domenica, 15 dicembre, 2019
Sei qui: Home / S / SCENE DA ROMEO E GIULIETTA - regia Federico Tiezzi

SCENE DA ROMEO E GIULIETTA - regia Federico Tiezzi

Scene da Romeo e Giulietta Scene da Romeo e Giulietta Regia Federico Tiezzi

di William Shakespeare
traduzioni Michele Leoni, Agostino Lombardo, Giuseppe Patroni Griffi
drammaturgia Federico Tiezzi, Barbara Weigel, Giovanni Scandella
regia: Federico Tiezzi
scene Pierpaolo Bisleri, costumi Marion D'Amburgo, luci Roberto Innocenti, coreografo Giovanni di Cicco, maestro di canto Francesca Della Monica
con Marion D’Amburgo, Roberto Latini, Ciro Masella, Graziano Piazza, Alessandro Schiavo
e con la partecipazione straordinaria di Francesca Benedetti e Franco Graziosi
Prato, Teatro Fabbricone, dal 26 novembre al 20 dicembre 2009 (prima assoluta)

Corriere della Sera, 13 dicembre 2009
Amore e morte tra le roulotte dei Rom

In una bianca fossa tra specchi che rimandano movimenti incerti e un letto, due vecchi recitano le più belle frasi d' amore di Romeo e Giulietta. Una scena che attanaglia il cuore per la bellezza di parole dette come una memoria dolce ma anche come una serena verità, la verità dell' amore che dà senso all' esistenza. Con questa scena folgorante, che gli spettatori spiano dall' alto, interpretata con morbida bravura da Francesca Benedetti e Franco Graziosi, ha inizio Scene da Romeo e Giulietta di Federico Tiezzi che firma anche la drammaturgia. Da un passato che è l' eterno presente di un sentimento vero, si cambia ambiente (le belle scene sono di Pier Paolo Bisleri e i costumi di Marion d' Amburgo) per giungere lungo una strada asfaltata, delimitata da un guardrail al di là del quale sono seduti gli spettatori, in un campo rom tra povere roulotte dove regna una vitalità chiassosa. Qui la rivalità Montecchi-Capuleti si trasforma in lotta per il potere di due bande e, per dirla con Michel Foucault, dovunque si eserciti il potere, scompare la libertà, anche quella di amare. Ed è questa la bella intuizione della regia che racconta come questa lotta uccida l' uomo. Così Giulietta e Romeo rom non potranno amarsi come nella Verona di Shakespeare. E la loro fine sarà nel sangue tra feste, canti, coltelli, melodie rom e canzoni anni ' 70 e ' 80, travestimenti e provocazioni. Giulietta, la brava Caterina Simonelli, morirà tra petali di rose e beckettiane cupole di ombrelli, come lo smarrito Romeo di Matteo Romoli. Di misteriosa ambiguità il Mercuzio di Roberto Latini, bravi Graziano Piazza, Marion d' Amburgo e gli altri, in uno spettacolo che è una sorta di melodramma lontano dalla favola d' amore, specchio dell' aridità di miserabili interessi che massacrano la verità della vita.

Magda Poli

Ultima modifica il Mercoledì, 02 Ottobre 2013 09:14

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.