mercoledì, 05 ottobre, 2022
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Non categorizzato
Non categorizzato

Non categorizzato (346)

Giovedì, 05 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Opera Barga

The project aims to highlight some of the most distinctive locations of the historic councils in the Tuscan Appennine Range with the participation of SIMONE BERNARDINI’S ENSEMBLE LE MUSICHE.

Simone Bernardini plays first violin for the Berlin Philharmonic and is currently the guest concert master for the Berlin Staatskapelle orchestra conducted by Daniel Barenboim during their recent series of concerts featuring the entire cycle of Bruckner Symphonies and Mozart’s Piano Concertos.

In Barga, Simone and his Le Musiche Quartet partners along with other players from some of Europe’s major orchestras will be performing a variety of chamber music, with the programs being selected and rehearsed in the small villages of Barga and Bagnone. Some rehearsals are also open to the public.

The MUSICA NEI BORGHI PROJECT has been made possible thanks to the support of the Councils of Barga and Bagnone.

The Le Musiche Quartet player are

Simone Bernardini e Christophe Horak – violins – both members of the Berlin Philharmonic.

Andreas Willwohl – Lead viola of the Berlin Radio Symphony Orchestra

Ulrike Hofmann – first cello of the Stuttgart Radio Orchestra

Other Ensemble Members are:

Simon Roturier, Lauriane Vernhes, Avishai Chameides, Joan Bachs, (quartetto Noga)

Giulia Bellingeri (violin), David Quiggle (viola), Daniel Van Biemen (violin), Mok-Hyun Gibson-Lane (cello)

Jerome Akoma (violin) and Claire Thirion (cello).

Flute – Curt Schroeter

Horn – Deborah Kopp

Piano – Lauma Skride

A few of the compositions that will be performed during the concerts are listed below.

Schubert’s Fantasy for violin and piano

Trio for horn, violin and piano in E flat Maj. op. 40 by J. Brahms

Schubert’s C min Quartettsats D. 703

Quartett no. 3 in D maj. op. 18 by L. v. Beethoven

Quartet in G maj op. 106 by A. Dvorak

J. Haydn:

The last seven words of Christ on the Cross for quartet and narrator

J. Brahms:

String sextet no. 2 in G maj.. op. 36

W. A. Mozart

Quartet for flute and strings in D Maj.

L.v. Beethoven

Serenade for flute, violin and viola op. 25

A. Dvorak

American Quartet No. 12 op. 96 in F Maj.

Giovedì, 05 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Opera Barga: CELEBRATION OF JOHN CAGE'S BIRTH

To celebrate the centenary of John Cages birth, (1912 – 1992) Opera Barga, who already in 1974 gave the Italian premier of “Mesostick”, will be presenting a concert performance of works by Cage and other musicians on the 7th of July, plus a series of impromptu “musical happenings” to take place almost unannounced in various locations in the town of Barga, sort of “flash concerts” throughout the daytime of the 6th and 7th of July. Because music is everywhere, as Cage would have us believe.

John Cage was one of the pioneers of twentieth century music. After studying with Arnold Schoenberg for two years, he set himself the task of working as a composer for the rest of his life. His writings and compositions have had a wide influence on subsequent developments in contemporary music and in the 60’s and 70’s he formed what was then known as the New York School along with fellow composers Morton Feldman, Earle Browne, David Tudor e Christian Wolff.

J.CAGE

LIVING ROOM MUSIC

for percussion and speech quartet with or without an instrumental solo with percussion trio

and

Italian Premiere of

FADS AND FANCIES IN THE ACCADEMY

for 4 percussionists and piano

G.BATTISTELLI

PSYCHOPOMPOS for six percussionists

F.FILIDEI

PUCCINI A CACCIA for 8 percussionists

V.GLOBOKAR

QVADRAT for 4 percussionists

M. KAGEL

RRRRRRRR for percussion trio

P. CASTALDI

SOLFEGGIO RITMICO for 4 players

Giovedì, 05 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Opera Barga: Alessandro Scarlatti’s first opera

Alessandro Scarlattis first opera was performed in Rome during the Carnival of 1679. At the time Pope Innocence XI had banned all theatrical entertainment during the Carnival period, which meant that the performance had to take place almost secretly at the home of the librettist Domenico Filippo Contini, only to be transferred to the Theatre of the Carmelite College at the behest of Queen Cristina of Sweden (and the Cardinals who wished to attend were smuggled in through the ladies entrance).

