sabato, 01 aprile, 2023
Sei qui: Home / Sociale / Un danno permanente o un'opportunità per l'Italia? La fuga dei cervelli italiani

Un danno permanente o un'opportunità per l'Italia?
La fuga dei cervelli italiani

redatto da Marco Adamo
II-a1 dell'I.T.S. Archimede di Modica
Docente referente: Dario Prestana

Ad oggi in Italia circa il 30% in più rispetto al 2012 dei giovani italiani sotto i 40 anni si è trasferito all'estero in cerca di fortuna o di un lavoro che li possa veramente valorizzare.

Una volta esisteva un fenomeno simile chiamato emigrazione oggi, invece si parla di "Fuga di cervelli", poiché si tratta di un'emigrazione particolarmente qualifica, dato che sempre più spesso ad andare via sono proprio colore su cui più il paese ha investito in termini di spesa d'istruzione.
Le principali cause dell'emigrazioni erano la povertà e la necessità di trovare un lavoro per sfamare i numerosi familiari. Oggi le cause sono ben diverse, poichè il nostro paese oggi non offre opportunità adeguate ai giovani (cervelli) che stanno combattendo una battaglia contro una crisi di valori, una crisi di sistema, una crisi del lavoro e con un mercato che favorisce soltanto i soliti "raccomandati"; i quali, la maggior parte delle volte, sono scarsamente preparati e poco professionali, spesso discriminando i giovani esclusivamente perchè sono donne.
Molti ricercatori, giornalisti, economisti e accademici, poco valorizzati qui, concentrano e danno idee all'estero ottenendo anche un notevole successo come, ad esempio, Francesco Guerrera, capo redattore sezione Money e Investing del Wall Street Journal; o Riccardo Zacconi, l'uomo che ha venduto la sua creatura, il gioco Candy Crush Saga, per 6 miliardi di dollari.
Tra le donne, molte italiane al di fuori del nostro paese sono riuscite a farsi spazio in settori importanti come la fisica, nel caso celeberrimo di Fabiola Gianotti; o come Rossella Lucà, giovane ricercatrice italiana che ha individuato la proteina interruttore del tumore al seno.
Volendo seguire le orme di questi grandi italiani sempre più ragazzi e ragazze si spostano in America, in Cina o in altri paesi dell'Unione Europea in cerca di successo.
La fuga di cervelli per l'Italia diventa anche una fuga di capitali. Questo fenomeno preoccupa l'intera nazione perché può rallentare il progresso culturale e quindi rimanere sempre più in dietro rispetto agli altri paesi.
Come evitare questa fuga? Sicuramente aumentando le retribuzioni, migliorare le opportunità di carriere sovvenzionare più progetti, offrire attività di sviluppo, e soprattutto mettendo al primo posto il merito e la professionalità, piuttosto che il clientelismo. Purtroppo, in Italia, si segue la strada opposta, con una burocrazia sempre più asfissiante.
Alcuni italiani nonostante numerose difficoltà sono riusciti ad emergere rimanendo nel nostro paese. Vogliamo citare quello di Giambattista Scivoletto, gioaven siciliano fondatore del sito "bed-and-breakfast.it", molto noto nel settore turistico italiano, anche a livello internazionale. Ma ci si chiede se tutti coloro che sono rimasti in Italia fossero andati all'estero, avrebbero raggiunto migliori tragiuardi?
L'Italia dovrebbe dare fiducia ai giovani, rinnovarsi, modernizzarsi e rompere quei vecchi schemi per far valere l'articolo 1 della costituzione: "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro".

Ultima modifica il Lunedì, 25 Gennaio 2016 23:14
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.