sabato, 25 gennaio, 2020
Sei qui: Home / Teatro / Teatro del dolore gioco del sintomo e visionarietà (Il). Crazy Shakespeare, Nelle mani di un pazzo, Re nudo di Renzia D'Incà

Teatro del dolore gioco del sintomo e visionarietà (Il). Crazy Shakespeare, Nelle mani di un pazzo, Re nudo di Renzia D'Incà

Il teatro del dolore gioco del sintomo e visionarietà. Crazy Shakespeare, Nelle mani di un pazzo, Re nudo Renzia D'Incà
IL TEATRO DEL DOLORE GIOCO DEL SINTOMO E VISIONARIETÀ. CRAZY SHAKESPEARE, NELLE MANI DI UN PAZZO, RE NUDO
Titivillus, 2012, Euro 20.00

Il teatro e la follia, un rapporto ambiguo, ma soprattutto un rapporto estetico prima e se mai poi terapeutico: questa è l'ambiguità che sta alla base delle più diverse esperienze di teatro e psichiatria, maturate in decenni di attività nei manicomi, nei Cse, sull'abbrivio della Legge Basaglia, con la convinzione che «da vicino nessuno è normale». Detto questo Il Teatro del Dolore di Renzia D'Incà si offre come un contributo a questa realtà. Il volume è nato «dall'esigenza di ristampa de Il gioco del sintomo-crudeltà e poesia su un'esperienza di teatro e disagio mentale a Pisa – si legge nelle note del curatore -, questo nuovo saggio si articola in due distinte sezioni di cui la seconda è ristampa integrale del Gioco, mentre la prima sezione si propone come un approfondimento di alto valore aggiunto sia di ordine scientifico-didattico che artistico-produttivo rispetto al saggio del 2002». «Il gioco del sintomo narra del lavoro congiunto ideato dal regista Alessandro Garzella della Città del teatro di Cascina con la psichiatra Consiglia Di Nunzio, responsabile del servizio territoriale USL 5 di San Frediano a Settimo su un'esperienza laboratoriale di teatro e disagio mentale. Quell'esperienza pilota, nata per scommessa, sulla scia della riforma Basaglia che avviava alcuni pazienti psichiatrici all'esperienza di teatro, si è trasformata in un processo di lavoro che si è aperto a prospettive inimmaginabili, ragion per cui è nata la necessità di pensare una prima sezione del volume che includa materiali di studio i quali vanno considerati non come aggiornamenti dovuti ma come riflessioni teorico-pratiche di integrazione e progettualità di rilancio». Tutto ciò dà conto di una vivacità produttiva ed un'esigenza esistenziale che attraversa la realtà del teatro sociale e che nel focus della attività con pazienti psichiatrici vive di una particolare intensità, restituisce a chi vi assiste, ma anche al semplice lettore del saggio la forza maieutica del teatro nei confronti dei matti, o ospiti come vengono definiti oggi, con pruderie istituzionale.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Martedì, 14 Ottobre 2014 11:01
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.