The opera was very well received and subsequently performed in Naples, Bologna, Florence and Vienna as well as many other venues.

The plot revolves around the love between two young shepherds, Clori and Eurillo, whose lover’s tiffs are heightened by the meddling of Clori’s younger sister Lisetta, who is also keen to enjoy lover’s prerogatives and has a fancy for Eurillo, but even more so by the appearance of Armindo, whom we discover in the end to be Eurillo’s long lost identical twin. This leads to a series of very “equivocal” and often very entertaining situations which lead up to a typically forced (and by no means conclusive) “happy ending”.

Conductor – Carlo Ipata, Director Dagny Müller,

Sets Nicolas Bovey, Costumes – Kerry Bell,

Lighting – Riccardo Tonelli

Cast: Alberto Allegrezza, Francesca Lombardi Mazzulli, Matteo Mezzaro, Manuela Ranno

Orchestra Auser Musici

Coproduction Opera Barga - Auser Musici


Martedì, 17 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Sea Parade - Spettacolo itinerante

Un Uomo, una Donna, i loro figli, una vecchia bicicletta, una sedia, un materasso, povere masserizie salvate da una fuga precipitosa, una fuga dalla noia, una fuga da un paese dove il tempo scorre ma non passa mai. E’ questo l’inizio di una spettacolo itinerante, nato da un piccolo laboratorio teatrale tenuto dal regista Davide Iodice con gli attori e gli animatori della Compagnia degli Sbuffi. Con questa improvvisazione iniziale, nasce davanti al pubblico, una fantastica visione, gli scarni elementi scenici, si uniscono, diventano barca, pronta a solcare i mari del racconto, sfilando per le strade seguita da pupazzi alti all’incirca tre metri, sempre pronta a trasformarsi, ancora e sempre a vista, nei luoghi del racconto stesso, eccola quindi diventare un enorme teatro da burattini per ascoltare e vedere la tragica storia d’amore tra una sirena ed un marinaio, messa in scena dai pupazzi della parata, ora enormi burattini e bunraku; o teatro d’ombre per narrare come è che Colapesce, dal profondo del mare regge le sorti di noi tutti.

Martedì, 17 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Zeza e Pulcinella

Il teatro Bertolt Brecht ha una lunga confidenza con la maschera di Pulcinella, di cui ha narrato, nel corso di diversi spettacoli, le peripezie, gli amori, le disavventure e addirittura la morte. In particolare lo spettacolo “Pulcinella, mon amour” (Formia, 2007), apprezzato in Italia e all'estero, ha sperimentato la rilettura in chiave di teatro di strada del repertorio tradizionale delle “guarattelle”, ovvero dei burattini ispirati alla celebre maschera.
Lo spettacolo “Zeza e Pulcinella” si inserisce in questa linea di lavoro e si ispira alla Zeza tradizionale in maniera molto libera, rielaborando e contaminando le diverse tradizioni, per dare vita ad una serie di squadri ispirati alle tecniche del teatro di strada e di figura.
La Zeza tradizionale è una scenetta carnevalesca, cantata al suono del trombone e della grancassa, che vide probabilmente la luce nella seconda metà del Seicento. Zeza era originariamente un nome proprio: il diminutivo di Lucrezia (moglie di Pulcinella nella commedia dell’arte). Questo tipo di spettacolo nacque dunque nell'ambito delle rappresentazioni legate a questo personaggio. Da Napoli si diffuse presto nelle campagne adiacenti e poi nelle altre regioni del Regno.
La Zeza rappresenta la storia delle nozze di Don Nicola, studente di legge, e di Vicenzella, contrastate dal padre della donna, Pulcinella, che teme di essere disonorato ed è inconsapevolmente geloso, e sostenute da sua moglie, Zeza, che è di ben altro avviso e vuole far divertire la figlia «co mmilorde, signure o co l’abbate»; Pulcinella sorprende gli innamorati e reagisce violentemente, ma è punito e piegato da Don Nicola e alla fine si rassegna.
La meraviglia del teatro di strada si unisce alle atmosfere farsesche della maschera napoletana per dar vita ad uno spettacolo originale e di sicuro impatto su spettatori di ogni età.
Martedì, 17 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

