martedì, 10 dicembre, 2019
Sei qui: Home / S / SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE - regia Thomas Ostermeier e Constanza Macras

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE - regia Thomas Ostermeier e Constanza Macras

Sogno di una notte di mezza estate Sogno di una notte di mezza estate Regia Thomas Ostermeier e Constanza Macras

adattamento dall'opera di William Shakespeare
testo in tedesco Frank Günther
regia/coreografia: Thomas Ostermeier e Constanza Macras
scene: Jan Pappelbaum
costumi: Ulrike Gutbrod
musica: R. Chris Dahlgren, Maurice de Martin, Alex Nowitz
con Nabih Amaraoui, Robert Beyer, Lars Eidinger, Markus Gertken, Jörg Hartmann, Bettina Hoppe, Hyoung-Min Kim, Florencia Lamarca, Eva Meckbach, Alex Nowitz, Gail Sharrol Skrela, Rafael Stachowiak
cantante Alex Nowitz
Napoli, Auditorium Rai, 13 ottobre 2007

Il Mattino, 15 ottobre 2007
Il Messaggero, 14 ottobre 2007

Tango crudele per un «Sogno» tutto sesso

Una volta tanto la scena più spinta è anche quella più significativa. All'inizio e alla fine (e dunque in posizione fortemente icastica) dell'allestimento del «Sogno di una notte di mezza estate» - presentato all'Auditorium della Rai, in chiusura del «Prologo» al Teatro Festival Italia, dalla Schaubühne am Lehniner Platz di Berlino con la regia del suo direttore, Thomas Ostermeier, e le coreografie di Constanza Macras - un attore nudo infila il pene in una maschera teatrale e lo fa sporgere dalla bocca di quella come una lingua. Ed è la traduzione perfetta dell'acuta analisi compiuta da Jan Kott a proposito del testo shakespeariano in questione. Scrisse il grande studioso polacco: «La riduzione del personaggio a partner amoroso mi pare la caratteristica più essenziale di questo sogno crudele. E forse la più moderna. Il partner non ha più un nome, non ha neanche un volto. È semplicemente quello più vicino. Come in certe opere di Genet, in cui non esistono dei personaggi precisi, ma solo delle situazioni. Tutto diviene ambivalente». E dunque, per l'appunto, si può fare l'amore soltanto con una «maschera», in tutti i sensi del sostantivo. Mentre il sesso, totalizzante, prende il posto delle parole, ormai completamente destituite dal compito di veicolare certezze. Non a caso, infatti, di tanto in tanto i sovratitoli in italiano vengono sostituiti da indecifrabili simboli grafici. Ed ecco, allora, che lo spettacolo comincia come un banalissimo party a cui partecipano anche gli spettatori, che vengono fatti entrare direttamente in scena prima di accomodarsi in poltrona. Ma, appena quella festa finisce, si scatena un'autentica esplosione di movimenti frenetici, a volte seriali e a volte disarticolati, comunque sempre più violenti. E se a commento della scena citata arrivava all'inizio una canzone che diceva: «Se quel che dico non ha più senso, sei tu il senso», il duca di Atene Teseo, pur seminudo, indossa lo stesso cappello e gli stessi stivaletti che indossava Jon Voight in «Un uomo da marciapiede»: perché, si capisce, anche la prostituzione ha bisogno dell'anonimato. La cornice, ovviamente, è quella del musical, scandito dalla band del cantante Alex Nowitz. Ma, sul piano formale, il «Sogno» di Ostermeier non costituisce una gran novità: già nell'anno di grazia 1982, poniamo, il Teatro dell'Elfo e Gabriele Salvatores avevano messo in scena la commedia del Bardo con tanto di bottiglie di whisky, chitarre elettriche e un mare di microfoni destinati ad amplificare le canzoni che sostituivano i monologhi del testo originale. E anche nell'allestimento di Salvatores la danza svolgeva un ruolo decisivo, se è vero che vennero ingaggiate ben due coreografe, Elisabeth Boeke e Patrizia Fachini. Proprio dalle coreografie della Macras, in ogni caso, scaturiscono i momenti migliori dello spettacolo tedesco: e basta, in proposito, fare soltanto l'esempio del passo a due che realizza una strepitosa reinvenzione del tango, con i partner che si attraggono e si respingono utilizzando il tessuto elastico delle magliette e dei calzoncini. E tutti molto bravi, ci mancherebbe, sono gli attori, specialmente per quanto riguarda l'uso acrobatico del corpo. Ne deriva una rappresentazione vivacissima e divertente. Ma Ostermeier non poteva dimenticare il gelo che spasima al fondo di quel sabba di finzioni e travestimenti. E così disegna, alla fine, la scena più bella, che vale da sola l'intero allestimento. A poco a poco spariscono tutti i personaggi, e se ne vanno pure i musicisti. E nella luce che si spegne lenta, Ermia resta sola e sgomenta a chiamare gli altri che non vede più. Nessuno risponde. Poteva starci in sottofondo Sergio Endrigo: «La festa appena incominciata è già finita»; oppure Umberto Bindi: «Ecco, la musica è finita / gli amici se ne vanno»...

