sabato, 27 novembre, 2021
Sei qui: Home / V / VECCHI TEMPI - regia Roberto Trifirò

VECCHI TEMPI - regia Roberto Trifirò

Vecchi tempi Vecchi tempi regia Roberto Trifirò

di Harold Pinter
Regia: Roberto Trifirò
Scene: Alessandra Rosso
Luci: Luca Siola
Interpreti: Maria Ariis, Paola Giacometti, Roberto Trifirò
Produzione Out Off.
Milano, Teatro Out Off 11 ottobre 2012

www.Sipario.it, 12 ottobre 2012

Fra i protagonisti di quel filone che, per semplicità – o forse semplicismo – si suole definire "teatro dell'assurdo", Harold Pinter è forse il più inquietante.
Mentre le cosiddette assurdità di Beckett si possono leggere agevolmente come metafore, mantenendole ad una distanza rassicurante; mentre l'umorismo di Ionesco ne alleggerisce la feroce portata satirica, Pinter ti avvolge, partendo da una situazione apparentemente realistica, che potrebbe appartenerti, e che rimane tale finché, passo dopo passo, non ti trovi invischiato, coinvolto in un universo che sembra plausibile, ma dove, inesorabilmente, saltano tutte le fragili certezze razionali che ti ancorano alla vita quotidiana.
Vecchi tempi è '70, e l'edizione di diretta e interpretata da Roberto Trifirò esalta quegli sconcertanti elementi stilistici ed esistenziali. La scena è spoglia, con mobili di cartone che potrebbero essere le soluzioni, non particolarmente originali, di un architetto d'interni: potremmo quindi trovarci in un normale appartamento borghese dei nostri giorni. È vero che si nomina un personaggio assente, che vediamo invece, di spalle, in fondo alla scena; ma questo fatto, peraltro prescritto dal testo, può apparire una opinabile licenza della regia. È vero che Anna (la brava Paola Giacometti), usa a volte termini stranamente ricercati, e risponde elusivamente alle domande che le vengono poste; che certe geometrie ricorrenti nei gesti e nelle posizioni dei personaggi ci indirizzano verso una dimensione straniante; che la gestualità sopra le righe di Tririfò dipinge un personaggio dai tratti psicologici improbabili. Ma, quando ce ne rendiamo conto, siamo ormai precipitati in un mondo governato dall'irrazionalità, dove l'unica via d'uscita sembra il lungo, interminabile silenzio che chiude lo spettacolo: una felice soluzione registica che fa pensare a certi quadri di Francis Bacon.
Pinter offre una chiave di lettura possibile, ancorché ambigua ed irrazionale, con una battuta in bocca ad Anna: "A volte ci si ricorda di cose anche se non sono mai accadute. Io ricordo cose che, magari non sono mai accadute ma, proprio perché le ricordo, diventano reali".
Una verità sconcertante, che facciamo fatica ad accettare: la nostra memoria non è statica, ma dinamica; e la plasmiamo, spesso senza rendercene conto, col fluire della nostra vita.

Claudio Facchinelli

Ultima modifica il Domenica, 11 Agosto 2013 15:02

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.