lunedì, 20 novembre, 2017
Sei qui: Home / F / FALSTAFF - regia Robert Carsen

FALSTAFF - regia Robert Carsen

Falstaff Falstaff Regia Robert Carsen

di Giuseppe Verdi
Direttore Daniel Harding, Regia Robert Carsen, Scene Paul Steinberg, Costumi Brigitte Reiffenstuel, Luci Robert Carsen e Peter Van Praet
Con Ambrogio Maestri, Fabio Capitanucci, Francesco Demuro, Carlo Bosi, Riccardo Botta,
Alessandro Guerzoni, Carmen Giannattasio, Irina Lungu, Laura Polverelli, Daniela Barcellona
In coproduzione con Royal Opera House, Covent Garden, Londra;
Canadian Opera Company, Toronto
Milano, Teatro alla Scala, dal 15 gennaio al 13 febbraio 2013

www.Sipario.it, 31 gennaio 2013

In occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi ecco un'opera rappresentata in prima assoluta proprio alla Scala il 9 febbraio nel 1893 davanti al pubblico delle grandi occasioni, dove, tra le personalità di spicco, si segnalano Carducci, Giacosa, Puccini e Mascagni. Portata a compimento nel 1892, anno in cui viene data alla stampa la partitura, Falstaff è l'ultima opera composta dal maestro ormai quasi ottantenne su libretto di Arrigo Boito. Il compositore dichiara di avere da più di quarant'anni il desiderio di dedicarsi ad un'opera comica e di conoscere da ben cinquanta Le allegre comari di Windsor di Shakespeare. È ispirandosi a quest'opera del drammaturgo inglese che Boito si mette al lavoro nel 1889. L'anno successivo il libretto è pronto e Verdi inizia a musicarlo quasi per passatempo. Il risultato è sorprendente: non è il lavoro di uno stanco ottuagenario, bensì una creazione frizzante, divertentissima, di facile accesso anche per lo spettatore che non sia necessariamente un melomane. Come scrive nelle sue note di regia Robert Carsen, che cura l'allestimento dell'attuale edizione scaligera: «La sorprendente vitalità di Falstaff sarà sempre nel cuore del pubblico, non solo perché è un'opera di grande valore e straordinaria inventiva, ma in quanto pièce di teatro piena di gioia di vivere, miracolosamente composta da un uomo molto anziano: paradossalmente Falstaff è una celebrazione della vita che sembra avere in sé l'energia di un giovane.»
"Tutto nel mondo è burla!": con questa frase, accompagnata dall'ilarità generale, si chiude il terzo atto. La morale della commedia shakespeariana rivisitata dall'opera verdiana è tutta racchiusa in questa battuta conclusiva, come nuovamente fa notare il regista Carsen: «In una commedia come Falstaff lo splendido finale ci dice che dobbiamo ridere di noi stessi.»
Di questo lato burlesco, tanto il librettista Boito quanto il regista Carsen valorizzano al massimo le potenzialità, strappando un sorriso anche allo spettatore più refrattario.
Frutto di una coproduzione italo-anglo-canadese, la scelta di Carsen, è quella di dare alla vicenda una colorazione molto British, collocandola nell'Inghilterra degli anni Cinquanta, con abbigliamento, arredamento e curatissimi accessori, ivi compresi i cappellini e le pettinature delle signore, perfettamente in linea con questa impostazione. Non manca una tappa al club, con la lettura di quotidiani britannici e gentlemen in completo di tweed, per non parlare della scena di caccia dell'ultimo atto in purissimo stile inglese che più inglese non si può. British anche la bacchetta del direttore Daniel Harding, nativo di Oxford, che dirige mirabilmente un cast di voci, queste, italiane. I meritatissimi applausi sono un riconoscimento delle ottime qualità non solo musicali, ma anche attoriali degli interpreti, che hanno reso i propri personaggi con uno humour, una verve ed un brio degni di navigate star della comicità.

Myriam Mantegazza

Ultima modifica il Lunedì, 18 Marzo 2013 10:55
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.