domenica, 26 giugno, 2022
Sei qui: Home / T / TROIANE - regia Andrea Chiodi

TROIANE - regia Andrea Chiodi

Elisabetta Pozzi in "Troiane", regia Andrea Chiodi. Elisabetta Pozzi in "Troiane", regia Andrea Chiodi.

da Euripide
adattamento e traduzione Angela Demattè

regia Andrea Chiodi

con Elisabetta Pozzi

e con Graziano Piazza, Federica Fracassi, Francesca Porrini, Alessia Spinelli

scene Matteo Patrucco

costumi Ilaria Ariemme

luci Cesare Agoni

musiche Daniele D’Angelo

produzione Centro Teatrale Bresciano
Teatro Franco Parenti, Milano dal 8 al 13 febbraio 2022

www.Sipario.it, 11 febbraio 2022

Un classico si ammanta di universalità, è risaputo: il che significa che conserva intatta – da secoli – la potenza di attrarre il pubblico a teatro (o alla lettura), di catturare l’attenzione, di far discutere. Essendo, dunque, universale, cioè senza tempo, un’opera del genere ha la capacità infinita di adeguarsi alle epoche e alle congiunture storiche differenti. Tuttavia, considerata proprio l’ampiezza degli orizzonti spalancati dai capolavori della classicità, mettervi mano e attualizzare rappresenta sempre un’operazione coraggiosa.
Nel caso di Troiane, da Euripide, adattamento e traduzione di Angela Demattè per la regia di Andrea Chiodi (dall’8 al 13 febbraio al Teatro Franco Parenti di Milano), l’impresa può dirsi compiuta con successo. Al pubblico in sala arriva, eterno e monumentale, il dolore delle madri – Ecuba e Andromaca – dilaniate dalla guerra, saccheggiate dei propri affetti più sacri e inviolabili, della propria stessa identità; arriva l’infelicità di Cassandra, incompresa e inascoltata, trattata alla stregua di una demente. Ma, accanto a ciò che da sempre si pone al centro della tragedia euripidea, ecco una riflessione attuale sull’apparenza, sul potere dell’immagine, sul modo in cui la pandemia ha esasperato le comunicazioni e le relazioni virtuali, il modo morboso di assistere alle altrui tragedie come spettatori, avidi e spesso critici.
Elisabetta Pozzi è Ecuba, vertice dell’epopea degli sconfitti troiani: intorno a lei, fino a un attimo prima regina, soltanto macerie, disperazione e morte. Ridotta in schiavitù dagli achei, insieme alla figlia Cassandra e ad Andromaca, vedova del valoroso Ettore, Ecuba accoglie a più riprese il messaggero degli avversari, dispensatore di notizie ogni volta più tragiche; annunciatore di destini atroci.
Fino a qui, il classico. La veste di attualità scottante cucita attraverso l’adattamento di Demattè e la regia di Chiodi consiste in una analisi delle dinamiche cui siamo sempre più avvezzi: partecipare attraverso il filtro di una webcam – di un qualsiasi dispositivo digitale – alla sofferenza, esserne il pubblico cinico, spietato, regressivamente assuefatto e privo di empatia. Il coro della tragedia è, ormai, formato dalle caselle di una riunione virtuale, dove per intervenire si alza la manina e ci si mutano i microfoni a vicenda. Si è liberi di disconnettersi, di spegnere il computer in qualunque momento, per chiudere il filtro e lasciare il dolore fuori. I protagonisti sono proiezioni, nulla più di quello che appaiono.
Convince l’allestimento innovativo, cupo ed essenziale, dello spettacolo prodotto dal Centro Teatrale Bresciano. La forza di Euripide, il racconto simbolo di tutti i vinti della storia, il loro smarrimento davanti alla cancellazione agghiacciante di legami familiari e generazionali (tema presente ancora nella civiltà contemporanea), trae nuova forza.

Giovanni Luca Montanino

Ultima modifica il Sabato, 12 Febbraio 2022 12:16

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.