sabato, 16 ottobre, 2021
Sei qui: Home / O / OTELLO - regia Giancarlo Sepe

OTELLO - regia Giancarlo Sepe

Otello Otello Regia Giancarlo Sepe

di William Shakespeare
regia: Giancarlo Sepe
con Andrea Giordana, Ivana Lotito, Marcello Prayer
Milano, Teatro Carcano, dal 21 novembre al 2 dicembre 2007
Roma, Teatro Eliseo, dal 12 febbraio al 2 marzo 2008

Il Messaggero, 23 febbraio 2008
Corriere della sera, 2 dicembre 2007

"Otello", quel grumo nero d'inferma gelosia

E' cosa buona e giusta, dopo tante stagioni di teatro pensato e fatto, concedersi una digressione particolare, magari uno spaccato di classicità in cui, data la sua natura universale, versare molte delle proprie voglie. Questo sfizio se lo è concesso Andrea Giordana, che interpreta all'Eliseo, fino al 2 marzo, un Otello shakespeariano al quale Giancarlo Sepe, con mano disinibita, ha drammaturgicamente applicato l'arte del ritaglio. Un Otello, cioè, isolato nel suo rapporto totale e totalizzante d'amore e morte con Desdemona e portato alle estreme conseguenze non tanto dal doppio gioco di Jago, quanto dall'esasperato solipsismo in cui macera la gelosia. Tutto in 80 minuti filati.
Il regista veste Giordana con una divisa da marinaio, il capitano Nemo, certo, ma anche un Achab ripiegato sulla propria monomania. E lo vuole nero, nerissimo, come un attore ottocentesco da Carro di Tespi esaltato dal ruolo del Moro. Attorno, in una stanza di pannelli scuri illuminata da fluorescenze bluastre e da improvvise scriminature incandescenti (il mare di Cipro e di Venezia, e le saette del cervello?) le figure della tragedia sono costantemente a disposizione dello spettacolo: lo Jago in abito scuro di Marcello Prayer, qui tessitore da strapazzo superato, nelle sue intenzioni criminali, dall'afflato amore/morte, onnivoro, di Otello; la Desdemona giovane e pulita di Ivana Lotito, lolita quanto deve e quanto basta; il Cassio di Luca Giordana, assimilabile a un giovinotto da disco-pub che mai troppo tenta di capire della vita; l'Emilia di Valentina Valsania, dedita e sommessa; la Bianca di Barbara Giordano e il Lodovico di Michele Mietto. Infine sulfureo, come rubato al melodramma, il Roderigo di Pino Tufillaro.
Giordana, grumo centrale della rappresentazione-flash, linee semplici e cuore tumultuoso, ha una bella eloquenza scenica e interpretativa. Intenerisce, appassiona. E lascia indovinare anche "il resto" del suo Otello alla Oliver Sacks.

Rita Sala

Con un bravissimo Andrea Giordana, per la regia di Giancarlo Sepe
Otello: il terrore di non essere amato

Un uomo non più giovane, innamorato che teme d' aver riposto la sua fiducia in una ragazzina falsa e sventata, un uomo insicuro la cui insicurezza poggia su un sentimento di diversità che lo rende incapace di credere che lo si possa amare per quello che è al di là del suo potere e del fascino del suo coraggio. È Otello di Giancarlo Sepe, drammaturgo e regista, che in uno spettacolo suggestivo mette a nudo l' anima di un uomo che sa come la passione d' amore sia l' unico antidoto contro l' inesorabile scorrere della vita. Tra pareti lucide e riflettenti, in un palcoscenico spoglio e ingannevole come l' animo umano, tra personaggi vestiti in abiti da sera, Otello di Andrea Giordana scava nel suo cuore, il volto e le mani dipinte di nero a sottolineare più che la fedeltà al testo di Shakespeare, il peso ingiusto di una diversità che ha fatto di lui un uomo consumato dal senso di inadeguatezza d' essere amato. Andrea Giordana è intenso, bravissimo, dà accorata verità a un Otello ferito nel più profondo cui anche l' amore sincero della giovane Desdemona, la brava Ivana Lotito, sembra una beffarda, crudele illusione. Giancarlo Sepe cancella il sociale, non c' è Venezia, non c' è Cipro, ci sono solo sentimenti che in un' atmosfera in bilico tra veglia e incubo si aggrovigliano come serpi nel cesto di un incantatore, Iago, Marcello Prayer, che tesse le trame del suo nero imbroglio e fa cadere Otello nell' abisso del suo animo. Una grande storia d' amore e di morte, nella quale recitano in bella consonanza con il disegno registico, anche Pino Tufillaro, Luchino Giordana, Barbara Giordano, Valentina Valsania, Michele Mietto, e nella quale va in scena la vita con le sue terribili e fatali incongruenze, le sua assurdità, le sue contraddizioni che sfociano in passioni, in meschinità, in odi, in cinismo, in ridicolo.

Magda Poli

Ultima modifica il Sabato, 21 Settembre 2013 07:33

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.