martedì, 12 novembre, 2019
Sei qui: Home / P / PINOCCHIO - LO SPETTACOLO DELLA RAGIONE - regia Armando Punzo

PINOCCHIO - LO SPETTACOLO DELLA RAGIONE - regia Armando Punzo

Pinocchio-Lo spettacolo della ragione Pinocchio-Lo spettacolo della ragione Regia Armando Punzo

drammaturgia e regia Armando Punzo
con gli attori detenuti della Compagnia della Fortezza
scene Alessandro Marzetti | costumi Emanuela Dall'Aglio
movimenti Pascale Piscina
assistenti alla regia Stefano Cenci - Laura Cleri
collaborazione artistica: Manuela Capece - Andrea Salvadori - Giacomo Trinci
collaborazione alla drammaturgia Maurizio Braucci, assistente ai costumi Silvia Bertoni, video Lavinia Baroni
collaborazione al progetto Luisa Raimondi
La Compagnia della Fortezza al Teatro Auditorium di Scampia, 27-28 febbraio 2009

www.Sipario.it, 11 marzo 2009
Pinocchio all’incontrario

Sente le voci Pinocchio. Voci che gli suggeriscono cose che non gli piacciono: “Ho una certa difficoltà a metterle a letto”. E’ quasi doppio anche nella voce: da un  lato acconsente “sì, sì, sì”, dice, ma dall’altra si rifiuta di obbedire, ribelle e contestatore trasforma l’antica favola e ne inverte il percorso. E’ questa l’impostazione che Armando Punzo ha dato alla messinscena del suo “Pinocchio-Lo spettacolo della Ragione”, che ha debuttato a Napoli a marzo. Interprete egli stesso del burattino collodiano, è protagonista e centro dell’azione. Intorno a lui ruotano i personaggi, gli amici, i sogni, interpretati dagli attori della Compagnia della Fortezza del carcere di massima sicurezza di Volterra, dove lavora da ventuno anni.
Sulla scena tutta nera, è sparso un manto di sabbia,  lui corre e si agita da un punto all’altro, con la corda al collo, urlando al microfono, come in un varietà, il suo rifiuto, il suo conflitto mentre una voce fuori campo ripete ossessivamente ricordi d’infanzia: la stanza “piena di famiglia”,  la stanza della sua nascita, il caldo utero materno. “Qui ho sperato, mi sono ridotto sempre di più e ora muoio un’ora dopo l’altra”. E organizza il suo funerale, danza col manichino-cadavere e gli prepara la camera ardente.
Un coniglio bianco, il gatto, la volpe, i carabinieri, la fata turchina, un angelo e tutt’intorno alla scena le teste di Donnie Darko gli fanno compagnia. Il centro è lui. In un sogno, un’utopia, una rivoluzione. La voglia di tornare pezzo di legno, prima di essere un “buffo burattino” e non voler diventare un “bravo bambino”. Anzi, perché no, meglio ritornare albero e da albero alla foresta. Ma ecco che, da improvvisi sipari appare la vita vera: una famiglia che cucina, gioca, ascolta musica. E più in là uno spettacolo rock con tanto di chitarrista, luci della ribalta, cow boy. Non va, Pinocchio chiude tutte le porte e chiama gli amici. Lucignolo-asino-Pierrot esce dalla cornice nella quale era imprigionato nel mondo dei Balocchi e tutti insieme danzano.
Numerose le citazioni: dalla favola di Alice al monologo di Don Chisciotte, alla finale shakesperiana Tempesta.
Non di cibo o  di bucce di pera si nutre Pinocchio, ma di cultura, di libri, di arte, di pittura, di musica. Pasolini, Kafka, Rabelais, Mozart e Beethoven lo acconpagnano in questa trasformazione, in questo rifiuto della realtà, della società attuale, che costruisce carceri “anche senza sbarre”, dice Punzo, “che crea inferni come le prigioni”.
Il messaggio, però, non può che essere salvifico per una compagnia di detenuti che, certamente “bravi bambini” non potranno essere considerati e per lo stesso autore-attore-regista che pare trovare in questa messinscena-metafora una modalità catartica. Appare evidente la “necessità” del recitare ma, dice Pinocchio: “Non si può mettere in scena ciò che non si ama”.
Il suo urlo ribelle e anarchico raggiunge la testa più che il cuore dello spettatore e fa riflettere sul ruolo dell’uomo, sull’etica della politica, sull’essenza del vivere.
Sulla scena, una trentina di persone di diversa provenienza dall’africano, al siciliano, al napoletano. Per lo spettacolo Armando Punzo ha coinvolto anche alcuni allievi della sua Squola e qualche “corsaro”, i giovani che lavorano a Scampia nella rassegna “Punta Corsara”.
Questo spettacolo rappresenta un’ulteriore tappa del laboratorio all’interno di Volterra, carcere-pilota in Italia. Il prossimo passo dovrebbe essere l’stituzionalizzazione del gruppo in una Compagnia Stabile.

Angela Matassa

Ultima modifica il Martedì, 24 Settembre 2013 15:10

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.