giovedì, 19 luglio, 2018
Sei qui: Home / A / AMANTE (L') - regia Lorenzo Loris

AMANTE (L') - regia Lorenzo Loris

Roberto Trifido e Cinzia Spanò in "L'amante", regia Lorenzo Loris. Foto Dorkin Roberto Trifido e Cinzia Spanò in "L'amante", regia Lorenzo Loris. Foto Dorkin

di Harold Pinter
traduzione Alessandra Serra
regia Lorenzo Loris
con Roberto Trifirò, Cinzia Spanò, Vladimir Todisco Grande
scena Daniela Giardinazzi
costumi Nicoletta Ceccolini
luci Alessandro Tinelli
musiche originali di Simone Spreafico
collaborazione ai movimenti Barbara Geiger
in scena al Teatro Out Off, Milano, dal 6 aprile all' 8 maggio 2016

www.Sipario.it, 13 aprile 2016

Le fantasie piccanti di due coniugi borghesi

Gli interni scuri di un appartamento londinese sono lo sfondo scenico in cui è ambientata l'opera scritta da Pinter nel 1962. La vita matrimoniale di Richard e Sarah è travolta dalla noia. I due, per ravvivare l'eros dei tempi che furono, escogitano uno stratagemma: tradirsi di comune accordo. Questa soluzione, in apparenza, includerebbe la presenza di altri, e questo è ciò che ci aspetteremmo di vedere inizialmente. Ma poi, in un secondo momento, scopriamo che nel tradimento reciproco i rispettivi amanti sono Richard e Sarah stessi, al centro di un gioco in cui recitano i personaggi dei trasgressori. In particolare, Richard in antitesi al ruolo di marito serio e di instancabile lavoratore, recita la parte di un giovane arrogante e spavaldo, mentre, Sarah in antitesi alla moglie perbene e lontana da ogni tentazione, recita la parte della prostituta. Il gioco delle parti regge e sembra ravvivare la stanca coppia. Il finale prelude alla continuazione infinita di questa apparente soluzione il cui esito definitivo è lasciato alla libertà immaginifica e interpretativa del pubblico.
"L'amante" scritto nel periodo dello Swinging London, quando un insieme di tendenze e dinamiche culturali condizionarono fino a cambiare la morale di allora, ha conservato pienamente, fino ad oggi, i suoi significati più profondi e interpretativi della società in cui viviamo. L'opera è un vero trattato di sociologia del matrimonio borghese in cui, sullo sfondo di una marcata ipocrisia, si possono individuarne gli elementi costitutivi, che sono due facce della stessa medaglia: la noia, come causa scatenante e il tradimento come effetto risolutivo.
Lorenzo Loris, ormai pinterologo per le sue numerose esplorazione e messinscene delle opere dello scrittore inglese, con la sua regia, dà vita, efficacemente, a questi concetti teorici. E lo fa, restituendoci uno spettacolo in cui la comunicazione fra i personaggi non è affidata alle parole ma alle pause e ai silenzi. Il non detto è lo strumento utilizzato dal regista, con qualche rischio di abuso e di conseguente appesantimento del ritmo, per mostrarci le emozioni e i sentimenti più reconditi dell'animo di Richard e Sarah. É lì, e non nelle parole di comodo, che respiriamo la verità umana dei due coniugi. É lì che il loro falso sè si dissolve e la loro maschera sociale cala. Per poi perdersi e ritrovarsi nel gioco erotico degli amanti o meglio fra l'amante, uomo, e la prostituta, donna, forse a sottolineare la maggiore difficoltà della donna a farsi travolgere da un rapporto sessuale privo di ogni minimo legame affettivo. Il gioco delle luci, la capace interpretazione di Roberto Trifirò e Cinzia Spanò, la scenografia austera che ben si contrappone alla licenziosità dei due coniugi e le musiche di fondo suggellano uno spettacolo riuscito e applaudito dal pubblico convinto.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Giovedì, 14 Aprile 2016 07:13

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.