venerdì, 03 febbraio, 2023
Sei qui: Home / Sociale / L'autolesionismo

L'autolesionismo
redatto da Ilaria Caradonna & Marika Mulè
Classe:III B Turismo
ITET " G. Garibaldi" di Marsala
Docente referente:prof.ssa Teresa Titone

Cos'è l'autolesionismo?

L'autolesionismo è un danno procurato a se stessi. L'atto più comune è il taglio della pelle ma esso comprende anche lo scottarsi, graffiarsi, colpirsi, mordersi, ingerire compresse. Il suicidio è anche previsto tra coloro che praticano l'autolesionismo ed è un atto finale se non si raggiunge la vittima in tempo.
In base alle statistiche il suicidio è in aumento nelle persone autolesioniste. Circa un giovane su dieci si procurano delle lesioni durante l'adolescenza.
I soggetti che praticano l'autolesionismo sono spesso delle giovani donne, persone gay, lesbiche e bisessuali, la maggior parte delle volte è dovuto allo stress causato dalla discriminazione. Avere un amico o un gruppo che praticano la stessa cosa, rende ancora più facile tutto ciò è la voglia di tagliarsi o di fare qualcosa di questo tipo è sempre crescente.
Diventa quasi una sfida continua con chi si trova nella tua stessa situazione e quindi non ti ferma anzi accresce il bisogno di procurarti del dolore fisico.
Si può dire che compiere questi atti sono delle azioni di sfogo. Delle ricerche hanno dimostrato che molte persone che si danneggiano sono persone angosciate o che non riescono a sopportare situazioni stress. I problemi più comuni sono: abusi fisici o sessuali, depressione, immagine negativa di se stessi, problemi di relazione, disoccupazione o difficoltà sul lavoro. Gli autolesionisti spesso si sentono isolati, fuori controllo, non ascoltati, si sentono imprigionati come se nulla potrebbe cambiare in meglio.
L'autolesionismo riduce la sensazione di disagio, di tensione e di angoscia. Di solito gli autolesionisti non chiedono aiuto perché pensano di non essere capiti. Per uscirne fuori potrebbe essere utile parlarne anonimamente con qualcuno, questo aiuterebbe a non sentirsi più soli. Per non chiedere aiuto tre persone su cento in queste situazioni da oltre quindici anni finiscono per suicidarsi. Il taglio può dare cicatrici permanenti. Se i tagli danneggiano i tendini e i nervi, si può avere un danno permanente che si manifesta con debolezza degli arti o anche intorpidimento.
Il fenomeno potrebbe considerarsi raro e poco presente nella nostra società,noi ci accorgiamo che parlando con compagni e amici il fenomeno è più diffuso di quello che potremmo pensare.
Bisognerebbe aiutare chi è afflitto da questo problema, la scuola potrebbe essere il luogo adatto per fare in modo che questo fenomeno venga sollevato e attraverso dialoghi fare capire a questi soggetti dell'importanza di ognuno di noi cercando di aumentare la loro autostima.

Ultima modifica il Venerdì, 20 Gennaio 2017 21:33
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.