martedì, 24 settembre, 2019
Sei qui: Home / N / NEL FONDO DEL BICCHIERE - regia Sabrina Morena

NEL FONDO DEL BICCHIERE - regia Sabrina Morena

Nel fondo del bicchiere Nel fondo del bicchiere Regia Sabrina Morena

Mauro Corona
ideazione e drammaturgia Sabrina Morena e Riccardo Maranzana
regia Sabrina Morena
scene e costumi Andrea Stanisci
con Fulvio Falzarano, Riccardo Maranzana, Alessandro Mizzi
BONAWENTURA/TEATRO MIELA
in collaborazione con ERT – Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia
Torino, gennaio 2008

www.Sipario.it, 28 gennaio 2008

Toccanti storie montane, anfratti di paesi inerpicati, vicende di bevute e di cacce, nelle vivaci avventure di tre personaggi che si moltiplicano a rappresentare l’integrità e la verginità di un borgo d’altura. Si ispira al romanzo autobiografico Aspro e dolce dello scrittore e scultore Mauro Corona, pubblicato da Arnoldo Mondadori Editore. Corona è un uomo schivo, originale, che involontariamente ha raggiunto il successo editoriale con racconti e libri veri, di montagna. Luogo che non ha mai abbandonato; Corona continua ad abitare ad Erto, è un sopravvissuto alla tragedia del Vajont; porta nel cuore, e lo esprime, i segni indelebili di quel disastro; ama la solitudine e se le quattro anime di Erto gli sembrano troppe si rifugia più in alto, in una baita circondata da alberi ed animali; si sta battendo per i diritti delle sue terre infreddolite, ma questa è un’altra storia. E’ capitato che i suoi quadri letterari abbiano sedotto in primis Riccardo Maranzana e Sabrina Morena, i quali hanno pensato (ed hanno fatto bene) di ricavarne una pièce.

Ha una struttura a quadri, una scenografia ed oggettistica semplicissime, ma intriganti: due tavolacci di legno grezzo che diventano altro da sé, grandi teli a coprire e scoprire, bottiglie e paioli, fucili e scarponi. Uno spettacolo che rispecchia la vita di paese, il sabato sera in cui, dopo una settimana di autentiche fatiche, è d’obbligo stordirsi di vino, che è nettare ma anche veleno: per lui si ruba e si spara; per sfuggire al suo fascino purpureo si sperimenta un ritiro di gruppo tra la neve, ad acqua forzata ma, miracolo! Cade dal cielo una cassa, colma di bottiglie. Impossibile resistere, così il terzetto di protagonisti si sposta in osteria, litiga con l’albergatore che rifiuta loro la spaghettata di mezzanotte; via via si materializzano, attraverso gli stessi tre corpi d’attori, altre figure. L’ultima scena, struggente e surreale, avviene al cimitero. Un allestimento completo di ritmo, intensità, aspettativa, poesia.

Maura Sesia

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 10:28

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.