venerdì, 06 dicembre, 2019
Sei qui: Home / N / NOTTE IN TUNISIA (UNA) - regia Andrée Ruth Shammah

NOTTE IN TUNISIA (UNA) - regia Andrée Ruth Shammah

Una notte in Tunisia Una notte in Tunisia Regia Andrée Ruth Shammah

di Vitaliano Trevisan
Regia e ambientazione di Andrée Ruth Shammah
Con Alessandro Haber, Martino Duane, Pia Panciotti, Pietro Micci
Prod. Teatro "Franco Parenti"
Compagnia "Gli Ipocritii"
Teatro Quirino dal 10 al 22 maggio 2011

www.Sipario.it, 29 giugno 2011

Al Quirino di Roma si sono concluse le repliche di "Una notte in Tunisia", lo spettacolo di Vitaliano Trevisan ed Andrée Ruth Shammah, ispirato al caso-Craxi e di nuovo in tournée nazionale ad inizio del prossima stagione, considerato l'interesse di pubblico e di critica suscitato a più livelli di fruizione.

Probabilmente, perché, diversamente da quanto previsto, l'allestimento (dai toni onirici, rarefatti, claustrali) non ha finalità assolutorie, né –tanto meno- di immediata invettiva politica. Scarno e scarnificato persino di quel sentimento di "pietas" umana che, in genere, viene assegnato, post mortem, ai personaggi sconfitti dalla Storia. Del Craxi statista e imperioso decisionista (del suo volontario "esilio" ad Hammamet) affiora, semmai uno strano alone "pilatesco", una sospensione di tempo e di giudizio (storico, umano, politico) che colloca il protagonista all'epicentro di un in incubo stremante ed emblematico: quasi da girone dantesco ascrivibile ai "peccatori" di superbia e ipertrofia dell'ego.

Non conosciamo (non abbiamo letto) il resoconto filiale "Route el Favar" con cui Bobo Craxi, in collaborazione con Gianni Pennacchi, ha inteso divulgare ai detrattori del padre il suo solitario "finale di partita": in una ridda di ipotesi e pensieri donde nascono sospetti, rancori, profezie - indicativi di una natura "incapace di fingersi ciò che non è, tanto da preferire la morte piuttosto che fingersi un altro" . Può darsi. Come può anche darsi che tale "nobiltà" e fierezza debba storicamente indietreggiare di fronte all'ipotesi di un destino meno grandioso e "napoleonico": ovvero il timore, il rifiuto, l'ostinata convinzione di non dover sottostare alle leggi di un Paese che "non merita" uomini della "sua schiatta", della sua tempra.

Terreno minato, ovviamente, sul quale Trevisan e la Shammah procedono con prudenza e sobria modulazione di timbri espressivi: pro o contro l' "esemplare" politico che l'uomo rappresentò per il suo tempo (quella dannata idea dell'Italia "da bere" e godere, da trasformare in levriero europeo dai "tanti balzi in avanti"- verso dove?), essendo poi archetipo di ben altre scorrerie e declino della politica a mucillagine di sudditi, valletti e peones.

Diremmo infatti che "Una notte in Tunisia" non "ambisce" al dibattito politico coincidente con il personaggio e la fine della Prima Repubblica.

Preferendo adeguarsi ad una sorta di calco sartriano, genere "A porte chiuse", dove –nel vestibolo estremo- sta un uomo solo e recalcitrante, ipocondriaco e sentenzioso, spiato in tralice da una sorta di maggiordomo luciferino e sorvegliato- più lontani- da una moglie e da un fratello in vena di ciacole e di spigolature di basso profilo.

Necessarie però a contrastare (a rendere vana) la sequela di anatemi, avventati giudizi (su uomini e cose) che l'uomo di "potere", spogliato del suo attributo, affida alla improbabile "gratitudine" dei posteri che dovrebbero riconoscerne la sommità di statista dallo sguardo lungo.

Sia reso inoltre onore ad Alessandro Haber che, contrariamente alla sua natura (al suo tipo recitazione spesso eccitata e sopra le righe) disegna un personaggio senza generalità anagrafiche, inchiodato in un eterno (beckettiano) presente affollato di rabbia, sconfitta, penombre di malattia. Prigioniero di un anfratto sperduto nel tempo e dello spazio: come un qualsiasi Prospero di shakespaeriana "Tempesta" -senza più capacità di seduzione e sortilegio.

Angelo Pizzuto

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 10:16

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.