lunedì, 14 ottobre, 2019
Sei qui: Home / T / TRE SULL'ALTALENA - regia Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Peppe Miale


TRE SULL'ALTALENA - regia Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Peppe Miale


"Tre sull'altalena", regia Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Peppe Miale
 "Tre sull'altalena", regia Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Peppe Miale


di Luigi Lunari
con Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Eduardo Tartaglia
e con Pasquale Termini al violoncello
scene Luigi Ferrigno
costumi Alessandra Gaudioso
musiche originali Pasquale Termini
regia Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Peppe Miale

produzione Le Pecore Nere

Napoli, Teatro Bellini dal 19 al 24 aprile 2016

www.Sipario.it, 20 aprile 2016

Scritta nel 1990, tradotta in ventiquattro lingue, rappresentata in mezzo mondo, la commedia "Tre sull'altalena" di Luigi Lunari si può definire un moderno classico dell'assurdo. Prodotto e realizzato dalla Compagna Le Pecore Nere, lo spettacolo sarà in scena al Piccolo Teatro Bellini di Napoli fino al 24 aprile, per la regia di Massimo De Matteo, Sergio Di Paola, Peppe Miale.
Tre i protagonisti principali, un commendatore, un capitano, un professore. Kafkianamemte chiusi in una stanza, costretti a restarci per tutto la durata di un'esercitazione militare antismog, s'incontrano, si scontrano, si conoscono. Tre uomini diversi, tre tipologie di persone, che con l'andare delle ore mostrano paure, debolezze, false certezze. Banale e stupidamente ottimista il capitano, razionale il professore, timoroso e dubbioso il commendatore.
Trovatisi nello stesso ufficio, che ha tre indirizzi e tre ingressi diversi, non riescono a sciogliere i loro interrogativi. Chi di loro ha sbagliato? Quel luogo indefinito è una pensione, una casa editrice o la sede di un'azienda? Forse è solo una sala d'attesa.
Ciascuno vede ciò che vuole vedere, discettando del più e del meno, citando Schopenhauer, Cartesio, Voltaire, Shakespeare e, andando più indietro, la Bibbia per spiegarsi la situazione. Impossibilitati a muoversi e a comunicare con l'esterno, cominciano a credere di essere morti. Forse quella è l'anticamera dell'Aldilà. Pensiero che si rafforza all'arrivo di un uomo delle pulizie (interpretato da Pasquale Termini) che, terminata l'esercitazione in città, viene a portare via la spazzatura. Immaginando che possa essere un Angelo, se non addirittura Dio, gli uomini a vicenda si confessano e si giustificano pensando al futuro eterno.
Sulla scena bianca e grigia di Luigi Ferrigno, composta di pochi elementi, oltre le tre porte, si muovono Massimo De Matteo, il militare, Sergio Di Paola, l'imprenditore, Eduardo Tartaglia, lo scienziato. Divertenti e grotteschi i loro personaggi, che a tratti affondano nel dna partenopeo ispirandosi a una comicità di tradizione e meno surreale. Ma i dialoghi serrati, le battute paradossali, gli equivoci, scatenano risate e spasso. Il finale a sorpresa lancerà nuovi dubbi.

Angela Matassa

Ultima modifica il Venerdì, 22 Aprile 2016 04:44

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.