giovedì, 14 novembre, 2019
Sei qui: Home / T / TU ES LIBRE - regia Renzo Martinelli

TU ES LIBRE - regia Renzo Martinelli

"Tu es libre", regia Renzo Martinelli. Foto Laila Pozzo "Tu es libre", regia Renzo Martinelli. Foto Laila Pozzo

di Francesca Garolla

regia Renzo Martinelli

con Liliana Benini, Maria Caggianelli, Francesca Garolla,
Viola Graziosi, Alberto Malanchino, Alberto Onofrietti

assistente regia Mattia De Pace

luci Mattia De Pace


suono Giuseppe Ielasi
costumi Laura Claus

produzione Teatro i con il sostegno di Fabulamundi Playwriting Europe e NEXT

foto Laila Pozzo
Teatro i, Milano, dal 14 novembre al 6 dicembre 2018

www.Sipario.it, 9 dicembre 2018

Haner e il coraggio rischioso di essere liberi

Francesca Garolla affronta un tema importante, quello della libertà individuale. Tema che diventa scottante nel momento in cui, in particolare, come fa l'autrice, lo si voglia declinare nella scelta di una religione e, nell'ipotesi più delicata, delle sue punte più estremiste. Al centro della storia c'è una ragazza, Haner, che improvvisamente scompare. I genitori rimangono allibiti quando scoprono che la figlia è fuggita in Siria per arruolarsi nelle file del fondamentalismo islamico. Gli amici, invece, hanno una reazione più rispettosa di questa scelta, anche se, una delle amiche lascia intendere una certa stranezza nella natura caratteriale della ragazza. Davanti a un microfono scorrono i pensieri intimi di tutti i personaggi su quanto è accaduto. Che si risolvono in un insieme di emozioni che tradiscono, da parte di qualcuno, sbigottimento o accusa, da parte di altri, una velata giustificazione. Un insieme totale di emozioni che ha il sapore finale di un giudizio sospeso. La drammaturgia, contiene, poi, alcuni riferimenti all'Iliade e al personaggio di Andromaca che "tingono" di classicismo i temi trattati.
La pièce è un tentativo interessante di affrontare un problema attualissimo della società occidentale contemporanea. In "Tu es libre" vince la libertà indipendentemente dalle scelte a cui conduce. Anche se, dobbiamo dirlo, è la libertà, quella di Haner, a condurre la ragazza verso una scelta il cui tratto principale è proprio l'assenza di libertà. Tutta la storia scorre sulle reazioni emotive dei personaggi dopo il colpo di scena iniziale, la scomparsa della ragazza. Qualche altra deviazione narrativa avrebbe, forse, dato maggiore interesse. Le scene, talvolta, si accavallano alle sotto scene rischiando di perdere l'attenzione del pubblico. Nel complesso, abbiamo apprezzato la volontà coraggiosa dell'autrice di aver affrontato un tema che, per la sua "pericolosità", può, istintivamente, tenere lontani.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Dicembre 2018 23:06

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.