domenica, 22 settembre, 2019
Sei qui: Home / N / NOTTE DI MAGGIO (UNA) - regia Carmelo Rifici

NOTTE DI MAGGIO (UNA) - regia Carmelo Rifici

Una notte di maggio Una notte di maggio Regia Carmelo Rifici

di Abraham B. Yehoshua
regia: Carmelo Rifici
scene e costumi: Margherita Baldoni
luci: Luca Bronzo
con Elisabetta Pozzi, Claudia Giannotti, Sergio Romano, Michele de' Marchi, Massimiliano Sbarsi, Mariangela Granelli, Noemi Condorelli
Parma, Teatro Due, 24 e 25 ottobre 2008

Corriere della Sera, 9 novembre 2008
Elisabetta Pozzi dentro l' anima di Israele

L'anima di un popolo, quello d'Israele analizzata attraverso le vicende di una famiglia alla vigilia della Guerra dei sei giorni, quando nel 1967 il Paese si trovò minacciato su tre fronti da 250.000 soldati, 2.000 carri armati e 700 aerei. Ancora una volta per Abraham Yehoshua, nell' intenso, lucido Una notte di maggio, il drammatico destino del suo Paese dal 1948, data della sua fondazione, in guerra per non essere cancellato, vive nel tema della famiglia, qui nell' implacabile sottile scavo nei sentimenti di Tirza da due mesi madre, di suo marito, psichiatra, del suo ex marito, fatuo intellettuale, del fragile fratello, della madre con disturbi psichici che si ritrovano in casa di Tirza in una incalzante «ronde» in una notte d' angoscia. La guerra per i protagonisti impossibilitati a vivere una vita «normale», annientati da una vischiosa sensazione di stanchezza che conduce allo smarrimento, al non riuscire a vedere un futuro, diventa il grimaldello per entrare senza pietà nelle proprie crisi esistenziali. Il regista Carmelo Rifici dà alla vicenda un clima di bella tensione. In uno spazio rettangolare con ai due lati il pubblico, tra semplici arredi che mutano di posto a visualizzare un senso di precarietà, vive un' agghiacciante gioco al massacro. Straordinariamente brava e superbamente naturale è Elisabetta Pozzi che riesce a dare a Tirza non un senso di stanchezza rinunciataria, ma una calma antica e saggia che è tentativo di comprensione e di accettazione del prossimo, è semplicità e profondità. Bravissimi anche Claudia Giannotti una madre tra follia e lucidità e Sergio Romano, un fratello avviluppato in una ragnatela di nevrosi. Bene anche Michele de' Marchi, Massimiliano Sbarsi, Mariangela Granelli e Noemi Condorelli. Un testo che supera le analisi semplicistiche e grezzamente ideologiche espresse dal regista nella presentazione dello spettacolo.

Magda Poli

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 10:18

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.