lunedì, 09 dicembre, 2019
Sei qui: Home / T / TEBAS LAND - regia Angelo Savelli

TEBAS LAND - regia Angelo Savelli

Ciro Masella e Samuele Picchi in “Tebas Land”, regia Angelo Savelli. Foto Marco Borrelli Ciro Masella e Samuele Picchi in “Tebas Land”, regia Angelo Savelli. Foto Marco Borrelli

di Sergio Blanco

traduzione, scene, costumi e regia Angelo Savelli

con Ciro Masella e Samuele Picchi

assistente e figurante Pietro Grossi

luci Henry Banzi

allestimento scena Lorenzo Belli, Amedeo Borelli

Produzione Pupi e Fresedde - Teatro di Rifredi, Centro di Produzione Teatrale
Prima assoluta a Firenze, Teatro di Rifredi, dal 10 al 27 ottobre 2019
A Napoli, Nuovo Teatro Sanità, dall'1 al 3 novembre 2019;
a Roma, Spazio Diamante, dal 20 febbraio al 1° marzo 2020.

www.Sipario.it, 3 novembre 2019

In scena un regista e un ragazzo parricida. E già la sola accoppiata incuriosisce. Se poi entrambi, di continuo entrano ed escono dal ruolo d'interprete e di personaggio per assumere i panni di un commediografo (che si rivolge anche al pubblico illustrando le sue azioni e i suoi pensieri) e di un giovane attore selezionato per una parte; e si collocano in un unico luogo con funzione doppia - uno spazio-prove e il campo di basket di una prigione -, allora cresce ancor più l'attenzione. Per rendere sempre più intrigante l'interesse per Tebas Land, aggiungiamo che l'autore della commedia in questione si chiama Sergio Blanco, drammaturgo, regista e attore franco-uruguaiano, di geniale inventiva per un'abilità di scrittura basata sull'auto-finzione. Persone e personaggi, vita reale e vita romanzata, infatti, si alternano nelle sue narrazioni come in un sistema di scatole cinesi, che ci spostano da ciò che è a ciò che potrebbe essere o potrebbe essere stato. Nei suoi testi il lettore/spettatore è continuamente indotto a chiedersi se ciò che legge o vede rappresentato, è accaduto realmente; se il luogo in cui ci conduce esista veramente; se i fatti e le esperienze che egli ci racconta sono autobiografici oppure no. Si può rappresentare la realtà, la verità, sul palcoscenico? Pirandello docet. Blanco parla del suo processo creativo e del suo teatro come di una «finzione reale»; e ancora: «Non è la mia vita, ma non è una menzogna». Insomma, apre molte domande, e dà poche risposte.
In Tebas Land (Terra di Tebe), egli manipola, con cognizione di causa, temi d'attualità e miti, realtà e fantasia, letteratura e psicologia, autobiografia e immaginazione, dramma e divertimento, aggiungendo la musica di Mozart e degli U2. Ed è proprio questo coltissimo maneggiare materiali così diversi – dove, fra il resto, troviamo riferimenti e rimandi a Pirandello, Sofocle, Freud, Genet, Dostoevskij –, sapendoli fondere con un'originale scrittura che spiazza lo spettatore incollandolo alla poltrona. Va dato merito, ancora una volta, alla compagnia Pupi e Fresedde di Firenze, ovvero Angelo Savelli e Giancarlo Mordini, aver scoperto per primi in Italia – come è già successo con altri autori stranieri – l'affermato artista uruguaiano, e messo in scena questo testo: prima produzione in italiano di uno dei suoi lavori più noti e rappresentati.
La trama di Tebas Land verte su un professore drammaturgo, di nome S. (Sergio, nome dell'autore?), deciso a realizzare una pièce teatrale ispirata a un fatto di cronaca nera. La sua ricerca per la stesura del testo si basa sui colloqui e la testimonianza diretta col parricida, di nome Martìn Santos (con riferimento al Santo del IV secolo), che egli incontra sistematicamente in carcere dove sta scontando la pena per aver ucciso brutalmente il padre violento. L'intenzione è far recitare la parte proprio al giovane il quale manifesta entusiasmo per la possibilità offertagli, ma gli viene rifiutato il permesso di uscire dalla prigione. Il fatto costringe il regista a scegliere un attore – Federico il suo nome – che impersoni l'assassino. L'attenzione, quindi, si sposta gradualmente dalla ricostruzione del crimine alla rappresentazione scenica degli incontri di prova tra i personaggi. Nell'intersecarsi dei diversi piani d'immedesimazione s'innescano così altre dinamiche relazionali fra i due. Comprensibile immaginare che dal mutevole confronto, dall'accresciuta conoscenza, dallo sgretolarsi delle difese, dagli svelamenti, dal sottile, ambiguo gioco tra potere e seduzione, possano subentrare sentimenti inaspettati, ribaltamenti di sensibilità, identificazioni spiazzanti (padre e figlio, allievo e mentore, confidente e amante). Quando nel finale, abbracciandosi, si separeranno definitivamente – la scena ideata da Savelli prevede l'allontanarsi del professore verso la platea vuota del teatro mentre si colora di rosso, e il detenuto in piedi dentro la cella con un libro in mano –, udremo la voce dell'uomo descrivere il lascito che, inconsapevolmente, avrà trasmesso al giovane: «Quando poi sono entrato in uno dei padiglioni, mi sono girato e da una finestra l'ho visto dentro la sua gabbia. Aveva acceso il suo tablet. Aveva scelto il Concerto per piano n.21 in Do maggiore di Mozart». E subito dopo: «...D'un tratto potei vedere le sue labbra che si muovevano lentamente. Allora ho capito che aveva cominciato a leggere qualcosa. Mi è sempre rimasto il dubbio di sapere cosa stesse leggendo». Noi invece lo sappiamo, dato che, mentre riecheggiano le note di With or without you degli U2, udiamo la sua voce scandire le parole dell'Edipo re di Sofocle. Perché la commedia di Blanco fa del protagonista un Edipo di oggi al quale la musica e la lettura regalano una speranza di redenzione. Diretti dalla sapiente regia di Angelo Savelli (autore anche della traduzione), sono di encomiabile bravura, di perfetta calibratura nei tempi, e di misurato equilibrio nella crescente tensione emotiva, il maturo Ciro Masella e il giovane Samuele Picchi. Vicino agli spettatori disposti sul palcoscenico, muovendosi dentro l'alta gabbia metallica della prigione e, fuori di essa, tra un tavolo pieno di libri e una lavagna, i due attori sono pienamente credibili ed efficaci soprattutto nel discontinuo e non facile confondere finzione e realtà, variando toni e fisicità nell'alternare reticenza e complicità, empatia e distacco, slancio e timidezza. Una bella, intensa, prova d'attore.

Giuseppe Distefano

Ultima modifica il Domenica, 03 Novembre 2019 04:58

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.