giovedì, 17 ottobre, 2019
Sei qui: Home / N / NEMICI. UNA STORIA D'AMORE - regia Yael Ronen

NEMICI. UNA STORIA D'AMORE - regia Yael Ronen

"Nemici. Una storia d'amore", regia Yael Ronen. (Berlino, Teatro Maxim Gorki). Foto Ute Langkafel MAIFOTO "Nemici. Una storia d'amore", regia Yael Ronen. (Berlino, Teatro Maxim Gorki). Foto Ute Langkafel MAIFOTO

di Isaac Bashevis Singer
Regia: Yael Ronen
Con: Lea Draeger, Daniel Kahn, Orit Nahmias, Aleksandar Radenković, Ruth Reinecke, Çiğdem Teke, Christian Dawid, Hampus Melin
Scena: Heike Schuppelius
Costumi: Amit Epstein
Musica: Daniel Kahn
Video: Hanna Slak
Drammaturgia: Necati Öziri
Berlino, Teatro Maxim Gorki, dall'11 marzo 2016

www.Sipario.it, 31 marzo 2016

Nemici. Una storia d'amore, spettacolo tratto dall'omonimo romanzo di Isaac Bashevis Singer, premio Nobel per la letteratura, e diretto dalla regista israeliana Yael Ronen, narra la storia di Herman Broder, ebreo polacco sopravvissuto all'olocausto, poi emigrato a New York dopo la guerra. Fulcro della storia non è tuttavia né la tragedia dell'olocausto né l'emigrazione, bensì l'amore, il sentimento che il protagonista vive nelle relazioni con tre diverse donne: Yadwiga, la moglie nonché ex cameriera che gli salva la vita nascondendolo negli anni bui del nazismo; Masha, giovane ragazza ebrea anch'ella sopravvissuta all'olocausto; e Tamara, ex moglie creduta morta nei campi di concentramento che un bel giorno bussa alla porta di Herman a New York.

La Ronen porta sul palcoscenico del Teatro Maxim Gorki di Berlino una serata di puro intrattenimento, discostandosi così dallo stile tipico dei suoi spettacoli (uno per tutti The Situation, selezionato per l'edizione 2016 del festival Theatertreffen), in cui la società contemporanea, con i suoi attori, i suoi conflitti e i suoi tratti distintivi la fa da padrona. Questa volta invece la storia che la regista inscena rimane ancorata al passato, non funziona da pretesto per parlare del presente, non spinge al confronto. Questa è la pecca di uno spettacolo che rimane pur sempre un valido intrattenimento, senza però spingersi mai in profondità, indurre alla riflessione o essere provocatorio, come invece sappiamo essere nelle potenzialità delle realizzazioni della Ronen. Nemici. Una storia d'amore è uno spettacolo di dialogo continuo che alterna e a volte fonde comicità e drammaticità. L'equilibrio di queste due componenti non risulta tuttavia perfetto: l'intera messa in scena tende più verso la comicità, rischiando di non far trapelare la tragicità di fondo che permea l'opera.

Su un palcoscenico dominato da un groviglio di impalcature e scale (l'associazione visiva con il quartiere newyorkese di Brooklyn è immediata), il protagonista Herman Broder si barcamena tra le tre relazioni amorose in un saliscendi continuo, non soltanto metaforico: le tre donne si collocano sulla scena su tre piattaforme diverse, disposte ad altezze differenti ed è sempre Herman a spostarsi per raggiungerle. Malgrado la gestione parallela delle tre relazioni comporti a Herman una certa fatica, il personaggio non dà segni di cedimento, non smette di affannarsi, sembra non essere in grado di troncare con neanche una delle tre donne che così paiono tutte indispensabili, ognuna per ragioni diverse. Alla fine saranno loro a decidere di fare a meno di lui, con un'ultima brillante scena in cui Yadwiga, incinta di Herman, si fa massaggiare i piedi da Tamara che le dà consigli sulla gravidanza.

Punto di forza dello spettacolo è senza dubbio la musica di Daniel Kahn, vero protagonista della serata: tra note klezmer, qualche parola yiddish e humor ebraico, la colonna sonora è il vero capolavoro di Nemici. Una storia d'amore.

Gloria Reményi

Ultima modifica il Venerdì, 01 Aprile 2016 05:25

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.