mercoledì, 07 dicembre, 2022
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Non categorizzato / Orestiadi : Io non so cominciare - regia di Andrea Fazzini

Orestiadi : Io non so cominciare - regia di Andrea Fazzini

Io non so cominciare

L’essenza della memoria è l’oblio,
quell’oblio a cui bisogna bere per morire
(M. BLANCHOT)

Si comincia da una mancanza - come sempre - c’è uno spazio neutro che germina luce, capace di azzerare le ombre, un luogo della memoria, del desiderio e dell’oblio - tre figure vicine all’immobilità lo popolano, entrando e uscendo dal buio, proiettando le loro visioni, animando di segni il loro silenzio - a volte la parola evita il controllo, poi viene ripresa e il linguaggio archiviato, dunque mummificato, oppure brutalizzato - circola un’aria di cattività, di imprese impossibili, un’aria di cadute e di metamorfosi - newton è arrivato a scoprire la legge di gravità osservando un albero di mele e immaginando che potesse crescere fino a toccare la luna, - da questo sogno ad occhi aperti dedusse che la principale caratteristica del moto della luna è il suo continuo cadere verso il centro della terra - cadono cadono le cose.

note biografiche
Il Teatro Rebis è una ensemble artistico di Macerata che dal 2003 ha intrapreso un percorso di ricerca espressiva che lo ha portato a sviluppare una forma di auto-pedagogia assistita.

Infatti durante questi ultimi anni i membri del Teatro Rebis hanno organizzato e partecipato a vari laboratori condotti da maestri del teatro contemporaneo, quali Rena Mirecka, Mimmo Cuticchio, Odin Teatret, Yves Lebreton, Danio Manfredini, Claudio Morganti, Mario Barzaghi, Yumiko Yoshioka, Leris Colombaioni, tra gli altri, dei quali hanno studiato e approfondito gli approcci e processi creativi, per poi elaborare una propria poetica stillata dal confronto con l’esperienza e la maestria degli artisti incontrati.

L’eclettica formazione dell’ensemble ha permesso al Teatro Rebis di sperimentare varie forme di spettacolo, da quello comico e di strada al teatro ragazzi, fino al teatro di prosa e al teatro in ambito sociale, tutte formule e definizioni riduttive per un processo che non rappresenta altro che la tensione verso una lettura moderna, avanguardistica delle tangenze dei segni e simboli quotidiani, rintracciando nell’urgenza di un’etica del dire e nell’invenzione di forme mutevoli del rapporto attore-spettatore, i fuochi di un’ellisse lirica che si vuole diretta e astratta allo stesso tempo.

Perciò sono due le spinte essenziali che muovono la ricerca del Teatro Rebis: una diretta verso l’esterno, con la costruzione di spettacoli da “esportare”, che l’ha portato a partecipare a vari festival in Italia ma anche in Senegal, Romania, Svizzera, Francia, vincendo anche due premi nazionali come miglior spettacolo a Roma (2006 – Il dolce miraggio di Ulisse) e a Mercato San Severino di Salerno (2007, Lucky e Pozzo), e un’altra diretta verso il territorio nel quale opera, organizzando festival di livello internazionale, quali il Limen festival, Ci si incontra così per miracolo, Non ho tempo e serve tempo, e gestendo un proprio spazio teatrale nella periferia di Macerata, dove, oltre a dirigere una stagione teatrale autogestita, dedicata alle giovani compagnie alternative ai circuiti ufficiali, ha intrapreso un’opera pedagogica rivolta alla cittadinanza, conducendo o ospitando corsi di teatro e danza per bambini e adulti, corsi di canto, yoga, contact improvisation.

Fondamentale per il Teatro Rebis è anche il lavoro negli ambiti scolastici, dove rappresenta i propri spettacoli ma soprattutto conduce laboratori a vari livelli, dalle elementari alle superiori.

Naturale propensione dell’ensemble è anche quella di confrontarsi con situazione di disagio sociale, credendo nella forza comunicativa e relazionale dell’espressione teatrale, che ha spinto i membri del Teatro Rebis ad elaborare e realizzare progetti con comunità per disabili fisici e psichici, con comunità per tossicodipendenti e minori immigrati, con case di riposo e case famiglia, esiliati politici e associazioni di immigrati.

Ultima modifica il Mercoledì, 19 Dicembre 2012 09:55
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.