandro Scarlatti (Uno straordinario divertimento - Concerto), i Concerti per violino et organo di Antonio Vivaldi (Il Rossignolo…formazione agguerrita nelle intenzioni e felice per colore del suono e precisione tecnica - Musica).

L’ultimo CD del gruppo, le Sonate op. 2 di Benedetto Marcello/Sonate a solo cembalo, è stato accolto come “una entusiasmante interpretazione, così come ci si aspetta da interpreti italiani che eseguono musica italiana... - Musicweb International”, e scelto come disco dell'anno. Gli interessi che porteranno alle prossime registrazioni ruotano intorno alla raccolta completa delle cantate a voce sola con strumenti a fiato obbligati di Alessandro Scarlatti, a integrali di opere di Georg Philipp Telemann e a novità handeliane per Sony Classical, etichetta con cui il gruppo ha recentemente firmato un contratto di collaborazione. I dischi del gruppo, diffusi in Europa, Asia e Stati Uniti, e i concerti sono stati recensiti e premiati da numerose riviste, testate e siti. Il Rossignolo è gruppo in residence per un progetto didattico presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali Rinaldo Franci a Siena, dove coordina il dipartimento d’interpretazione storica, con corsi di strumenti antichi e musica d’insieme.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

LAURA CHERICI

Dopo aver conseguito gli studi al Conservatorio di Reggio Emilia debutta giovanissima al Teatro Regio di Torino in Der Rosenkavalier, Carmen e Aida, quindi come Susanna ne Le nozze di Figaro sotto la direzione del M. G. Kuhn.

Laura Cherici si è esibita nei maggiori teatri e festival italiani ed esteri collaborando con direttori come Accardo, Ahronovitch, Antonini, Arena, Bartoletti, Bolton, Cambreling, Curtis, Cillario, De Bernardt, Gatti, Gavazzeni, Gelmetti, Grazioli, Guschlbauer, Humburg, Kuhn, Lombard, Maag, Mehta, Muti, Oren, Pesko, Renzetti, Zedda, Dantone e e registi come F. Zeffirelli, G. Proietti, M. Placido, Pier’Alli, L. Ronconi, J. Miller.

Tra i ruoli interpretati si ricordano Susanna nelle Nozze di Figaro, Zerlina nel Don Giovanni (Teatro alla Scala), Berta nel Barbiere di Siviglia, Lauretta nel Gianni Schicchi, Pamina e Papagena nel Zauberflote, Despina nel Così fan tutte, Lisette nella Rondine (Sidney Opera House), Norina, Elisetta nel Matrimonio segreto, Melanto ne Il ritorno di Ulisse in patria, Drusilla ne L'incoronazione di Poppea, Checca ne Il Flaminio di Pergolesi, Chiarella ne Il convitato di pietra di Tritto e Kristina ne Il caso Makropulos.

Nel 2007, sotto la direzione del Maestro Curtis, è stata una Teutile di notevole impatto nel Motezuma di Vivaldi al Teatro Sao Carlos di Lisbona, al Festival dei Due Mondi di Spoleto e successivamente nei teatri di Ferrara, Piacenza, Modena e Roma. Ha debuttato il ruolo di Ginevra nell’Ariodante di Haendel e ha partecipato all’incisione di Alcina sempre con il M. Curtis. Da ricordare il Cappello di paglia di Firenze con la direzione del Maestro B. Bartoletti al Teatro Carlo Felice di Genova ed il Ein Sommernachtstraum di Mendelssohn al Teatro Filarmonico di Verona.

Nel maggio del 2008 è stata al Lufthansa Festival interpretando con grande successo il ruolo di Esilena nel Rodrigo di Haendel.

Nella stagione 2008/2009 ha preso parte all’edizione de Il Barbiere di Siviglia, con la direzione del M. Mariotti all’Opera Royal de Wallonie nel ruolo di Berta. Successivamente ha cantato al Teatro Carlo Felice di Genova nella produzione di Ariadne Auf Naxos e l’Orlando Paladino presso il Nederlands Concertgebouw.

Nel giugno 2010 ha cantato a Jesi nella produzione del Festival Pergolesi Spontini di Flaminio, accolta dalla critica in modo molto positivo. Ha in seguito rivestito i panni di Marcellina nelle mozartiane Nozze di Figaro allestite al Teatro del Maggio Musicale fiorentino e di Berta nel Barbiere di Siviglia al Corum di Montpellier.

Attiva nel repertorio contemporaneo ha interpretato molte prime mondiali tra le quali “Le Vite Immaginarie”, “La Lupa”, “Vita”, ” Il gatto con gli stivali “ e “Federico II” di Marco Tutino, ”Canzoni d’amore” di Lorenzo Ferrero, ”Amin” di Matteo D’Amico, ”Rimini addio!”di Carlo Boccadoro, ”La brocca rotta” di Flavio Testi, ”La Tempesta” di Carlo Galante con la regia di Giancarlo Cobelli, “ Un tram che si chiama desiderio” di André Previn con la direzione di Steven Mercurio e la regia di Giorgio Gallione al Regio di Torino. Tra i numerosi recital ricordiamo “Rocklied” (alla ricerca del classico nel pop) e “Suono, Sogno, Swing” con musiche di Porter e Gershwin in collaborazione con Antonio Ballista.

