giovedì, 05 dicembre, 2019
Sei qui: Home / S / SKIANTO - di e con Filippo Timi

SKIANTO - di e con Filippo Timi

"Skianto", di e con Filippo Timi "Skianto", di e con Filippo Timi

Di Filippo Timi
Monologo, atto unico
Regia Filippo Timi
Luci Gigi Saccomandi
Costumi Fabio Zambernardi
Con Filippo Timi e con la partecipazione canora di Salvatore Langella
Produzione Teatro Franco Parenti
Al Teatro Bellini di Napoli, dal 26 novembre al 1 dicembre 2019

www.Sipario.it, 27 novembre 2019

Una vena di follia, anzi forse la follia più totale, anima questo monologo che mette in atto la vera dimostrazione dell'essere un artista a tutto tondo, un vero e proprio animale da palcoscenico. Filippo Timi non si risparmia e ci mette a parte di tutto il mondo interiore che un ragazzino disabile, impossibilitato a parlare e a muoversi, vorrebbe esternare e vivere. Quanto la vita possa essere dura se ne rende conto fino in fondo soltanto chi ha qualcosa in meno, a causa della Natura nel suo caso crudele, ma anche qualcosa in più: tutta quell'immaginazione fantastica e quell'approccio multiforme e quasi magico alla vita che non può vivere, ma che porta nella sua anima. Ironia, favola amara, giostra di emozioni incontrollabili e mondo quasi magico che dal silenzio della sua stanza viaggia in realtà nei ricordi e nei pensieri. Ciò che popola questo universo tutto suo, difficile da capire, ma così particolare da attraversare, è la cornice della scenografia un po' eterea, molto affascinante, quasi fatata, scandita dalle canzoni, dai video e dal teatro puro e diretto. Così affamato di vita da essere perfino felice quando costretto ad andare con i suoi genitori in ospedale, semplicemente per la gioia di uscire di casa, il «bambino» Filippo Timi, vuole fare il ballerino, il cantante, è affascinato dal pattinaggio e vede in ciò che lo circonda la libertà che a lui manca e che nessuno capirà mai fino in fondo: ecco lo Skianto tra la sua vita e la realtà, tra la sua prigione del corpo e della stanza e la spensieratezza che raggiunge solo dentro di sé, divario sottolineato più volte dal linguaggio diretto e un po' grossolano e dal suo trovarsi a suo agio più di tutti con il nonno, unico a capire davvero le sue parole fatte soltanto di versi. La semplicità di un pigiama dalla stoffa fantasia e un taglio a caschetto, decisamente fuori moda ed ecco un'esperienza di teatro totale, in cui il corpo, la voce, l'estro artistico danno vita ad una strana, ritmica, forte scena visionaria ed eclettica, in dialetto umbro, ironico e schietto. L'urlo proviene da una bocca che non può parlare, ma urla contro tutti noi, non come lui, ma ugualmente diversamente abili quando ci confrontiamo con la Natura e con gli altri, quando la voce diventa incapace di uscire e quando l'isolamento diventa la nostra condizione. Come ci ripete il bambino che abbiamo di fronte, «la vita dura il tempo di una caramella» e non possiamo permetterci di non trovare la voce, la chiave giusta di lettura, che parte da dentro e dal nostro mondo, per poi raggiungere anche l'esterno intorno a noi. Sarà allora la follia il giusto mezzo per approcciarci a questo carnevale dell'esistenza?

Francesca Myriam Chiatto

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Novembre 2019 16:03

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.