venerdì, 03 febbraio, 2023
Sei qui: Home / Recensioni / Recensione film “Danton”

Recensione film "Danton"
redatto da Vincenzo Recca IV Ragusa
Docente referente: Prof. Rosanna Bocchieri

Il film Danton è diretto dal regista polacco Andrzej Wajda ed è di produzione francese.

Ambientato nel 1794, esattamente dalla fine di marzo al 5 aprile, narra la vita tumultuosa di Danton, che dovrà fare i conti con l'Alto Consiglio e il Consiglio della Salute.
E' un film di ambito storico-drammatico prodotto nel 1983, in Francia, per una durata complessiva di 136 minuti, in cui vi sono diversi personaggi dell'epoca tra cui ad esempio Danton, interpretato da Gérard Despardieu, oppure Maximillien de Robespierre, interpretato da Wojciech Pszoniack o anche Louis Antoine, amico di Danton, interpretato da Boguslaw Linda.
Il film parla delle gesta di Danton, politico e rivoluzionario francese che, durante il periodo del Terrore, cerca di riemergere per ripristinare la vera democrazia dato che in quel periodo regnava l'Alto Consiglio guidato dagli ideali di Robespierre. Infatti il film inizia proprio con Robespierre che è malato e qualche giorno dopo la sua ripresa torna al Consiglio per decidere il da farsi su Danton. Nel frattempo egli, durante il periodo di malattia di Robespierre, esorta il popolo a essere contro il Terrore, dato che ha nelle sue mani anche il potere della stampa. Radunato però il Consiglio, Robespierre invita i suoi cittadini a non giustiziare inizialmente Danton e i suoi complici, andando a parlare di persona con Danton il quale però, credendo nei suoi ideali e non cedendo alle richieste dell'altro, non fa altro che condannarsi alla morte certa. Difatti Robespierre, insieme agli altri membri dell'Alto Consiglio e insieme al Consiglio della Salute, condanna a morte Danton e altri suoi sette collaboratori, tra cui l'amico fidato di Robespierre. Da quel momento in poi inizia una battaglia contro la difesa dei diritti che cerca di ottenere Danton in tribunale pretendendo i testimoni. Ma, nonostante i continui tentativi, Danton non riesce a opporre resistenza e viene emanata la sentenza che giustizia tutti con la ghigliottina. Il 5 aprile del 1794 George Danton e i suoi amici vengono ghigliottinati e il film finisce con Robespierre che si pente di quello che ha fatto quando sente enunciare dal bimbo della sua serva alcuni articoli della Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino, facendogli ricordare che la libertà è un diritto di tutti.
Secondo me il film è un memoriale di un personaggio alquanto famoso e riconosciuto dal popolo del suo periodo che non è stato accettato solo perché voleva riportare il potere nelle mani del popolo, facendoci capire che in ogni caso uno Stato non può essere gestito da molte persone ma solo da una stretta cerchia che detiene un potere quasi assoluto e centralizzato.

Ultima modifica il Giovedì, 02 Febbraio 2017 21:33
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.