domenica, 03 marzo, 2024
Sei qui: Home / H - I - J - K / ISPETTORE GENERALE (L')  - regia Leo Muscato

ISPETTORE GENERALE (L')  - regia Leo Muscato

"L'ispettore Generale", regia Leo Muscato. Foto Tommaso Le Pera "L'ispettore Generale", regia Leo Muscato. Foto Tommaso Le Pera

Con ROCCO PAPALEO
di Nikolaj Gogol 
regia LEO MUSCATO 
Personaggi e interpreti:
PODESTÀ Rocco Papaleo 
CHLESTAKOV Daniele Marmi 
OSIP Giulio Baraldi 
MOGLIE Marta Dalla Via 
FIGLIA Letizia Bravi 
GIUDICE Marco Gobetti 
SOVRINTENDENTE OPERE PIE Gennaro Di Biase 
DOBČINSKIJ Michele Schiano di Cola 
BOBČINSKIJ Michele Cipriani 
DIRETTORE SCOLASTICO Marco Vergani 
SOVRINTENDENTE OPERE PIE Gennaro Di Biase 
UFFICIALE POSTALE Marco Brinzi 
DOTTORESSA, VEDOVA, CAMERIERA Elena Aimone 
ATTENDENTE, MERCANTE Salvatore Cutrì 
Musiche originale Andrea Chenna 
scene Andrea Belli 
costumi Margherita Baldoni 
luci Alessandro Verazzi 
coreografia Nicole Kehrberger 
Produzione Teatro Stabile Di Bolzano, Teatro Stabile Di Torino - Teatro Nazionale, Teatro Stabile Del Veneto - Teatro Nazionale
Roma – Teatro Quirino Vittorio Gassmann 31 Ottobre – 5 Novembre 2023

www.Sipario.it, 2 novembre 2023

C’è un’ironia beffarda e raffinata che permea L’ispettore generale di Gogol: il fatto che la corruzione conduca al solo risultato di credere ai fantasmi che la mente disonesta crea per giustificare le proprie malefatte e dare a se stessi un alibi per emendare le coscienze da scrupoli e sozzure d’ogni tipo.

Così facendo si giunge a un unico risultato: diventare vittime dei propri inganni e subire i torti che fino a qualche tempo prima si erano perpetrati a danno di altri.

In breve, ecco il senso che la commedia di Gogol comunica. E lo fa con un’ironia straordinaria, che nel 1836 infastidì la Russia zarista. Non tanto perché mostrò ciò che era sotto gli occhi di tutti. Ma perché di quell’apparato burocratico nessuno si salvava. Al punto che, in conclusione, non si arriva a capire se i protagonisti della vicenda sono disonesti perché tale è il contesto in cui vivono, o se viceversa lo è quest’ultimo e loro sono costretti ad adattarvisi. Un umorismo che diviene ancora più corrosivo quando, appresa la notizia che in questo distretto di periferia dell’impero sarebbe giunto un ispettore generale a verificare lo stato dell’arte della macchina burocratica nelle sue aree più importanti – scuola, giustizia, sanità, istruzione, possedimenti terrieri –, il podestà mette in piedi l’ennesimo gioco truffaldino. Non vi è redenzione neppure di fronte a un rappresentante dello zar, ma solo una corruzione ancora più incancrenita.

Leo Muscato dirige L’ispettore generale, in scena al Quirino, con poco mordente. La sua regia non individua chiavi interpretative originali. Segue semplicemente il dettato del testo. Lo fa con risultati buoni, ma modesti: la scenografia, i costumi, una discreta recitazione da parte degli interpreti. Così facendo, l’ironia di Gogol è andata perduta. Eppure di addentellati con la nostra contemporaneità, partendo dal tema della corruzione, se ne sarebbero potuti trovare tanti: dai più sdoganati ai più insoliti ma non inverosimili. Quello meno efficace è – come si legge nelle note di regia – il dubbio che consegue alla disonestà. La sfiducia, in altre parole, del corruttore nei confronti del genere umano.

Questo rispetto estremo al testo ha avuto effetti non brillanti sulla recitazione. A cominciare da quella di Rocco Papaleo: un podestà debole, non così divertente come ci si sarebbe aspettati da un attore comico quale lui è. Qualche battuta detta coi giusti tempi recitativi, sguardi e ammiccamenti simpatici: nulla di più. Registicamente, si sarebbe potuto scavare più a fondo in un personaggio simile. E Papaleo avrebbe così potuto dare una prova migliore delle sue qualità comiche – come in altre occasioni abbiamo avuto già modo d’osservare.

Sul piano espressivo e come recitazione generale, Daniele Marmi (il giovane lazzarone scambiato per l’ispettore) è risultato più convincente sebbene il personaggio, sempre a causa della regia, si è rivelato piatto, poco approfondito.

Un Ispettore generale poco gogoliano e troppo generico, questo di Leo Muscato.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Novembre 2023 20:04

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.