lunedì, 20 novembre, 2017
Sei qui: Home / F / FALSTAFF - regia Luca Ronconi

FALSTAFF - regia Luca Ronconi

Falstaff Falstaff Ruggero Raimondi. Regia Luca Ronconi

di Giuseppe Verdi
direzione orchestrale: Zubin Mehta, regia: Luca Ronconi
scene: Margherita Palli, costumi: Carlo Maria Diappi
interpreti: Ruggero Raimondi, Barbara Frittoli, Laura Polverelli, Elena Zilio, Mariola Cantarero, Danill Shtoda, Manuel Lanza, Gianluca Floris, Luigi Roni, Carlo Bosi
Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino
Firenze, Teatro del Maggio Musicale 2007

www.Sipario.it, 2007

Per Zubin Mehta da trentaquattro anni Firenze è una delle seconde patrie, forse la più importante. Adesso che lui ne compie settanta, il 69° “Maggio Fiorentino” lo ha festeggiato non solo con un concerto, accoppiato a quello inaugurale diretto da Daniele Gatti, ma anche con l’unico spettacolo d’opera rimasto in piedi dopo i tagli ministeriali forsennati: un Falstaff con due punte emergenti, Ruggero Raimondi come sir John e Luca Ronconi regista. Doveva esser festa e festa è stata. Questo Verdi estremo, anomalo e sorprendente, è al tempo stesso opera “da protagonista” e “da direttore”. Raimondi, pur eccedendo un po’ in volume di voce nel primo quadro, ha giocato il resto da par suo.
Da Mehta ci si aspettava una lettura più scavata; non ha fatto mancare qua e là splendide cattiverie, molto ben assecondato dalla brillante orchestra del “Maggio”. A contrasto, certe sfumature hanno rischiato di esser troppo evanescenti; il delizioso movimento d’armonia che avvolge i rintocchi della mezzanotte vorrebbe più chiarezza e meno flou. Lo strepitoso professionismo della bacchetta di Mehta ha fatto sembrar tutto naturale.
In quel tutto avevamo Barbara Frittoli un’Alice lussuosa, Laura Polverelli una solida Meg, Elena Zilio una Quickly di lungo corso (ma perché mai ha cantato “mezzamela” invece di “mezzanotte”?), Mariola Cantarero un’Annetta aurorale, Danill Shtoda un Fenton fresco anche se non incantato, Manuel Lanza un Ford sostanzioso; per la coppia grottesca Pandolfo-Pistola, Gianluca Floris e l’inossidabile Luigi Roni, con Carlo Bosi per il dottor Cajus.
Pretesto ronconiano non molto credibile per un ennesimo spostamento d’epoca, il far risaltar meglio le differenze sociali; nei costumi di Carlo Maria Diappi, le donne in chiffon anni Trenta-Quaranta (ma Hartnell, sarto della regina, aveva ben altro gusto), sir John da bullo di borgata e così via. Nella scenografia di Margherita Palli sorprendente la trasformazione dell’osteria in bosco.

Alfredo Mandelli

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Luglio 2013 23:24
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.