I tre porcellini

La trasposizione teatrale de “I tre porcellini” è tratta da una classica fiaba della tradizione orale inglese, la cui prima versione scritta risale al 1843, quando lo scrittore O.J. Helliwell la inserì nella sua raccolta di racconti “Nursery Rhymes and tales”.
La fortuna della fiaba è nota, tuttavia la sua stesura originaria è andata modificandosi nel corso del tempo, fino a giungere alla celeberrima versione del cortometraggio di Walt Disney, dove le parti più crude della vicenda sono state eliminate.
Nella fiaba originale, infatti, i primi due porcellini vengono divorati dal lupo che ha distrutto le loro case, ed il lupo stesso non ha una sorte migliore: calatosi nella casa di mattoni del terzo porcellino attraverso la canna fumaria del caminetto, finisce in un pentolone d’acqua bollente, viene lessato ed infine mangiato dal maialetto. Inoltre, prima del triste epilogo, per ben tre volte viene raggirato dall’astuto porcellino della casa di mattoni, che lo precede in un campo di rape, in un frutteto ed al mercato, luoghi dove il lupo lo aveva attirato con dei pretesti, nel vano tentativo di catturarlo. Nella nostra messa in scena abbiamo privilegiato la versione edulcorata della fiaba, nella quale i porcellini “scanzafatiche” si mettono in salvo nella casetta di mattoni, e nel finale, il lupo, calatosi nel caminetto, si brucia la coda e fugge via lontano. Della prima versione del racconto inglese, abbiamo invece recuperato l’episodio della beffa al lupo nel frutteto.
L’aspetto fiabesco dello spettacolo è accentuato dal linguaggio in versi, proprio della favola, gradevole ed accattivante, infantile come una filastrocca e ricercato come una poesia, immediato ed in perfetta armonia con le musiche originali, le canzoni e le coreografie, e con gli efficaci costumi in gommaspugna. Infine, come in ogni fiaba che si rispetti, è chiara la morale ed è leggibile la metafora: dal distacco dalla mamma alla costruzione delle tre casette, fino all’ultimo gesto di sfidare il lupo e di sconfiggerlo, si evince la conquista dell’indipendenza, il passaggio dall’infanzia (casa di paglia), all’adolescenza (casa di legno) fino all’età adulta (casa di mattoni), nonché la vittoria dell’astuzia sulla forza bruta e l’invito stimolante all’operosità, senz’altro più proficua della pigrizia. Lo spettacolo è indicato per tutte le classi della scuola elementare, sia per l’universalità della fiaba, che lo rende idoneo ai più piccini ai quali è senz’altro nota, che per la multimedialità dell’allestimento, utile ai più grandi per decodificare i più codici della sfera teatrale.
Martedì, 17 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Amore e magia nella casa di Pulcinella

Amore e magia nella casa di Pulcinella è una versione ridotta e rivisitata tratta dal Don Fausto di Antonio Petito, uno dei più grandi Pulcinella della storia del Teatro, vissuto nella seconda metà dell’800, autore di numerose commedie e parodie. Partendo dall’UrFaust di Goethe, Petito rielabora, in chiave comico grottesca, la vicenda di Faust e della sua smania di diventare dotto e bello attraverso l’uso della magia.
Nel nostro lavoro, il personaggio Don Fausto agisce con i burattini in una specie di aberrazione dettata dal gioco delle illusioni che si consuma ai danni dello stesso protagonista.
Don Fausto invoca il Diavolo e questi gli si presenta, prima in forma umana e poi come burattino, per guidarlo verso la felicità e l’amore tanto inseguito.
Ma come succede nelle farse, Don Fausto rivolge le sue attenzioni verso quella che gli sembra una fanciulla dal viso un po’ brunetto, ma che in realtà è Pulcinella, che nel gioco dei travestimenti assume le sembianze di donna. Questa fantastica messinscena ha lo scopo di far rinsavire Don Fausto e riacquistare l’equilibrio che le fantasticherie dei libri di magia gli hanno inculcato. In un incalzante susseguirsi di apparizioni, duelli e prigioni, il povero Don Fausto, alla fine, viene riportato alla realtà con un provvidenziale bagno di acqua fredda che sembra farlo rinsavire. Ma, quando tutto sembra aver riacquistato l’equilibrio sperato, ecco che Don Fausto, nel chiuso della sua camera, riprende il cammino verso quel mondo immaginario dove tutto è possibile e dove il sogno ha ancora cittadinanza.
Martedì, 17 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

