domenica, 02 ottobre, 2022
Sei qui: Home / Sociale / I giovani non sanno più meravigliarsi, commuoversi, rallegrarsi

I giovani non sanno più meravigliarsi, commuoversi, rallegrarsi
redatto da Francesco Chirco 
Classe 2BS
Docente referente: Giovanna Lo Grasso

Viviamo in un´era di grandi innovazioni scientifiche e tecnologiche in cui si assiste ad una grave perdita dei valori e degli ideali, oltre che ad una grave inaridimento delle coscienze.

I ragazzi sono emotivamente apatici, indifferenti di fronte agli eventi e alle azioni che si compiono. Spesso, essi esprimono il loro malessere con la violenza, l´aggressivitá e intraprendendo strade sbagliate. La nuova generazione è condizionata da una realtá in cui non é importante "essere" ma "apparire". Quotidianamente i messaggi pubblicitari offrono il mito della bellezza esteriore e della ricchezza, per cui prevalgono l´esibizionismo, la competizione, l´invidia, il materialismo.
Questi miti ai giovani appaiono come gli unici strumenti per raggiungere la felicitá e, pur di raggiungerli, essi sono disposti a tutto.
I giovani non dialogano se non attraverso gli strumenti tecnologici. E' vero, la tecnologia, ha fatto passi da gigante e facilita sempre piú la comunicazione tra le persone, ma non arricchisce i rapporti umani; comunicare non basta, bisogna anche" vivere". Purtroppo, i giovani sono sempre piú coinvolti e fanno un uso sbagliato dei social network, che generano in loro un senso di solitudine, di dipendenza e di crisi emotiva.
Spesso i genitori per colmare il vuoto affettivo, "premiano" i figli con l'acquisto di strumenti tecnologici di vario tipo.
I ragazzi non sanno piú meravigliarsi, commuoversi, rallegrarsi...
Ai giovani manca una preparazione alla vita e ció é dovuto al fatto che essi non hanno punti di riferimento a cui aggrapparsi. La famiglia ha perso il loro ruolo educativo, dando un brutto esempio ai giovani.
Spesso, infatti, la Famiglia, non é piú unita e i giovani non credono piú nel valore del matrimonio. Non esistono quasi piú genitori autoritari; madri e padri incapaci di insegnare regole ai figli, per paura delle loro reazioni emotive, per cui nasce un´eccessiva complicitá e perdita dei ruoli.
Bisogna che la famiglia cambi, eviti di dare cattivi esempi ed aiuti i giovani a "vivere intensamente", ad amare la vita e li educhi alle emozioni.

Ultima modifica il Lunedì, 08 Febbraio 2016 12:22
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.