mercoledì, 08 febbraio, 2023
Sei qui: Home / P / PADRE NOSTRO – di Enrico Castellani e Valeria Raimondi

PADRE NOSTRO – di Enrico Castellani e Valeria Raimondi

"Padre nostro", di Enrico Castellani e Valeria Raimondi "Padre nostro", di Enrico Castellani e Valeria Raimondi

di Enrico Castellani e Valeria Raimondi
con Maurizio Bercini, Olga Bercini e Zeno Bercini
direzione di scena di Luca Scotton
musiche originali Lorenzo Scuda
produzione Babilonia Teatri – La Corte Ospitale, Teatro al Parco, Parma, 29 ottobre 2022

www.Sipario.it, 21 novembre 2022

Padre nostro è una preghiera, è una preghiera al padre, è una preghiera su un padre, è una preghiera laica, è un dialogo mai iniziato e spesso cercato. Padre nostro è quello che i figli dicono di loro padre, è quello che i padri – forse – vorrebbero sentire nel segreto delle camerette dei loro figli. Padre nostro di Enrico Castellani e Valeria Raimondi è un dono a Maurizio Bercini, è materia incandescente che mette in scena un padre vero, Maurizio, con i suoi due figli adolescenti: Olga e Zeno, anch’essi figli davvero e non per finta. È questo un aspetto non secondario nella fruizione dello spettacolo che ha tutti i crismi e gli stili del teatro dei Babilonia: una prosa ritmata e rappata, un uso drammaturgico delle musiche, lo spazio astratto che si disegna con la posizione dei corpi, quadri che sostengono invettive, elegie, scontri e incontri verbali ma pesanti come corpi che s’abbandonano a verità scomode e sputate in faccia. Un portacandele, di quelli con le candele elettriche che pian piano si accendono: al centro papà Bercini ai lati i figli. E parte il monologare incazzoso dei due ragazzi e del padre. Le parole sono taglienti, l’elogio del padre maestro, ma che può divenire un tiranno, la gioia di essere padre, salvo poi scoprire che educare costa fatica e uno strisciante senso di impotenza, a volte. In tutto questo, nella costruzione per ossimori, iperboli, ragionamenti per assurdo della scrittura di Raimondi/Castellani c’è qualcosa di più: c’è il gusto di tornare a guardarsi negli occhi, con sincerità, senza mediazioni, ma anche con a forza urticante delle cose che non ci si è mai dette. Padre nostro di Babilonia Teatri, anche in questo gioco, sa astrarre il dato biografico, per puntare a discorso universale, a elzeviro su un padre che a tratti appare come un autentico pezzo di merda: autoritario per debolezza, permissivo per convenienza, forse il padre più bimbo dei suoi ragazzi. E allora i colti, forse, parlerebbero di evaporazione del padre, citando Lacan. Maurizio Bercini è un padre da sezionare come certi buoi o maiali, è carne da macello, ma è anche corpo sacrificato e sacrificale. Ma alla fine è pur sempre un papà, bello o brutto, cattivo o buono, un uomo che s’eterna nei suoi figli e che i figli non smettono di vedere come campione, l’uomo sul gradino più alto del podio, in una gara a vivere in cui in palio è solo, semplicemente l’insaziabile voglia di amare o l’incapacità di farlo. Applausi affettuosi da parte di una platea gremita e familiare.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Sabato, 26 Novembre 2022 20:50

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.