sabato, 04 aprile, 2020
Sei qui: Home / P / PER GUARDARTI MEGLIO - regia Emma Dante

PER GUARDARTI MEGLIO - regia Emma Dante

Per guardarti meglio Per guardarti meglio Regia Emma Dante

Studio ispirato a una storia vera
Testo e regia Emma Dante
Con Sabrina Petyx, Sabrina Recupero
Teatro dell Balate, Palermo, dal 2 al 6 novembre 2011

www.Sipario.it, 17 novembre 2011

La scenografia è piena di giocattoli, fa quasi paura con le sue bambole e pupazzi. Fa paura tanto silenzio colorato e quasi profano, impietosiscono le musichette che contemporaneamente si attivano, musiche infanti che dovrebbero rallegrare, riportare lo spettatore a piccini ricordi, eppure uno sgomento lo governa, come un disagio segreto e imbarazzato. Due enormi bambole prendono pian piano vita, con meccanica spontaneità e divengono qualcuno nel piccolo universo di giocattoli, un lupo e Cappuccetto rosso. Ma si è una favola! Il lupo tenterà di mangiarsi la piccoletta prendendo il posto della nonna e poi finirà come deve finire, bene.

Ma il lupo non vuole mangiarla, ci vuole giocare, solo giocare. Cappuccetto è contentissima e lo asseconda in ogni sua richiesta e desiderio. E si divertono sempre insieme, mentre la mamma è fuori chissà dove. Il gioco ha la voce grezza di un nonno che adora la sua nipotina, tanto, troppo, e chiede, chiede sempre di più; Cappuccetto, inizialmente accondiscendente, comincia al chiedersi il perché di quei giochi che si fanno sempre più strani e prepotenti. Basterà dire di no al nonno e il gioco da favola avrà termine, e se non dovesse bastare, lo dirà alla mamma. Ma nessuno l'ascolta, Cappuccetto impreca, la madre, apparsa quasi per sbaglio sulla scena, è impegnata a far altro ed anzi la zittisce, sono solo bugie.

La ribellione nei confronti del lupo fa emergere la presa di coscienza che le bugie si sono spacciate per verità, lentamente, con dolcezza, seduzione e inganno, le verità si sono tramutate in beffarde bugie, stoltezze ingombranti.

Cappuccetto non ci sta più, è "sperta", il tintinnante dialetto palermitano delle prime battute s'è fatto più rozzo e diretto, veritiero, i gesti si fanno convulsi e rabbiosi. E' una lotta viscerale quella fra i due, fatta di ignoranza, sottomissione, silenzio, sensi di colpa, complicità. Intanto lo spettatore, sente restringersi lo stomaco e si vede gettato nel proprio Io ludico, che almeno una volta nella vita, è stato ingenuo e tentato a seduzioni pericolose, e non può starsene quieto, anche quando il dramma è giunto, come favola vuole, ad un lieto fine; e non può affermare se sia stato bello o brutto, perché Per guardarti meglio, il nuovo lavoro di Emma Dante, è reale e viscerale a tal punto da non permettere giudizi estetici o etici.

Bisogna decidere, se restare a guardare o riappropriarsi della verità.

Lo spettacolo rientra nella quarta edizione della rassegna "Provocazioni", organizzata dal Teatro delle Balate di Palermo.

Livia D'Alotto

Ultima modifica il Lunedì, 23 Settembre 2013 18:46

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.