lunedì, 15 luglio, 2024
Sei qui: Home / T / TIPI UMANI SEDUTI AL CHIUSO - regia Lucia Calamaro

TIPI UMANI SEDUTI AL CHIUSO - regia Lucia Calamaro

"Tipi umani seduti al chiuso", regia Lucia Calamaro "Tipi umani seduti al chiuso", regia Lucia Calamaro

PARTITURA SENTIMENTALE PER BIBLIOTECHE
scritto e diretto da Lucia Calamaro
con Riccardo Goretti, Simona Senzacqua, Lorenzo Maragoni, Cristiano Moioli, Cristiano Parolin, Filippo Quezel, Susanna Re
scene Alberto Nonnato
costumi Lauretta Salvagnin
luci Nicolò Pozzerle
musiche Susanna Re
TSV – Teatro Nazionale
in collaborazione con Università degli Studi di Padova
Teatro Gobetti (Torino) 28 NOV – 3 DIC 2023

www.Sipario.it, 10 dicembre 2023

La scena dell’inventario, la più corale verso il termine dello spettacolo, è convincente al punto da rimanere impressa: l’unica, per la verità, trattenuta da chi scrive. Anche il monologo finale di Simona, l’autrice che cerca il silenzio della biblioteca per buttare giù una storia – e, guarda caso, scrive di tre bibliotecari – sembra offrire uno vago spunto alla riflessione – le ferite fatte di cruor, ovvero di sangue che non scorre più… la domanda da un milione di dollari: la vita ci conviene? –. Infine, non si può rimanere indifferenti di fronte alle questioni che vengono sollevate su come la poesia (eventualmente) giovi alla vita di ognuno. 

Ma, a parte questo (condito da citazioni letterarie da saggi e romanzi, disperse qua e là, piuttosto erudite), lo spettacolo TIPI UMANI SEDUTI AL CHIUSO-PARTITURA SENTIMENTALE PER BIBLIOTECHE, scritto e diretto da Lucia Calamaro (visto al teatro Carignano di Torino) non ci emoziona e, anzi, ci sembra un’occasione mancata. Pregevole che lo spettacolo sia inserito nel progetto della Compagnia Giovani, «strumento essenziale per garantire l’effettiva ricaduta occupazionale degli allievi diplomati presso l’Accademia Teatrale Carlo Goldoni», parte dell’Accordo di Programma tra Regione Veneto e Teatro Stabile del Veneto per la realizzazione del Progetto Te.S.eO. Veneto – Teatro Scuola e Occupazione (DGR n. 1646 del 19 dicembre 2022). 

Tuttavia, al di là dei nobili intenti, il testo ambientato in una biblioteca che diventa un acquario, non a caso immersa nell’azzurro – dove personaggi, i “tipi umani” del titolo, si aggirano smarriti e in balia di un’esistenza che gli sfugge di mano – è stucchevole: nei momenti di probabile comicità, non fa ridere; e, all’accrescersi del pathos, confonde. I significati si intravedono, per carità, ma sfuggono di mano scivolosi, un po’ si banalizzano. Ci si chiede: e quindi? Non fa eccezione, purtroppo, quello che sarebbe il momento più alto e drammatico della pièce: l’irruzione violenta nella biblioteca di Cristiano, giovane disadattato e problematico, bisognoso di ascolto. Non male, ma come mai poco dopo la scena si ripete pressoché identica? Ammettiamo il nostro limite: non capiamo, non abbiamo una risposta.

Lo spettacolo è il frutto di uno sforzo produttivo congiunto nato in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova – che ritroviamo più volte citata nel testo – e ideato nel 2022 per le celebrazioni degli ‘800 anni dell’Ateneo.

Giovanni Luca Montanino

Ultima modifica il Martedì, 26 Dicembre 2023 13:35

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.