Nel 2009 ha ricevuto il premio “ Gianni Poggi “ per il ruolo di Teutile nel Motezuma di Vivaldi.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

ENSEMBLE SAN FELICE

L'Ensemble San Felice, fondato nel 1993 da Federico Bardazzi nel’ambito delle attività musicali dell’Accademia San Felice di Firenze, è un gruppo vocale e strumentale, con un repertorio prevalentemente sacro, dal medioevo alla musica contemporanea, si focalizza da molti anni sulla produzione bachiana eseguendo sotto la direzione di Bardazzi la Messa in si minore, i Sei Mottetti tedeschi, la Johannes-Passion, i Concerti brandeburghesi, una ricostruzione liturgica integrale della Messa Luterana ambientata negli anni di Bach a Lipsia, oltre a numerosissime Cantate.

Il gruppo si dedica inoltre, sempre sotto la guida di Bardazzi, al repertorio del seicento, presentando in numerosi festival in Italia e all’estero pagine raramente eseguite di Marco da Gagliano, Frescobaldi, Carissimi, Buxtehude, Jeronimo de Carrion, François Couperin. Di particolare interesse, da questo punto di vista, la prima esecuzione in tempi moderni effettuata dall’Ensemble in collaborazione con il musicologo Giuseppe Collisani del Vespro di Santa Cecilia di Francesco Maria Stiava e delle sonate per due violini e basso di Pietro Antonio Franchi, due significativi autori toscani del periodo barocco.

Un successo particolare di pubblico e di critica hanno riscosso, in numerose tournée europee, una nuova versione del Requiem di Mozart, "Magnificat" - realizzato con il sostegno dell'Unione Europea - "El cant de la Sibilla" - programma di musica medievale catalana presentato al Festival dei Due Mondi di Spoleto - “Nigra sum sed formosa” cantigas de Santa Maria e il dramma liturgico medievale da codici fiorentini “Quem queritis”.

Costante è stato anche l’approfondimento della musica di Arvo Pärt, con l’esecuzione del programma “Magnificat”, strutturato sulle “Sieben Magnificat Antiphonen” e della “Berliner Messe”, integrata dai brani del Proprio in canto gregoriano. Sul repertorio gregoriano il gruppo si è sempre più profondamente dedicato negli ultimi anni con grande attenzione filologica e semiologica, dando vita alla prestigiosa iniziativa “in canto gregoriano - incontri internazionali di Firenze” che si svolgono annualmente in collaborazione con il Capitolo Metropolitano Fiorentino e con l’Aiscgre - Associazione Internazionale Studi di Canto Gregosriano, con la presenza abituale delle più prestigiose personalità attive in questo campo, quali Nino Albarosa, Johannes Berchmans Göschl, Daniel Saulnier. Attualmente presenta il repertorio gregoriano con voci femminili sotto la direzione di Federico Bardazzi, mentre la formazione vocale è svolta dalla solista del gruppo Barbara Zanichelli.

L’Ensemble San Felice è stato diretto da Alan Curtis nell’Euridice di Jacopo Peri, da Marco Balderi con Oratori di Giacomo Carissimi, e fra gli altri da Mark Shaull, e da Hans Dieter Uhlenbruck in numerosi concerti in Italia e all’estero.

Della discografia dell'Ensemble San Felice diretto da Federico Bardazzi fanno parte la registrazione dei Sei Mottetti di Johann Sebastian Bach, la prima registrazione in assoluto della Messa sopra l'aria di Fiorenza di Girolamo Frescobaldi (Bongiovanni), il Cd di Cantigas de Santa Maria di Alfonso X “Nigra sum sed Formosa” (Bongiovanni), il dramma liturgico medievale fiorentino “Quem queritis?” (Tactus) che è stato presentato in numerose tourné con successo in Italia e all’estero. I suoi concerti e Cd sono stati trasmessi dalla Rai, dalle radio e televisioni svizzera, tedesca, polacca e dalla BBC.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

RAMIN BAHRAMI

Nato in Iran da una famiglia benestante (il padre, Paviz, era ingegnere), rimase folgorato dalla musica di J.S. Bach fin da giovane. Con l'avvento del regime degli Ayatollah a seguito della Rivoluzione iraniana, Paviz fu incarcerato, con l'accusa di essere oppositore del regime e di aver collaborato con lo Scià, e poi ucciso nel 1991.

Ramin fu costretto a emigrare in Europa a 11 anni. L'intenzione era quella di recarsi in Germania, ma il primo paese che lo accolse fu l'Italia, grazie ad una borsa di studio donatagli dall'Italimpianti in seguito all'intervento dell'ambasciata italiana a Teheran. Sembra che uno dei consigli dispensati del padre al figlio Ramin fosse: frequenta «Bach, perché la sua musica ti potrà aiutare molto».

