giovedì, 08 dicembre, 2022
Sei qui: Home / Sociale / Analisi del suo finanziamento per capire il terrorismo islamista. ISIS Economy

Analisi del suo finanziamento per capire il terrorismo islamista. ISIS Economy
redatto da Danila Baglieri - Aurora Canto - Debora Rizza - Giulia Rizza - Federica Quartarone
II-a3 dell'I.T.S. Archimede di Modica
Docente referente: Dario Prestana

L'Isis è diventata l'organizzazione terroristica più ricca e militarmente più attrezzata a livello globale.

Sin dall'inizio è stata finanziata con donazioni dell'estremismo islamico; tuttavia, oggi tale quota appare significativamente diminuita con la crescita dell'organizzazione e con la sua trasformazione in entità statuale. Questo è accaduto grazie al controllo di una porzione di territorio sempre più ampio; ed è da questo che i jihadisti riescono a ricavare le entrate necessarie al finanziamento delle loro attività belliche.
Centinaia di milioni di dollari sono ricavati dalla vendita illegale delle antichità nazionali. E tra i principali acquirenti ci sarebbero gallerie d'arte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Svizzera, le quali per nascondere questa derivazione, effettuano le acquisizioni attraverso una serie di acquirenti fittizi.
Altra fondamentale fonte di finanziamento, utile anche per finalità politiche di controllo e consenso nel territorio, è costituita dalla loro pressione tributaria imposta con la forza. Si stimano ricavi di circa 8 milioni di dollari al mese, 96 milioni in un anno. In questo capitolo di prevaricazione e furto violento possiamo ricomprendere i saccheggi compiuti ai danni di privati e istituzioni, con i quali gli estremisti islamici sono entrati in possesso di centinaia di milioni di dollari depositati in banca e di altri beni preziosi, in primis lingotti d'oro.
Ancora, dai rapimenti degli stranieri, secondo le analisi del rapporto "Global Terrorist Financing Threat", hanno fruttato direttamente all'ISIS tra i 20 e 45 milioni di dollari. In questo senso vanno interpretate le spettacolari dimostrazioni di crudeltà, come la realizzazioni di video in cui la vittima è decapitata o arsa viva; non servono solo come manifestazione visibile di ferocia e di propaganda politica, ma anche per condizionare le opinioni pubbliche e i governi di paesi occidentali, così costretti a pagare i riscatti pretesi.
Ma le voci più importanti sono il traffico di droghe e di patrolio. Solo dall'eroina si stimano 500 milioni di dollari all'anno per un commercio destinato ai mercati di tutto il mondo. Questi proventi sarebbero destinati ad aumentare, visto che i bombardamenti della coalizione hanno colpito le carovane e le infrastrutture petrolifere spingendo i miliziani a diversificare le entrate puntando sul traffico di stupefacenti.
Infine, il petrolio rappresenta la principale fonte d'entrata. Estratto dai giacimenti dei territori controllati in Siria e in Iraq, si è calcolato che fino almeno fino ad oggi, visto il recente calo delle quotazioni internazionali, il suo commercio ha prodotto all'organizzazione due milioni di dollari al giorno, ossia oltre 700 milioni di dollari all'anno. Ma è evidente che non si tratti di commercio legale, ma di un mero contrabbando di petrolio e suoi derivati. Il punto principale è indagare e scoprire chi commerci il petrolio rubato dall'Isis. Ma è chiaro ed inevitabile che ci siano paesi disposti a fare affari con i terroristi. Alcuni analisti sostengono che il commercio di petrolio sia attualmente gestito dagli stessi gruppi che se ne sono sempre occupati, aiutando così il Califfato a trovare in poco tempo tanti sbocchi per le proprie risorse. Ma sono anche tante le banche che non si accorgono o, ancora peggio, chiudono un occhio sui movimenti di contanti ordinati dai militanti.
Dunque, ciò che appare chiaro e drammatico allo stesso tempo è che l'ISIS si autofinanzia sfruttando le stesse debolezze di quel nemico occidentale che ideologicamente dichiara di voler combattere, dato che proprio dal nemico paradossalmente ricava le risorse finanziarie più cospicue; ma l'analisi fornisce anche il sospetto che il denaro ed il controllo del territorio siano in realtà l'unica vera finalità di questa violenza; che è tanto feroce da non essere giustificata da qualsiasi ideologia o credenza religiosa, ma da essere spiegata da un interesse capace di distruggere ogni forma di dignità e di rispetto per la vita umana: il denaro. Per l'Isis come per qualsiasi altra organizzazione criminale.

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Febbraio 2016 23:45
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.