venerdì, 03 febbraio, 2023
Sei qui: Home / Sociale / Basta al femminicidio!

Basta al femminicidio!
redatto da Chiara Pavia e Rosita Cucchiara
IV C S.I.A
Istituto Tecnico Economico & Turismo "G.Garibaldi"
Docente referente del Progetto: Maria Rita Bellafiore

Il 25 Novembre è stata celebrata la giornata contro la violenza sulle donne: un modo per dire basta alla violenza nei confronti delle donne e per fare in modo che si parli di "femminicidio".

Si tratta di un vero e proprio crimine che conduce le donne alla schiavitù o alla morte stessa. Tale termine è stato introdotto in tutto l'occidente, per far comprendere che uccidere una persona, perché ci si ritiene proprietari del suo corpo, della sua vita, della sua libertà, non è più una motivazione da tollerare.
A livello mondiale tale fenomeno è diffuso soprattutto nei paesi dell'America centrale e del sud. In Italia tristemente è entrato nella quotidianità e sembra crescere di anno in anno, portando alla morte 116 donne soltanto nel 2016. Per prevenire tali crudeltà sono nate delle organizzazioni per aiutare tutte le donne vittime di violenza. A Roma, il 26 Novembre 2016 la rete dei movimenti femministi ha deciso di organizzare un corteo, a cui hanno partecipato uomini, donne, ragazzi e bambini per dire basta a tutto questo e per lanciare un urlo, "l'urlo altissimo e feroce di tutte quelle che non hanno voce". È un grande passo avanti, ma, purtroppo, manifestare tutto ciò, probabilmente, non cambierà a breve il fenomeno. Non basta una legge o un corteo per salvaguardare la donna, ma, col tempo, forse tali azioni riusciranno a cambiare la cultura e la mentalità. Questo corteo non rappresenta soltanto un momento di lutto, ma soprattutto una speranza per tutte quelle donne che ancora oggi subiscono delle violenze. La violenza non è altro che la conseguenza di una società patriarcale e maschilista, incapace di concepire la donna come un essere autonomo e non più sottomessa al volere del padre e del marito. Proprio per questo anche in Italia si è diffuso il femminismo, un movimento sociale di contestazione nata alla fine degli anni '60 e andata avanti anche negli anni '70. Ogni giorno, i diritti delle donne vengono violati ed è ora di porre fine a tutto questo proprio perché il termine "amore" non significa possesso della donna cui chiedere obbedienza assoluta, cui negare la libertà dei sentimenti. Si tratta, quindi, di modificare il fenomeno sociale e la mentalità culturale, rispettando la personalità della donna, le sue scelte e le sue decisioni.

Ultima modifica il Giovedì, 29 Dicembre 2016 08:37
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.