Nel 1997 si diplomò brillantemente sotto la guida di Piero Rattalino presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, perfezionandosi poi con Danilo Lorenzini e all'Accademia Pianistica "Incontri col Maestro" di Imola.

Grande importanza hanno avuto nella sua formazione i seminari di interpreti come András Schiff, Robert Levin, Wolfgang Bloser alla Hochschule für Musik di Stoccarda e soprattutto l'incontro con Rosalyn Tureck, vera autorità in campo bachiano e sua mentore, morta nel 2003.

Oggi vive a Stoccarda ed è considerato uno dei più promettenti interpreti del repertorio bachiano.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

FERDINANDO BASTIANINI

Si è diplomato con il massimo dei voti, in organo e composizione organistica, pianoforte, musica corale e direzione di coro. Ha conseguito sei idoneità in concorsi musicali pubblici, è risultato vincitore del primo premio al Concorso internazionale “Roma 1989″, e si è affermato nei primi posti in molti altri concorsi internazionali. Si è perfezionato con organisti e pianisti di chiara fama internazionale quali: Hector Pell e Maria Mosca per il pianoforte, Concenzio Panone, Maurice Clerc e Guy Bovet per l’organ, Maria Mosca ed Hector Pell per il pianoforte, Teresa Procaccini per la composizione, Herve Niquet di Les Arts Florissants per la musica barocca e Maurice Clerc e Guy Bovet per l’improvvisazione.

Ha suonato più volte al festival barocco di Viterbo, e collabora con l’Orchestra Internazionale d’Italia e con l’orchestra XXI secolo. Effettua attività concertistica sia in Italia che all’estero (Bonn, Basilea, Berna, Stoccolma, Vienna) come solista e come accompagnatore di svariate formazioni orchestrali. Ha tenuto corsi di perfezionamento in organo, liturgia e Canto Gregoriano. E’ titolare della cattedra di Lettura della partitura presso il conservatorio G.B. Pergolesi di Fermo, nonché di pianoforte principale presso la scuola musicale di Viterbo. È organista titolare della basilica cattedrale di Viterbo e della chiesa di Santa Maria della Verità sempre a Viterbo. Collabora in attività giornalistica con vari periodici.

Docente di Improvvisazione presso i Corsi di perfezionamento Musicale di Eboli (SA). È recente l’uscita dei CD “l’Organo a Viterbo”, nel quale si esibisce sui più importanti organi della Città, “Soli Deo gloria” registrato nella cattedrale di Fermo “Priére”, un disco su musica francese del tardo Ottocento, realizzato con la collaborazione della cantante Frederique Willem e del sassofonista Maurizio Gibellieri. L’ultimo lavoro l’incisione di un CD, sempre con la collaborazione della cantante Frederique Willem, sulla liederistica del tardo Ottocento francese, registrato presso il teatro”Marchetti” di Camerino. Recenti le sue tournées in Polonia e U.S.A. Ha eseguito in prima mondiale musiche inedite del maestro Fernando Germani, tra cui le "Variazioni per organo ed orchestra". Degne di nota le sue esibizioni alla presenza del Santo Padre: nel 1987 alla Sala Nervi (Pont. Giovanni Paolo II), e nel 2009 durante la celebrazione liturgica svoltasi in Viterbo (Pont. Benedetto XVI). Ha inoltre collaborato con la nota attrice Maria Rosaria Omaggio e con l'Accademia Nazionale di Danza.

Mercoledì, 11 Maggio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

FABRIZIO BASTIANINI

Fabrizio Bastianini iniziato a cinque anni lo studio del pianoforte al quale ha affiancato in seguito quello del violino. Laureato in Didattica della Musica con il massimo dei voti e la lode, ha conseguito altri diplomi in altrettante diverse discipline musicali studiando presso i Conservatori di “S. Cecilia” a Roma e “L. Cherubini” di Firenze: Composizione, Violino, Strumentazione per Banda, Canto corale e Direzione di Coro e Direzione d’Orchestra.

Compositore poliedrico, è apprezzato da molte orchestre, cori e gruppi cameristici anche per le brillanti doti di trascrittore (Orchestra Sinfonica di Roma, Orchestra Sinfonica dei Giovani dell'Arts Academy di Roma, Coro del Teatro Regio di Parma, ecc.). In veste di direttore, le esecuzioni più recenti comprendono tra gli altri il Requiem di Fauré (Requiem), il Psalm 51 di Bach, il concerto n. 1 di Chopin per pianoforte e orchestra, Arie e Cori dalla Passione secondo Matteo di J. S. Bach.

Cofondatore dell’Orchestra del XXI secolo e fondatore dell’Ensemble Vocale “Il Contrappunto” e dell’orchestra Etruriænsemble, è attualmente Coordinatore pro tempore della Scuola Musicale Comunale di Viterbo dove è anche titolare della cattedra di Teoria e Solfeggio.

Pagina 8 di 25

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.