venerdì, 09 dicembre, 2022
Sei qui: Home / Sociale / Il nostro pianeta... quale futuro?

Il nostro pianeta... quale futuro?
redatto da Fabio Bertuglia, Giovanni Renda Classe IV C SIA
Vito Pantaleo Classe III C SIA
Istituto Tecnico Statale "Garibaldi" Marsala
Docente referente: Maria Rita Bellafiore

I cambiamenti climatici e l'inquinamento atmosferico procedono di pari passo.

Come sostengono gli studiosi, il clima sulla terra è in continuo mutamento: si passa da caldi torridi a freddi glaciali in pochi giorni, anche in luoghi dove in passato il passaggio tra le stagioni era più lieve e meno netto.
La questione è molto complessa e rischiosa. L'opinione comune è che la base di questi cambiamenti climatici sia dovuta sempre più alla mano dell'uomo, soprattutto attraverso l'inquinamento atmosferico che cambia e sconvolge totalmente l'intero ecosistema della terra. Assistiamo ad alluvioni e onde anomale tsunami si abbattono come muri giganteschi d'acqua sulle coste, distruggendo tutto ciò che incontrano sul loro cammino: comunità distrutte , danni economici sia a persone che a interi sistemi produttivi. Tali fenomeni mettono a rischio i settori economici quali la pesca l'agricoltura e il turismo. Il rischio di un crollo delle riserve alimentare è inesorabile. I principali produttori di inquinamento sono gli scarichi rilasciati dalle aziende, che immettono nell'aria sostanze completamente nocive, altamente tossiche e cancerogene. Come non ricordare l'acciaieria dell'Ilva e l'inquinamento ambientale di Taranto, che resta, ancora oggi, a livelli altissimi, con ripercussioni sulla salute e sulla qualità della vita? Purtroppo gli uomini, nonostante gli evidenti cambiamenti climatici negativi che il pianeta sta subendo, continuano ad avere le proprie "cattive abitudini".
Se assumessimo atteggiamenti diversi e ci preoccupassimo di più di quello che ci circonda, sicuramente questo avrebbe un effetto positivo per la vita di tutti.
Potremmo così salvaguardare il ciclo delle acque e avremmo più risorse di acqua potabile. La pesca e l'agricoltura non sarebbero a rischio.
Basterebbe attenersi a delle semplici piccole regole come ridurre gli sprechi energetici, il trasporto e la mobilità, usare le fonti rinnovabili come l'energia solare ed eolica; quindi, un utilizzo più intelligente delle risorse naturali.
Purtroppo, in Italia pochi conoscono le questioni legate ai cambiamenti climatici, per cui uno dei primi compiti è parlarne con amici e familiari, anche attraverso i social network.
Noi giovani che, nell'immaginario comune, veniamo giudicati astratti e sognatori, dovremmo con metodo ed impegno lavorare nell'elaborazione di obbiettivi concreti, per fronteggiare e superare le attuali sfide ambientali, per migliorare le nostre condizioni di vita e difendere il nostro futuro. Non possiamo trovarci di fronte ad un bivio, perché abbiamo diritto al lavoro e anche alla nostra salute.

Ultima modifica il Domenica, 31 Gennaio 2016 10:05
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.