lunedì, 28 novembre, 2022
Sei qui: Home / Sociale / La fame nel mondo

La fame nel mondo
redatto da Bruno Calandro, Arcangelo Giammartino, Gino Asaro
Classe II B
ITET " G. Garibaldi " Marsala
Docente referente: prof.ssa Teresa Titone

La fame nel mondo è un problema sempre attuale che colpisce ogni anno diversi paesi nonostante politiche mondiali mirate verso la sua abolizione continua a imperversare in tutti quelle regioni che si trovano in una posizione di marginalità rispetto al resto del mondo.

Attualmente più di un miliardo di persone nel mondo soffre la fame. Eppure le risorse del nostro pianeta potrebbero nutrire il doppio della popolazione terrestre. Non è stato sufficiente lo sviluppo tecnologico ed economico, il problema della fame nel mondo sembra non avere fine, anzi, cresce sempre più!
Le cause principali sono :
Mancanza di investimenti adeguati nel settore dell'agricoltura, a causa della povertà, la popolazione del Terzo mondo non hanno le risorse economiche da investire in agricoltura per renderla più produttiva capace di soddisfare il loro fabbisogno.
L' instabilità dei Mercati, non assicura un reddito certo soprattutto ai paesi poveri che sono più vulnerabili alle variazioni dei prezzi . Questo fa in modo che molti Paesi più poveri non riescano ad avere accesso al cibo. Causando mal nutrizione o nei casi peggiori denutrizione.
Altro fattore che rende la situazione ancora più critica è l'insieme delle condizioni climatiche, che spesso nei paesi poveri si presentano in maniera più grave, alluvioni, lunghissimi periodi di siccità, tempeste tropicali. Fenomeni che rendono difficile la possibilità di avere un raccolto e di conseguenza peggiorano a dismisura il problema della fame che non può fare altro che aggravarsi.
Non bisogna confondere la fame con la malnutrizione. La fame minaccia non solo la vita degli individui, ma anche la loro dignità. Una grave e prolungata carenza di cibo provoca l'indebolimento dell'organismo, interi gruppi vengono condannati a morire. I poveri sono le prime vittime della fame nel mondo. Molti bambini muoiono perché sono denutriti, oltre il 60 per cento delle morti infantili è causato dalla fame. Un terzo di tutto il cibo prodotto (1,2 miliardi di tonnellate) non viene mai consumato, lo spreco rappresenta un'opportunità mancata per migliorare la sicurezza alimentare, in un mondo dove una persona su nove soffre la fame.
"Nessun cittadino, nessuna Nazione potrà avere la coscienza tranquilla, finché la metà del mondo avrà fame, finché nei due terzi dei paesi del mondo la produzione alimentare sarà insufficiente. La generazione attuale sarà giudicata dal successo o dall'insuccesso degli sforzi compiuti in questo senso". (Dal "Discorso" di J. Kennedy al "Congresso nazionale dell'alimentazione", tenutosi a Washington il 4 maggio del 1963).
Per noi la fame nel mondo è un problema che si potrebbe affrontare e risolvere . Bisognerebbe avere la volontà di farlo soprattutto da parte dei paesi ricchi che al contrario dei paesi del sud del mondo, soffrono di malattie causate da un eccesso di alimentazione ... una distribuzione equa delle risorse potrebbe aiutare a sfamare il sud del mondo e rendere la rimanente parte più generosa e sana.

Ultima modifica il Sabato, 28 Gennaio 2017 08:59
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.