domenica, 05 febbraio, 2023
Sei qui: Home / Sociale / Femminicidio in Italia - In piedi Signori davanti a una donna!

Femminicidio in Italia - In piedi Signori davanti a una donna!
redatto da Federica Zichitella, Vanessa Cottone e Daniela Amodeo
Classe I A T
ITET " G: Garibaldi" Marsala
Docente referente: prof.ssa T. Titone

W. Shakespeare diceva: "Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subito,

per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l'ignoranza in cui l'avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le ali che le avete tagliato, per tutto questo: IN PIEDI SIGNORI, DAVANTI A UNA DONNA!"
La violenza maschile sulle donne assume molteplici forme e modalità, sebbene la violenza fisica sia la più facile da riconoscere. Non esiste un profilo della donna-tipo che subisce violenza. La violenza coinvolge tutte le donne.
Centosedici donne uccise da mariti, fidanzati, compagni o altri familiari. Una ogni tre giorni. Sara, bruciata viva dal suo ex in una strada della periferia di Roma, Gloria che si era innamorata di un ragazzo molto più giovane di lei, Vania, l'infermiera massacrata dal suo uomo. E poi Fabiana, Rosaria, Rosamaria, Stefania, Giulia...L'ultima si chiamava Elizabeth, era peruviana, aveva 29 anni. È stata strangolata in casa alla periferia di Monza dal suo convivente di 56 anni, un italiano che ha subito confessato. L'ha uccisa davanti ai due figli di lei: la sua colpa era sempre la stessa, voleva lasciarlo e lui non poteva accettare questo "affronto".

Elizabeth viveva da anni in Lombardia, la regione che nel 2016 ha avuto il triste primato di 20 le donne assassinate nei primi 10 mesi dell'anno, una ogni due settimane.
Sono 116 i casi dall'inizio dell'anno, nel 2015 il tragico bilancio si era fermato a quota 128: "C'è un lieve calo ma non può essere certo una consolazione", dice Gabriella Guarnieri Moscatelli ,presidente del Telefono Rosa alla vigilia della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.
Negli ultimi dieci anni le donne uccise in Italia sono state 1.740: 1.251 in famiglia, e 846 di queste all'interno della coppia; 224 per mano di un ex. Lo studio dell'Eures, l'Istituto di ricerche economiche e sociali che da anni dedica al fenomeno un Osservatorio, racconta di una vera e propria strage.
A livello regionale, come detto, la Lombardia detiene il triste primato di regione con il più elevato numero di donne uccise (20) davanti a Veneto (13), Campania (12, ma erano state 30 l'anno prima), Emilia Romagna (12), Toscana (11), Lazio (10) e Piemonte (10). Anche nel 2016 la famiglia (con 88 donne uccise, pari al 75,9% del totale), si conferma il principale contesto dei femminicidi. Meno frequenti i delitti tra conoscenti (6%), quelli nell'ambito della criminalità comune (4,3%) o scaturiti da conflitti di vicinato (2,6%) e all'interno di rapporti economici o di lavoro (1,7%). Tra le altre figure familiari, quelle più "a rischio" sono le madri, con 14 vittime.
C'è infine il dramma degli orfani, i figli che hanno perso la madre per colpa del padre (o del compagno) assassino. Negli ultimi 15 anni il numero è salito fino a quota 1628, di loro si parla poco, la gelida burocrazia li definisce "vittime secondarie". Adesso c'è una proposta di legge per tutelarli, come per le altre vittime di reati gravi come la mafia, il terrorismo o l'inquinamento ambientale da amianto.

Ultima modifica il Venerdì, 16 Dicembre 2016 09:20
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.