martedì, 15 ottobre, 2019
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / LONDRA / (LONDRA). "Follies", regia Dominic Cooke - Splendore e nostalgia nel musical Follies di Sondheim. -di Beatrice Tavecchio

(LONDRA). "Follies", regia Dominic Cooke - Splendore e nostalgia nel musical Follies di Sondheim. -di Beatrice Tavecchio

“Follies” 2019 National Theatre. Foto Johan Persson “Follies” 2019 National Theatre. Foto Johan Persson

Splendore e nostalgia nel musical Follies di Sondheim.

Follies, musica e liriche di Stephen Sondheim, libretto di James Goldman. Regia di Dominic Cooke, scenografie di Vicki Mortimer, coreografie di Bill Deamer. Con Joanna Riding (Sally), Janie Dee (Phyllis), Alexander Hanson (Ben), Peter Forbes (Buddy), Clare Moore (Hattie), Tracie Bennett (Carlotta). Londra, National Theatre, dal 22 febbraio all'11 maggio 2019.

di Beatrice Tavecchio

Impeccabile coreografia, costumi da favola, una compagnia di 40 interpreti, un'orchestra sul palco di 21 musicisti, ritmi musicali innovativi, Follies incanta per il suo splendore e la sua spettacolarità, ma la storia che racconta - libretto e liriche- è legata alla sua epoca.
Il musical rappresentato a New York nel 1971, mette in scena una festa di riunione delle attempate ex Follies, le ballerine del mitico imprenditore Weismann, per celebrare le glorie passate in vista della demolizione del loro iconico teatro. Due coppie, Sally e Buddy e Phyllis e Ben, si trovano a rivangare il loro passato amoroso, tra nostalgie e rimpianti.

Follies, che dopo il tutto esaurito ritorna ora al National, è stato premiato con il premio 'Olivier Award' per il migliore revival di un musical nel 2018 e e deve una buona parte di questo successo ad un'idea geniale del regista Dominic Cooke (Ma Rainey's Black Bottom, vedi recensione su 'Sipario'). La dualità dei personaggi, già implicita nell'originale, viene da lui resa visibile sulla scena mettendo accanto ad ogni interprete il suo doppio in versione giovanile. Così che il musical acquista nuova energia per la presenza delle giovani Follies e la scena si anima per i movimenti a specchio tra i personaggi di diverse età ed i numeri cantati di spezzano e si riannodano nella resa a due voci.

follies 02

Follies (1971) segue cronologicamente il musical Company [vedi recensione su 'Sipario'] del 1970, e si situa dopo i successi di West Side Story del 1957 e A Funny Thing Happened on the Way to the Forum del 1962.
Sondheim viene riconosciuto come un innovatore del genere musical che prima di lui era più legato al vaudeville coi suoi numeri inconseguenti. Sondheim introdusse la storia con uno sviluppo logico o come in Company lo svolgersi di un'idea: se sia bene o no maritarsi. In Follies riprende invece l'immagine della riunione di The Girls Upstairs che con Goldman aveva tentato di scrivere negli anni Cinquanta e mette in scena le mitiche Ziegfeld Follies degli anni Venti, bellezze al bagno che l'imprenditore Ziegfeld faceva scendere da lunghe scalinate esibendo le nude gambe tra uno svolazzo di piume di struzzo e danze coreografiche.
Ora Follies sembra essere incatenato a queste due visioni, da una parte ai numeri del vaudeville anni Venti, dall'altra allo svolgersi della storia nostalgica/ romantica tra le due coppie, senza veramente trovare una soluzione di continuità tra i due filoni.
Ma alla fine un musical vale per la resa canora e interpretativa delle sue liriche e per il suo spartito musicale ed in questo Sondheim è maestro, specie nei suoi ritmi spezzati e incalzanti. Le liriche Broadway Baby, cantato da Claire Moore, I'm Still Here reso da Tracie Bennett, ma soprattutto The Right Girl interpretato da Peter Forbes e Could I Leave You di Janie Dee, sono state eccellenti. Inoltre il successo di questi due ultimi artisti si deve anche alla loro ironica interpretazione che fa l'occhiolino alla capacità di intendere del pubblico.
La scenografia, già grandiosa per la ricostruzione del decrepito teatro con scale antincendio a vista usate al posto delle 'scalinate', è resa sontuosa dai favolosi abiti e dagli splendidi cappelli. Aggiungiamo al tutto gli impeccabili movimenti coreografici e dei balletti e delle azioni a specchio, ed abbiamo la ragione del premio per il miglior musical e la misura della capacità professionale del National Theatre.

Ultima modifica il Sabato, 09 Marzo 2019 08:50

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.