Gran parata di Pulcinella

La Gran Parata di Pulcinella è uno spettacolo itinerante con maschere, pupazzi giganti, trampoli e musica dal vivo. Un gran divertimento per le piazze, i vicoli e i cortili dove, oltre la sfilata colorata e chiassosa, si alternano alcune scene prese dalla tradizione della commedia dell'arte, lazzi, mosche, litigi e girotondi. Pulcinella la fa da padrone incitando il pubblico ad intervenire, un po' banditore e un po' "bandito", scorazza per le strade insieme alla sua allegra compagnia. Si "intrufola" tra la folla, entra nei negozi, coinvolge le signore nei suoi strampalati guizzi linguistici e nei suoi discorsi "filosofici". La musica dell'organetto e delle percussioni fa da giusto accompagnamento per il colore dello spettacolo. Lo spettacolo è realizzato dal teatro Bertolt Brecht di Formia e dai ragazzi della sua scuola, che nel loro percorso di formazione attoriale hanno anche lavorato su una ricerca relativa alle maschere della commedia dell'arte.
Lo spettacolo ha debuttato nel primo festival dei Teatri d'Arte Mediterranei tenutosi a Formia nel luglio del 2005.
Venerdì, 15 Luglio 2011
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da
TEATRO DUSE, Bologna
Via Cartoleria 42
40124 Bologna
t + 39 051 231836 / + 39 051 226606
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.teatrodusebologna.it
Teatro Duse, Bologna

Il Teatro
Programma novembre - dicembre 2012
Programma gennaio - aprile 2013
Info

Teatro Duse Il Teatro Duse è tra i più antichi edifici di Bologna, dedicato a manifestazioni teatrali e spettacolistiche sin dalla metà del XVII secolo.

Prima spazio utilizzato per il teatro collegiale di tipo gesuitico, poi dal 1865 con il nome di Teatro Brunetti spazio consacrato per il teatro popolare che ospita generi spettacolari eterogenei, dall'opera lirica al circo equestre, dall'operetta alla commedia, dai concerti alle tragedie.

Sul suo palcoscenico si sono esibiti prestigiosi attori e grandi attrici come Adelaide Ristori e Sarah Bernhardt.Eleonora Duse già all'età di 7 anni sul palco di Via Cartoleria era stata Cosetta ne "I Miserabili" di Victor Hugo e a lei dal 1898 è stato intitolato il teatro.

Un teatro all'avanguardia, motivo di vanto per tutta la città di Bologna, sia per gli spettacoli e le compagnie ospitate, sia per l'alto livello tecnologico della struttura: a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento diventa sala cinematografica e fu il primo teatro in città ad possedere l'illuminazione elettrica.

La struttura attuale, con due gallerie, un loggione, due foyer oltre al ridotto, risale ai lavori di ammodernamento del 1940.

Gestito per 37 anni dall'Ente Teatrale Italiano, dal 2011 il Teatro Duse grazie alla sinergia di sei imprenditori che da anni operano nel panorama teatrale italiano continuerà ad ospitare spettacoli di qualità. Dalla prosa classica, a spettacoli di impegno civile e di drammaturgia contemporanea, da commedie e spettacoli musicali passando per operette fino ad appuntamenti con la danza sia classica che moderna le nuove stagioni del Teatro Duse si aprono a tutto il pubblico.

Per informazioni: 051/231836 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sulle mie corde Martedì 30 ottobre – ore 21.00

Associazione Culturale Via del Campo

Neri Marcorè in
SULLE MIE CORDE

con Marco Caronna, Domenico Mariorenzi, Primiano Di Biase, Guerino Rondolone, Simone
Talone, Alessandro Tomei
con la partecipazione del M° Edoardo De Angelis
arrangiamenti orchestrali del M° Valter Sivilotti
e con la partecipazione straordinaria dell'Orchestra del Collegium Musicum Almae Matris
SERATA INAUGURALE

più info


Cyrano De Bergerac Da venerdì 9 a domenica 11 novembre
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Teatro Stabile d'Abruzzo e Khora.Teatro

