venerdì, 03 luglio, 2020
Sei qui: Home / ATTORI-REGISTI / Dario Argento

Dario Argento

Dario Argento Dario Argento

Nato a Roma il 7 settembre 1940 da Elda Luxardo, fotografa d'arte, e Salvatore Argento, funzionario Unitalia poi divenuto produttore cinematografico, essendo stato già critico di cinema per "Paese Sera", Dario Argento comincia la sua carriera come soggettista e sceneggiatore: nel corso del biennio 1968/69 collabora alla stesura di molti copioni, tra i quali quelli di "Metti, una sera a cena" di Giuseppe Patroni Griffi e "C'era una volta il west" di Sergio Leone. Si dedica alla regia verso la fine del '69 con "L'uccello dalle piume di cristallo", che in un primo momento avrebbe dovuto essere diretto da Ferdinando Baldi. Riprendendo ad un tempo la lezione di Mario Bava - il cui seminale "Sei donne per l'assassino" (1964) è qui certo tenuto ben presente - e quella del western all'italiana (genere del quale il giovane cineasta estremizza certe intuizioni), Argento realizza un film fortemente innovativo per l'epoca, contraddistinta da un linguaggio nervoso e pulsante oltre che da una inusitata carica di violenza.

I successivi "Il gatto a nove code" (1971) e "Quattro mosche di velluto grigio" (1972) s'inseriscono nella scia del fortunato capostipite, maggiormente indulgendo ad atmosfere oniriche ed allucinanti: inizia così un processo che - dopo la sfortunata parentesi d'argomento storico de "Le cinque giornate" (1973) - giunge a compimento in "Profondo rosso" (1975), tesissimo thriller dove la razionalità cede il posto ad un macabro balletto di morte, sottolineato dalle suggestive musiche dei Goblin.

Il seguente "Suspiria" (1977) segna il passaggio, Argento all'horror puro, ed è uno dei suoi film migliori: non così "Inferno" (1980) - segnato da un certo manierismo - e neanche "Phenomena" (1985), sfiacca ripetizione di temi ormai abusati. Il ritorno al giallo di "Tenebre" (1982) risulta invece assai convincente; "Opera" (1987) lo sarà assai meno, a scapito del suo eccezionale incipit. Negli anni '90, titoli quali "Trauma" (1993), "La sindrome di Stendhal" (1996), "Il fantasma dell'Opera" (1998) costituiscono, purtroppo, solo tappe della triste decadenza d'uno dei nostri maggiori cineasti. Nel 2001 esce "Non ho sonno", che fa registrare un nuovo ritorno verso temi e moduli delle prime opere. Si inserisce in questo filone anche il thriller "Il Cartaio" (2003) che ricordano due telefilm del 1973 - "Il tram" e "Testimone oculare"- di cui Dario Argento curò la regia, pur non firmandola.

Ultima modifica il Sabato, 01 Giugno 2013 12:47
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Altro in questa categoria: « Asia Argento Alfredo Arias »

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.