sabato, 13 aprile, 2024
Sei qui: Home / P / PELLE DEL SERPENTE (LA) - regia Nicola Calì

PELLE DEL SERPENTE (LA) - regia Nicola Calì

La pelle del serpente La pelle del serpente Regia Nicola Calì

di Nicola Calì
Regia Nicola Calì
Scene David Crea, Costumi Santino Macchia, Musiche originali di Pippo Mafali, Aiuto regia Daniele Cesareo
con Giovanni Boncoddo, Nicola Calì, Simonetta Pisano, Gianni Di Giacomo, Alessandro Santoro
Sala Laudamo, Messina dal 23 al 25 marzo 2012

Giornale La Sicilia, 27 marzo 2012

MESSINA Giovanni Boncoddo gioca a scacchi con la morte come ne Il settimo sigillo di Ingmar Bergman. Torna in scena dopo otto anni da quell'incredibile incidente che l'ha miracolosamente lasciato vivo e raziocinante e gioca adesso ad interpretare il ruolo di Curzio Malaparte negli ultimi giorni della sua vita quando sta per tirare le cuoia in un lettino d'ospedale. L'atmosfera creata da Nicola Calì, regista de La pelle del serpente, un atto unico di 60 minuti ricavato da alcune schegge del noto romanzo La pelle dell'avventuroso ed esibizionista giornalista-scrittore-drammaturgo che fu Malaparte, sembra quella di A porte chiuse di Sartre con l'eterna nemica che si beffa dei vivi. Lo stesso Calì, incomprensibile nel profferire verbo forse per motivi odontoiatrici, veste i panni d'una specie di medico in camice nero (i costumi sono di Santino Macchia, le musiche di Pippo Mafali) che inietta morfina e nello stesso tempo sembra proprio una comare secca che non vede l'ora d'ingurgitare quel malato terminale che delira e fa sogni surreali. Il dialogo fra i due sembra quello del condannato a morte col suo carnefice che appare trasfigurato in sogno con la faccia del suo (di Malaparte) cane Febo: le tre infermiere di bianco vestite (Simonetta Pisano, Eliana Risicato, Valentina Sicari) vengono accostate al Trio Lescano che cantano Maramao perché sei morto e Tuli –tuli-pan: mentre gli altri due sanitari - uno dal perfetto aplomb professorale (Gianni Di Giacomo), l'altro (Alessandro Santoro) in abiti borghesi curvo, anfetaminico e sudaticcio, quasi una sorta di Frankenstein junior - cercano di alleviare le patologie di cui è affetto quell'ammalato di riguardo. Sulla scena nera di David Crea solo alcuni elementi (lettino con comodino, un porta-catino, un vecchio grammofono) e un Boncoddo che grida che "la guarigione è la morte e la malattia è la vita" e non si dà pace nell'avvertire che "la morte non può essere donna perché la donna ci dà la vita". Consueti applausi finali e repliche alla Sala Laudamo sino ad oggi pomeriggio.

Gigi Giacobbe

Ultima modifica il Lunedì, 23 Settembre 2013 18:45

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.