mercoledì, 22 maggio, 2024
Sei qui: Home / A / LOVE-LIES-BLEEDING - regia Giuseppe Isgrò

LOVE-LIES-BLEEDING - regia Giuseppe Isgrò

"Love-lies-bleeding", regia Giuseppe Isgrò "Love-lies-bleeding", regia Giuseppe Isgrò

di Don DeLillo
traduzione di Alessandra Serra
uno spettacolo di Phoebe Zeitgeist
regia Giuseppe Isgrò
con Francesca Frigoli, Daniele Fedeli, Liliana Benini
scena e costumi Giovanni De Francesco
disegno e architettura del suono Stefano K Testa con la consulenza di Shari DeLorian
visuals Luca Intermite
dramaturg Matteo Colombo
cura del progetto Francesca Marianna Consonni
prodotto da Teatro E (Trento) con il sostegno di Silent Art Explorer
Teatro Elfo Puccini, Milano, dal 5 al 10 dicembre 2023

www.Sipario.it, 11 dicembre 2023

Il tema divisivo dell’eutanasia in Love-Lies-Bleeding 

Quando termina la vita? O, meglio, quando è giusto che termini la vita? È questa la domanda attorno alla quale si snoda Love-Lies-Bleeding, il nome di una pianta dai poteri terapeutici. Opera scritta dall’autore americano Don DeLillo è andata in scena all’Elfo Puccini di Milano. L’artista Alex Macklin, dopo un ictus, è costretto a vivere in stato vegetale. Toinette, la terza moglie, il figlio Sean e la giovane e ultima moglie Lia, si pongono il problema su cosa fare. Le idee discordano. Toinette e il figlio Sean spingono per la “dolce morte” di un’iniezione, Lia vorrebbe, invece, tenere in vita l’uomo e sperare in una risurrezione. È un confronto – scontro etico quello che vediamo in scena. Ma non solo. La quasi morte di Alex diventa l’occasione per gli altri tre di far luce sui suoi nodi esistenziali irrisolti e di esprimere le incomprensioni affettive mai dette, che li legavano a lui. In questa sorta di psicanalisi di gruppo guidata da nessuno, Sean, Toinette e Lia sembrano trovare una riappacificazione comune. Ma dura poco. Divisi, tornano a discutere sul futuro di Alex.  La regia di Giuseppe Isgrò focalizza l’attenzione dei tre attorno al corpo inerte e seduto di Alex Macklin simboleggiato da un fantoccio in gesso, i cui occhi emanano una luce colorata che, cambiando, sembra indicarci la sua morte vicina. Andrà a finire così, la spina sarà staccata. Ma rimarrà l’angoscia di quella scelta. Nel dialogo fra un Sean invecchato da una maschera di richiamo “manfrediniano” e Toinette nel sottoterra di una metropolitana, spunta il cadavere di un uomo, un fantasma dell’inconscio. Love-Lies-Bleeding finirà senza aver curato i mali dell’anima dei tre personaggi rimasti in vita. In una narrazione scenica non lineare, frammentata da continui salti temporali, la regia di Isgrò ci restituisce immagini interessanti, pulite, efficaci attraverso un lavoro di ricerca scenico che incontra e domina un testo importane e difficile. Le scelte muscali, bellissime, creano suggestioni americane trasportandoci in quel mood, in quella terra. Gli attori, tutti bravissimi, completano uno spettacolo, colorando personaggi definiti e resi. Noi siamo lì con loro, schierandoci con le nostre personali opinioni su un tema scottante e mai finito.    

Andrea Pietrantoni 

Ultima modifica il Lunedì, 08 Gennaio 2024 19:43

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.