mercoledì, 13 novembre, 2019
Sei qui: Home / R / ROMAN E IL SUO CUCCIOLO - regia Alessandro Gassman

ROMAN E IL SUO CUCCIOLO - regia Alessandro Gassman

Roman e il suo cucciolo Roman e il suo cucciolo Regia Alessandro Gassman

di Reinaldo Povod
regia: Alessandro Gassman, adattamento e traduzione: Edoardo Erba
scene Gianluca Amodio, costumi Helga H. Williams, musiche originali Pivio&Aldo De Scalzi
light designer Marco Palmieri, sound designer Massimiliano Tettoni, elaborazioni video Marco Schiavoni
con Alessandro Gassman, Manrico Gammarota, Sergio Meogrossi, Giovanni Anzaldo, Matteo Taranto, Natalia Lungu, Andrea Paolotti
Cesena, Teatro Bonci, dal 18 al 21 marzo 2010
Roma, Teatro Quirino, dal 29 marzo al 17 aprile 2011

Il Messaggero, 2 aprile 2011
Corriere della Sera, 21 marzo 2010
"Roman e il suo cucciolo"

un bagno nel sangue di Eschilo

Alessandro Gassman ha studiato, per recitare come un clandestino romeno, cocainomane, violento, superstizioso, innamorato del proprio figlio che chiama "cucciolo", con un autentico discendente dei Daci: il manovale di Bucarest cui ha affidato il restauro di casa. A lui ha fatto addirittura registrare l'intera parte di Roman, che Alessandro interpreta nello spettacolo in scena al Quirino di Roma, testo di Reinaldo Povod adattato da Edoardo Erba, regia dello stesso Gassman, titolo Roman e il suo cucciolo.

Siamo in una periferia metropolitana di oggi, dentro la baracca che una comunità di sbandati occupa a turno, essendo Roman, in ogni modo, il padrone di casa. Vigoroso, bello, capace di non soccombere alle piste di coca che, spacciando, tira avidamente in compagnia del sodàle di sempre, un italiano delle Puglie (il bravo Manrico Gammarota), Roman trasforma la propria odissea disperata in una tragedia eschilea. Al vederlo dibattersi fra l'amore paterno che malamente, per ignoranza e corrosione, dimostra al figlio (il sensibile, ottimo Giovanni Anzaldo); l'incombenza di un fato scuro; l'ostilità nei confronti dell'amico di "cucciolo", il Che, del quale è inconsapevolmente geloso e rivale (Sergio Meogrossi, profeta della dissoluzione come Tiresia o Calcante), capisci come sia possibile scegliere di fare, adesso e qui, un teatro antico e insieme futuribile.

Ci sono urla e sconnessioni del cervello, nello spettacolo, battute estreme, linguaggi disinibiti, una puttana bionda, gesti estremi. E sangue. Che però è quello delle stragi fra consanguinei scritte dai tragici greci, frutto di una scure calata da un figlio sulla propria madre o da una moglie sul proprio marito. Alessandro ha insomma scelto la via di un difficile naturalismo che quando fa centro, come in questo caso, provoca nello spettatore la famosa catarsi. Gli danno man forte anche Matteo Taranto, Natalia Lungu e Andrea Paolotti. Scene di Gianluca Amodio; costumi di Helga Williams; musiche originali Pivio & Aldo De Scalzi; light design Marco Palmieri; videografia di Marco Schiavoni. Uno spettacolo da non perdere.

Rita Sala

Gassman figlio, ottimo padre Roman e il suo Cucciolo di Povod/Gassman In Roman e il suo Cucciolo Alessandro Gassman dà un' altra prova della sua maturità, non solo di attore. Le cose notevoli, nel suo nuovo spettacolo, non sono poche. Comincio dallo sconosciuto autore: Reinaldo Povod a 17 anni si era fatto notare con il primo testo teatrale. Ma nel 1986 Cuba and His Teddy Bear ottenne un enorme successo: ne erano interpreti Robert De Niro e Burt Young. Fu proprio questo risultato (così il programma di sala) a rovinarlo. Scrisse una sola altra commedia e, nel 1994, a 34 anni, morì a Brooklyn. La seconda cosa notevole è la traduzione di Edoardo Erba. Più che una traduzione, una riscrittura, quasi un' opera originale. I cubani emigrati a New York dopo la rivoluzione castrista ora sono i rumeni fuggiti in Italia dopo la morte di Ceaucescu, nell' 89. Straordinaria è la capacità di ascolto di Erba, straordinario il suo mimetismo. I personaggi parlano in un italiano storpiato, una lingua quasi nuova: la riconosce chi abbia dimestichezza con i rumeni. Non bastasse, gli interpreti della commedia danno il meglio di sé nel pronunciarla, questa lingua; e, ancora di più, nella velocità della pronuncia. Come i rumeni, quasi temessero di non essere capiti o quasi non lo volessero per timore di essere giudicati, sono così rapidi da mangiarsi le parole, la parte finale di una parola, quella che segue a sopraffare quella che precede. La terza cosa notevole l' ho appena suggerita, la qualità degli interpreti: non celeberrimi, ma bravissimi nella concertazione oserei dire musicale del testo. Infine c' è lui, Alessandro, primo attore e regista. Colpisce che egli interpreti la parte di Cuba, ovvero di Roman, il padre. Non è Alessandro un figlio per eccellenza? Il bello invece è proprio che sia un padre. Nelle sequenze iniziali ci sconcerta, poi ne prendiamo atto, Alessandro è cresciuto, l' ho già detto, non solo come attore. I padri giovani non sono frequenti. Ma a più di 40 anni si può benissimo avere un figlio adolescente e, come nella commedia di Povod/Erba, i malintesi possono essere tanti, fino a risultare insormontabili. In Roman e il suo Cucciolo non succede niente di importante fino a pochi minuti dalla fine. Una o due lunghe giornate in canottiera e pantofole, buttati su un miserabile divano e su una poltrona sfondata. Roman è uno spacciatore. Geco è l' amico lasciato dalla moglie e Cucciolo è il ragazzo che vorrebbe uscire dal ghetto della Casilina in cui il padre vive. Ma che esempi ha, Cucciolo? che speranze? L' unico suo amico, un certo Che (con il basco!) è un paroliere un tempo approdato a San Remo e ora, diciamo così, esperto in eroina. «Aiutami tu», gli chiede Cucciolo; e il disgraziato gli ficca un ago in vena. Il dramma precipita quando Roman si accorge di ciò che Cucciolo sta facendo della sua vita. Per farsi capire dal figlio, lui che sa solo vendere merci proibite, non riesce a dimostrare i propri reali sentimenti altro che attraverso un gesto estremo. Naturalmente, in questa conclusione il brillante dialogato della commedia svela il suo senso non già critico ma sentimentale; ed è proprio in questo punto di rottura che i temi di Roman e il suo Cucciolo - la droga, o la convivenza tra etnie diverse, una più feroce dell' altra, o l' incomprensione tra padri e figli - perdono di vigore. Ma a rendere tutto credibile ci sono la regia e l' interpretazione di Gassman e dei suoi compagni: Manrico Gammarota, che è Geco, Giovanni Anzaldo, che è Cucciolo, Sergio Meogrossi, Matteo Taranto, Natalia Lungu e Andrea Paolotti.

Franco Cordelli

Ultima modifica il Lunedì, 23 Settembre 2013 11:32

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.