sabato, 27 novembre, 2021
Sei qui: Home / N / NEL MEZZO DELL'INFERNO – regia Fabrizio Pallara

NEL MEZZO DELL'INFERNO – regia Fabrizio Pallara

"Nel mezzo dell’Inferno", regia Fabrizio Pallara "Nel mezzo dell’Inferno", regia Fabrizio Pallara

drammaturgia Fabrizio Pallara e Roberta Ortolano

regia Fabrizio Pallara

voci Valerio Malorni, Lorenzo Gioielli, Silvia Gallerano

Musiche Økapi
modellazione e animazione 3D Massimo Racozzi

progettazione ambienti architettonici Sara Ferazzoli

sviluppo applicazione e implementazione VR Alessandro Passoni
produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG –Lugano Arte e Cultura
Arezzo – Festival dello Spettatore 2021

Sala Sant’Ignazio dal 21 al 24 Ottobre 2021

www.Sipario.it, 24 ottobre 2021

Assieme all’incipit – “Uscire dallo spazio che su di noi hanno incurvato secoli e secoli è l’atto più bello che si possa compiere” –, di Uscite dal mondo di Elémire Zolla mi sono sempre rimaste impresse le pagine sulla realtà virtuale. Perché? Per la preveggenza rispetto agli anni in cui ne scrisse. E per le argomentazioni. Vi si diceva che, al pari delle estasi sciamaniche, quella virtuale avrebbe scardinato, finalmente, la realtà quotidiana come l’unica ad avere l’istanza assoluta di verità. Facendo esperienza diretta dello spettacolo Nel mezzo dell’Inferno quel concetto mi è tornato in mente.
Non si tratta di teatro vero e proprio. Non si è comodamente seduti in platea, non vi è palcoscenico, non vi è alcun sipario pronto ad aprirsi. Tutto si gioca attraverso strumentini in apparenza semplici ma efficacissimi: un caschetto da calare fin sugli occhi e attraverso il quale è possibile vedere immagini tridimensionali ben definite, una cuffia dove si udranno suoni e voci, un sensore che per mezzo di una cinta viene fatto indossare all’altezza dell’addome. Le maschere del teatro – la suggestiva sala Sant’Ignazio di Arezzo predisposta per l’occasione – accompagnano lo spettatore su un sofà, lo invitano a sedersi e lo spettacolo ha inizio. La storia che si rappresenta è quella dell’Inferno di Dante, l’inizio della sua vicenda, la discesa agl’inferi, l’incontro con alcune anime (Virgilio, Paolo e Francesca, il conte Ugolino), quello con Lucifero e, infine, “uscimmo a riveder le stelle”. Tutto ciò non viene rappresentato, ma riprodotto attraverso la tecnica della realtà virtuale. E lo spettatore non è passivo osservatore ma diviene Dante egli stesso. Nelle note di regia, si spiega la ragione di questa scelta: “Attraverso la scrittura, Dante inventa la possibilità di essere autore e allo stesso tempo narratore e personaggio di un’esperienza”. La compresenza di questi tre piani non poteva che realizzarsi per mezzo della realtà virtuale.
L’originalità di Nel mezzo dell’Inferno consiste nell’indurre lo spettatore ad agire. In caso contrario la storia non procederà, tutto resterà immobile al punto in cui ci si trova. Ciò che colpisce dello spettacolo è che l’istanza della verosimiglianza, cardine del teatro dai primordi, è messa in crisi. Quello che accade non avviene essendo esteriore a noi, ma attraverso di noi. Perché siamo noi a muoverci, ad agire, a incontrare le fiere nel mezzo della selva, a parlare con le anime dannate, a osservare Lucifero diventare gigantesco fino a sovrastarci. E in tutto ciò, da attore autore e spettatore al contempo, si acquisisce un’altra consapevolezza: quella della realtà come pure istanza mentale e percettiva assieme. Razionalmente si sa che quanto vediamo è frutto di elaborazioni computeristiche, ma il nostro cervello e il nostro corpo percepiscono tutto questo come vero. E tanto basta per innescare il gioco teatrale.
Un’esperienza singolare, originale, ben realizzata. Anche grazie alla bravura di tutte le voci recitanti.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Lunedì, 25 Ottobre 2021 19:17

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.