Enrico Fiore

All'Auditorium Rai di Napoli per il Festival Italia
una versione hard del classico shakespeariano

Ostermeier, il "Sogno" senza complessi

Il popolo di questo Sogno è misto, impuro, compromesso e compromettente. Maschi vestiti da femmina e femmine come mostri al maschile. Sessi e sensi si confondono, nella certezza shakespeariana (il Sogno di una notte di mezza estate, in questo senso, è la più contemporanea delle opere del Bardo) che a letto ci si mescoli spesso e volentieri. E la fantasmagoria di incanti che intreccia fate con asini, elfi con principesse, folletti con ragazzacci, diventa, grazie a due artisti "folli" come Thomas Ostermeier e la coreografa e performer argentina Constanza Macras, in un'orgia di ieri, oggi e domani.
Lo spettacolo – ieri sera all'Auditorium Rai, con replica oggi pomeriggio – ha già impreziosito il Festival di Atene dello scorso anno, coprodotto dalla Grecia assieme alla Schaubühne Am Lehniner di Berlino. Nell'adattamento del geniale e notoriamente disinibito regista tedesco, tutto parte da un epilogo: le battute finali di un gran ballo in maschera. L'orchestra ha da poco suonato l'ultimo brano e comincia a smobilitare. Ma qualcuno, fra gli invitati, non ha voglia di concludere così. Ed eccolo, il creativo, si fa vivo come dal Nulla per improvvisare uno scardinato streaptease che rimette in moto la festa.
La popolazione in palcoscenico si agita allora come un'onda di molti colori, s'increspa, schiumante e vitale, corre verso la metaforica spiaggia dove vive l'anarchia sessuale.
Ostermeier e la Macras usano tutte le armi possibili, attori, danzatori, sciabolate di luce, suoni techno e hard rock, musica barocca, guêpière, giarrettiere, occhialoni, maschere e parrucche, plastica e pizzi, in un bailamme scientificamente dionisiaco che favorisce la perdita di ogni identità. La magnifica fusione dei generi, il risultato scenico intensissimo (che già impressionò il pubblico di Atene) sono senz'altro uno dei regali migliori del Prologo del Teatro Festival Italia che si conclude stasera a Napoli.
Quella di Ostermeier è in fondo una lezione per chi da noi ancora stupisce di fronte a operazioni di attualizzazione, formale o sostanziale, dei classici. Vedi, ad esempio, la versione di un altro Shakespeare doc, Misura per misura, diretta e interpretata da Gabrielle Lavia con, fra gli altri, il figlio Lorenzo. Ai giovani, cui la rassegna napoletana è destinata, il Sogno euro-argentino presenta la complessità di un allestimento internazionale al quale, prima o poi, interpreti e registi degni di tal nome dovrebbero poter approdare.
Sempre che, anche da noi, realizzatori e produttori si decidano alla collaborazione programmatica, all'abbattimento delle barriere di genere e alla non criminalizzazione a priori delle idee ardite o iconoclaste.

Rita Sala

Ultima modifica il Mercoledì, 25 Settembre 2013 08:55

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.