CYRANO DE BERGERAC

di Edmond Rostand
traduzione e adattamento Tommaso Mattei
con Alessandro Preziosi
e con Valentina Cenni, Massimo Zordan, Emiliano Masala, Marco Canuto
e i giovani attori della Link Academy
regia Alessandro Preziosi

più info

Il miracolo di Don Ciccillo Da venerdì 16 a domenica 18 novembre
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Diana Or.i.s Produzioni

IL MIRACOLO DI DON CICCILLO

di e con Carlo Buccirosso
e con Valentina Stella, Gianni Parisi, Gino Monteleone, Graziella Marina
aiuto regia Martina Parisi
regia Carlo Buccirosso

più info

Jim Hall in Concerto Martedì 20 novembre - ore 21.00

Bologna Jazz Festival

JIM HALL IN CONCERTO

con Jim Hall (chitarra), Scott Colley (contrabbasso), Brian Blade (batteria)
concerto inserito nella manifestazione Bologna Jazz Festival


Trappola per topi Da venerdì 23 a domenica 25 novembre
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Attori & Tecnici
TRAPPOLA PER TOPI

di Agatha Christie
traduzione di Edoardo Erba
con Annalisa Di Nola, Stefano Messina, Carlo Lizzani, Paolo Zuccari, Roberto Della Casa, Claudia Crisafio, Elisa Di Eusanio
regia Stefano Messina

più info

Bulli e pupe Domenica 2 dicembre – ore 16.00

Compagnia Corrado Abbati in
BULLI E PUPE

libretto Abe Burrows
musica Frank Loesser
regia Corrado Abbati

più info


Provando in nome della madre Giovedì 13 dicembre – ore 21.00

Produzioni Fuorivia

PROVANDO IN NOME DELLA MADRE

di Erri De Luca e Simone Gandolfo
con Erri De Luca, Simone Gandolfo e Sara Cianfriglia
regia Simone Gandolfo

più info


Cani e gatti (Marito e Moglie) Da venerdì 14 a domenica 16 dicembre
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

I due della Città del Sole

CANI E GATTI (MARITO E MOGLIE)

Commedia in due parti di Eduardo Scarpetta
Riduzione di Luigi De Filippo
con Luigi De Filippo e la Compagnia di teatro di Luigi De Filippo
regia Luigi De Filippo

più info

I Cosacchi del Don Giovedì 20 dicembre – ore 21.00

Balletto Statale Russo in
I COSACCHI DEL DON

coreografie Nonna Gepfner
musica dal vivo eseguita dall'ensemble del Balletto "I Cosacchi del Don"
direttore artistico Yuri Golodniuk

più info


Harem Gospel Choir Sabato 22 dicembre - ore 21.00

Ponderosa Music&Art

HAREM GOSPEL CHOIR IN CONCERTO

Il coro gospel più famoso d'America
CONCERTO DI NATALE


Cin ci là Domenica 23 dicembre – ore 16.00

Compagnia Italiana di Operette
CIN CI LA'

con Umberto Scida, Elena D'Angelo, Armando Carini
libretto Carlo Lombardo - musica Virgilio Ranzato e Carlo Lombardo
regia Umberto Scida

più info


Tutto Shakespeare in 90 minuti da venerdì 28 a lunedì 31 dicembre
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

coproduzione a.ArtistiAssociati – FondazioneAtlantide-TeatroStabileVerona

TUTTO SHAKESPEARE IN 90 MINUTI

di Adam Long, Daniel Singer, Jess Winfield
adattamento Alessandro Benvenuti
con Zuzzurro & Gaspare, Maurizio Lombardi
regia Alessandro Benvenuti e Paolo Valerio

più info

B - The underwater bubble show Da venerdì 4 a domenica 6 gennaio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Brinum-X

B - THE UNDERWATER BUBBLE SHOW
uno spettacolo di Circo-Teatro

ideato da Enrico e Dace Pezzoli
con Marco Zoppi, bubble artist ed artisti della compagnia lettone Circus
produzione esecutiva per l'Italia Tiven Group S.r.l.

