lunedì, 25 gennaio, 2021
Sei qui: Home / P / PIPPI CALZELUNGHE - regia Fabrizio Angelini

PIPPI CALZELUNGHE - regia Fabrizio Angelini

Pippi calzelunghe Pippi calzelunghe Regia Fabrizio Angelini

di Astrid Lindgren
adattamento teatrale Staffan Götestam
regia e coreografie Fabrizio Angelini, musiche Georg Riedel e Anders Berglund
versione italiana Sagitta Alter e Carlotta Proietti, rielaborazione scenica e costumi Susanna Proietti
direzione musicale Giovanni Monti, supervisione Gigi Proietti
con Eleonora Tata, Emiliano Geppetti, Alessandro Salvatori, Alessio Conforti, Alice Lussiana Parente, Altea Russo, Maurizio Palladino, Chiara Costanzi, Andrea Gherpelli, Enrico D'Amore, Alex Mastromarino
Roma, Teatro Argentina, dal 26 febbraio al 6 marzo 2009

Il Messaggero, 28 febbraio 2009
Irresistibile bambina dalle trecce rosse

Operazione particolare e degna di nota, quella del Teatro di Roma su Pippi Calzelunghe, l’opera di Astrid Lindgren adattata per il teatro da Staffan Gotestam, regia e coreografie di Fabrizio Angelini, che Gigi Proietti, nella versione italiana di Sagitta Alter e Carlotta Proietti, ha supervisionato per lo spettacolo in scena, dall’altra sera, all’Argentina (fino al 6 marzo; dal 7 al 10 marzo al Quarticciolo; dal 12 al 22 marzo all’India; dal 25 al 29 marzo al Tor Bella Monaca).
La saga svedese della ragazzina combinaguai, che tante e differenti conseguenze ha generato, dai film ai serial tv, dai musical alle rappresentazioni in prosa, viene qui usata per un happening con la fantasia e con lo spirito libertario giusto per tutti, non solo per i ragazzi.
Proietti e Angelini devono essersi divertiti un mondo a trovare, fra i moltissimi attori, mimi acrobatici e artisti della clownerie che hanno a suo tempo affollato i provini, gli azzeccati interpreti: Eleonora Tata (Pippi), Emiliano Geppeti, Alessandro Salvatori, Alessio Conforti, Alice Parente, Altea Russo, Maurizio Palladino, Chiara Costanzi, Andrea Gherpelli, Enrico D’Amore, Alex Mastromarino. Hanno amato accudirli, costruire per loro fuori, dentro, sopra e attorno alla gran casa variopinta dove Pippi vive sola, con il cavallo Zietto e la scimmia domestica Mister Nilsson, una baraonda così organizzata da risultare, agli occhi degli spettatori, un cartone animato. Godibilissimo, comico, brillante, tenero, scavezzacollo come la protagonista dalle trecce rosse.
Pippi, figlia del pirata Calzelunghe, che gira il mondo con la sua nave e la sua ciurma, ci regala ancora una lezione. Che suona così: l’indipendenza, il potere di sognare senza limiti, la capacità di dare al denaro un’importanza relativa e il valore dell’amicizia rendono bella la vita, assai più dei vestiti eleganti e del galateo da salotto. Fra anticonformismo e deliziose trasgressioni, la rossa inarrestabile (molto brava la Tata, che recita, balla, salta e canta senza alcuna flessione) tiene banco, assieme ai compagni, per cento minuti trascinanti. E tutti ci lasciamo andare alla magia del Circo e dei suoi numeri, alle esibizioni di forza della ragazzina, allo stupore che suscitano tutte le apparizioni di Zietto, destriero dal mantello a pois animato da due attori masochisti e formidabili (Geppeti e Salvatori, capaci anche di interpretare una coppia di ladri da comica di Buster Keaton). Tutti riassaporiamo il sorriso, e la vacanza. E di Pippi, dati i tempi, possiamo e riusciamo a condividere ribellioni e nascoste tenerezze, fino alla saggia decisione (all’epilogo, quando il capitano Calzelunghe riparte e vorrebbe portare la figlia con sé) di continuare invece la propria vita operosa, autodeterminata e, soprattutto, contigua a quella di due veri e sinceri compagni di strada, Annika e Tommy. Insomma, a papà e a mamma (quella di Pippi «è in cielo») si voglia tutto il bene del mondo, ma senza dipendere eternamente dalla loro vicinanza e dalla loro protezione. L’ammaestramento, non a caso, viene da una scrittrice del profondo Nord.
I costumi, vividi e accuratissimi, e l’assetto scenico sono di Susanna Proietti.

Rita Sala

Ultima modifica il Martedì, 24 Settembre 2013 17:10

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.