domenica, 02 ottobre, 2022
Sei qui: Home / Sociale / Sentimenti di razzismo nella società odierna

Sentimenti di razzismo nella società odierna
redatto da Marino Alessio
Classe III C SIA Istituto Tecnico Statale "Garibaldi" Marsala
Docente referente: Maria Rita Bellafiore

Siamo abituati ad associare la parola "Razzismo" al nazismo, al fascismo, al totalitarismo in genere, in ogni caso ad una visione reazionaria della società, ad una ottusa concezione della razza umana, suddivisa in razze "superiori e inferiori".

Ancora oggi ci sono schieramenti politici basati sul razzismo, che si insinua anche nei conflitti tra i popoli.
Quello di oggi è un razzismo, che si è sviluppato negli ultimi anni in Europa in rapporto alla diffusa immigrazione, che porta a vivere a fianco di persone "diverse" per colore della pelle, cultura e religione.
Si manifesta così un senso di irritazione verso gli "intrusi", che vivono nei quartieri della nostra città, occupano posti nel mercato del lavoro, non rispettano le nostre regole di vita o addirittura infrangono le nostre leggi.
In questo caso, nasce, addirittura, un senso di paura nei loro confronti: li consideriamo pericolosi, perché commettono furti e violenze, contribuiscono al giro della droga e della prostituzione. Molto spesso apprendiamo dai media che gli extracomunitari sono i protagonisti di fatti criminosi, ma "i razzisti" commettono l'errore di giudicarli come coloro che per natura sono quelli che commettono atrocità di ogni genere.
La cultura razzista nasce e si afferma attraverso le idee trasmesse dalla famiglia, dagli amici, dagli ambienti che si è soliti frequentare, dai gruppi politici con cui si entra in contatto. Per questo occorre educare gli esseri umani a controllare con la ragione i propri istinti aggressivi e le proprie paure, a prendere coscienza che il razzismo può annidarsi nell'animo di ciascuno.
È necessario far propri i grandi valori della democrazia, dell'uguaglianza degli uomini, della universalità dei diritti per combattere questo problema, per il quale, purtroppo, non si trovano soluzioni efficaci.
A ciò contribuisce la mancanza di una piena integrazione fra la società europea e la comunità di immigrati, che talvolta tendono ad isolarsi per difendere la loro lingua, i loro costumi, le loro religioni.
Noi giovani dovremmo lottare contro questo modo di agire e di pensare, dovremmo sensibilizzare l'opinione di tutti e pretendere delle leggi che tutelino i diritti di chi viene considerato " diverso". Non bisogna dividere la società in "noi" e "lori", in "buoni e cattivi", "amici e nemici", "bianchi e neri", ma dobbiamo rispettare quel comandamento che dice: ama il tuo prossimo come te stesso.

Ultima modifica il Domenica, 14 Febbraio 2016 07:55
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.