più info

Non ce ne importa niente Domenica 13 gennaio – ore 16.00

P-nut

Le Sorelle Marinetti in
NON CE NE IMPORTA NIENTE

di Giorgio Bozzo
con Nicola Olivieri, Andrea Allione, Marco Lugli e con l'Orchestra Maniscalchi diretta da
Christian Schimtz
regia Max Croci

più info


Re Lear Da venerdì 18 a domenica 20 gennaio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Ercole Palmieri e Goldenart Production

RE LEAR

di William Shakespeare
con Michele Placido
e con Gigi Angelillo, Margherita Di Rauso, Federica Vincenti, Francesco Bonomo, Francesco Biscione, Linda Gennari, Giulio Forges Davanzati, Brenno Placido, Bruno Conti, Enzo Curcurù, Peppe Bisogno, Alessandro Parise, Riccardo Morgante
regia Michele Placido e Francesco Manetti

più info

Un Ispettore in casa Birling Da venerdì 25 a domenica 27 gennaio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Bis Tremila

UN ISPETTORE IN CASA BIRLING

di John Boynton Priestley
traduzione Giovanni Lombardo Radice
con Paolo Ferrari e Andrea Giordana
e con Orsetta De Rossi, Cristina Spina, Vito Di Bella, Mario Toccafondi, Loredana Gjeci
regia Giancarlo Sepe

più info

Amarcord martedì 29 gennaio – ore 21.00

Daniele Cipriani Entertainment

Rossella Brescia e Nicolò Noto in
AMARCORD

con la Compagnia Danzitalia
musica Nino Rota e canzoni popolari degli Anni Trenta
coreografia e regia Luciano Cannito

più info


Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

ARTÙ

SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA ANCORA PIÙ GROSSA!

di Ray Cooney
versione italiana di Luca Barcellona
con Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Miriam Mesturino
con la partecipazione straordinaria di Raffaele Pisu
con Nini Salerno nel ruolo del Direttore,
e Licina Lentini nel ruolo di Arabella
e con Antonio Pisu, Claudia Ferri, Domenico De Santi, Selene Rosiello
regia Gianluca Guidi

più info

Le Beatrici Giovedì 7 febbraio – ore 21.00

Bis Tremila in collaborazione con Bottega Rosenguild

LE BEATRICI

di Stefano Benni
con Valentina Chico, Elisa Marinoni, Alice Redini, Gisella Szaniszlò, Valentina Virando
regia Stefano Benni e Collettivo Beatrici

più info


Buonanotte Mamma Da venerdì 8 a domenica 10 febbraio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

BUONANOTTE MAMMA

di Marsha Norman
con Ariella Reggio e Marcela Serli
traduzione di Laura Curino
regia Serena Sinigaglia

più info


Rain Man Da venerdì 15 a domenica 17 febbraio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Compagnia della Rancia

RAIN MAN
tratto dal film vincitore di 4 premi Oscar

Adattamento per il teatro di DAN GORDON tratto dal film della MGM
Basato sulla sceneggiatura di Ronald BASS - Barry MORROW
Prodotto su licenza speciale di MGM on Stage, Darcie DENKERT e Dean STOLBER

con Luca Lazzareschi, Luca Bastianello, Valeria Monetti, Beppe Chierici
regia Saverio Marconi
regia associata Gabriela Eleonori

più info

Come tu mi vuoi Da venerdì 22 a domenica 24 febbraio
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Teatro e Società

COME TU MI VUOI

di Luigi Pirandello
libero adattamento di Masolino D'Amico
con Lucrezia Lante Della Rovere
regia Francesco Zecca

più info

Ben Hur Giovedì 28 febbraio – ore 21.00

Neraonda

BEN HUR

una storia di ordinaria periferia
di Gianni Clementi
con Paolo Triestino, Nicola Pistoia e Elisabetta De Vito
regia Nicola Pistoia

più info


Sindrome da Musical Domenica 3 marzo – ore 21.00

Mauro Giannelli Eventi

Manuel Frattini in
SINDROME DA MUSICAL

di Lena Biolcati
consulenza artistica Stefano D'Orazio
regia Alfonso Lambo

più info


Un delitto senza importanza Giovedì 7 marzo – ore 21.00

E20 in scena

UN DELITTO SENZA IMPORTANZA: CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?

di Alessandro Fullin
con Alessandro Fullin, Anna Meacci e Filippo Pagotto
regia di Roberto Piana

più info


Romeo e Giulietta Da venerdì 8 a domenica 10 marzo
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Società per Attori

