lunedì, 23 settembre, 2019
Sei qui: Home / S / SOAP OPERA - regia Cesare Lievi

SOAP OPERA - regia Cesare Lievi

Galatea Ranzi e Sara Putignano in "Soap opera" regia Cesare Lievi. Foto Tommaso Le Pera Galatea Ranzi e Sara Putignano in "Soap opera" regia Cesare Lievi. Foto Tommaso Le Pera

testo e regia di Cesare Lievi
con Galatea Ranzi, Sara Putignano, Letizia Angela Tonoli, Dorotea Aslandis
scene di Josef Frommwieser
costumi di Marina Luxando, luci di Cesare Agoni
produzione Teatro Stabile di Bolzano, Emilia Romagna Teatro Fondazione
al Teatro delle Passioni, il 14 novembre 2015

www.Sipario.it, 22 novembre 2015

Un elegante interno borghese, una signora vestita a lutto davanti al suo boudoir si chiede se al lutto s'addica l'uso di un ventaglio o una mise meno accollata... Il lutto le si addice in qualità di consorte del marito presidente defunto, il nero le si deve adattare anche nell'imminenza della campagna elettorale per assumere la guida del paese... Soap opera di Cesare Lievi porta l'attenzione dello spettatore nel privato di una first lady che si divide fra il mito di Eva Peron e una strizzata d'occhi a Veronica Lario... se il suo longevo ex marito fosse passato a miglior vita. Galatea Ranzi veste con elegante sobrietà i panni di questa signora di mezza età, in balia della balia (Dorotea Aslandis) che avvoca a sé il successo della signora per i consigli dispensati nel dietro le quinte di una vita affamata di visibilità. La morte del marito – il secondo dopo un primo matrimonio contratto per convenienza – e l'imminente candidatura a presidente del Paese offrono il la per un bilancio esistenziale, per il racconto di una vita vissuta nell'agio e nel potere, per l'analisi dei meccanismi che accomunano l'esercizio del potere e il sesso; fino al confronto della signora con un'altra da sé, più giovane, interpretata da Sara Putignano. In Soap Opera Cesare Lievi sembra impegnato a far emergere il detto e creduto di un dietro le quinte dell'élite che ci governa, rubati dai luoghi comuni di giornali e rotocalchi. Si ha quasi l'impressione che ciò che accade davanti agli occhi dello spettatore non sia la realtà fattuale, ma bensì la favola romanzata di un potere fatto di intrighi, sesso e maschere che ama mettersi in scena per un popolino in cerca di certezze e di verdetti morali. Soap Opera è forse questo, o meglio questo sembra essere l'obiettivo di uno spettacolo e di un testo che vivono di una narrazione a tratti ripetitiva e che non dimostra la lucida analisi chirurgica a cui ci aveva abituato il miglior Cesare Lievi. E allora Soap Opera sembra assomigliare più a un bozzetto che a un lavoro compiuto, a un divertissement che non ha trovato la giusta e attesa incisività per lo spettatore che ama e stima il lavoro del regista e drammaturgo gardesano. Alla fine si ha l'impressione di un teatro d'altri tempi, che ha perso in mordente e in incisività narrativa e d'analisi.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Mercoledì, 25 Novembre 2015 22:53

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.