ROMEO E GIULIETTA

di William Shakespeare
traduzione di Massimiliano Palmese
con Fabio Bussotti, Mauro Conte, Riccardo Francia, Fabio Fusco, Fiorenza Pieri, Simone Pieroni, Serena Mattace Raso, Nicolò Scarparo, Francesco Wolf, Lucas Waldem Zanforlini
regia Giuseppe Marini

più info

Contemporary Tango venerdì 15 marzo – ore 21.00

Balletto di Roma in
CONTEMPORARY TANGO

musiche Astor Piazzolla, Lucio Demare, Anibal Troilo Juan D'Arienzo, Osvaldo Pugliese,
Francisco Canaro, Angel Villoldo
coreografia Milena Zullo

più info


Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere Venerdì 22 marzo – ore 21.00

Studio P3

Paolo Migone in
GLI UOMINI VENGONO DA MARTE; LE DONNE DA VENERE

dal best sellers di John Gray
messa in scena Paul Dewandre

più info


Calde le pere Sabato 6 e domenica 7 aprile
sabato ore 21.00, domenica ore 16.00

Ass. Cult. Il Ponte della Bionda

Giorgio Comaschi in
CALDE LE PERE

Bologna del sesso, dei delitti e dei casini (vietato a minori di 16 anni)
un progetto di Giorgio Comaschi

più info


Rumori fuori scena Da venerdì 12 a domenica 14 aprile
venerdì e sabato ore 21.00 – domenica ore 16.00

Attori & Tecnici

RUMORI FUORI SCENA

di Michael Frayn
traduzione Filippo Ottoni
con Viviana Toniolo, Annalisa Di Nola, Stefano Messina, Carlo Lizzani, Roberto Della Casa, Andrea Lolli, Elisa Di Eusanio, Claudia Crisafio
regia Attilio Corsini

più info

Mind juggler Venerdì 19 Aprile – ore 21.00

Marangoni Spettacoli

Francesco Tesei in
MIND JUGGLER

di Francesco Tesei

più info

Teatro Duse Biglietteria e Ingresso Teatro:
Via Cartoleria, 42
40124 Bologna
tel. + 39 051 231836
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Uffici e Segreteria
Via Castellata, 7
40124 Bologna
tel. + 39 051 226606
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
orario di apertura: dal lunedì al venerdì 10,30-13 e 15-19

Per informazioni Abbonamenti Clicca qui

Martedì, 17 Luglio 2012
Pubblicato in Non categorizzato
Scritto da

La Principessa audace

Russumilillu, in dialetto calabrese significa piccola mela rossa, ed è il nome della nostra protagonista, una fanciulla astuta e ardita, che travestendosi da cavaliere riesce a compiere imprese dove tanti altri hanno fallito - artificio che sovverte il topos del maschio-eroe. Questo racconto, anzi questa "rumanza", appartiene alla cultura popolare calabrese, raccolta e trascritta da Pasquale Rossi. Attraverso la fiaba e le avventure della sua audace protagonista, si propongono ai più piccoli le atmosfere incantate dell'oriente diventando un valido strumento di promozione e di fruizione della cultura musicale popolare.
Il commento musicale infatti consente un primo spontaneo approccio al linguaggio musicale, ed alla scoperta di repertorio e di strumenti musicali come la chitarra battente, la zampogna, la pipita, la tammorra, la lira calabrese, l'organetto ecc...
Il teatro di figura, per le sue capacità evocative, accompagna la narrazione in tutte le atmosfere del racconto. I personaggi sono prima marionette, poi marionette/ombra, suono, canto, parola e poi ancora marionette.
Il tema dell'oriente, del mito della terra orientale come luogo di conoscenza e di saggezza, è un tema quanto mai attuale, testimonia di una storia antica particolarmente felice, quando gli scambi con l'oriente rappresentavano elementi di ricchezza culturale, oltre che economica. I percorsi narrativi, quello musicale, quello visivo e quello della parola, sviluppano cammini paralleli e complementari, a volte si separano e a volte si intersecano.
E, anche se il racconto, la narrazione non appartengono più al quotidiano dei nostri bambini, la fascinazione e l'incanto emergono prepotentemente ogni qualvolta si prova a "raccontare", con le parole, con le immagini o i suoni.
Pagina 25 di 25

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.