giovedì, 05 dicembre, 2019
Sei qui: Home / N / NEMICO DEL POPOLO (UN) - regia Massimo Popolizio

NEMICO DEL POPOLO (UN) - regia Massimo Popolizio

"Un nemico del popolo", regia Massimo Popolizio. Foto Giuseppe Distefano "Un nemico del popolo", regia Massimo Popolizio. Foto Giuseppe Distefano

di Henrik Ibsen

traduzione Luigi Squarzina

regia Massimo Popolizio

con Massimo Popolizio e Maria Paiato

e con Tommaso Cardarelli, Francesca Ciocchetti, Martin Chishimba

Maria Laila Fernandez, Paolo Musio, Michele Nani, Francesco Bolo Rossini

e Dario Battaglia, Cosimo Frascella, Alessandro Minati,
Duilio Paciello
, Gabriele Zecchiaroli
scene Marco Rossi

costumi Gianluca Sbicca

luci Luigi Biondi

suono Maurizio Capitini

video Lorenzo Bruno e Igor Renzetti

asistente alla regia Giacomo Bisordi

foto di Giuseppe Distefano
Prima Nazionale
Produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale
Teatro Argentina, dal 20 marzo al 28 aprile 2019

www.Sipario.it, 30 marzo 2019

Chi è nemico del popolo? Chi esprime ciò che pensa e agisce di conseguenza. Chi dice: "C'è del marcio in Danimarca", che non teme di mostrare gli scheletri nell'armadio del mondo in cui vive e di spiegare come questa sozzura funziona, del modo in cui alligna negli animi e s'impossessa di tutto, colorando di sé ciò che tocca. È, in sostanza, persona simile al dottor Thomas Stockmann, l'ibseniano personaggio de Un nemico del popolo. Quest'irreprensibile luminare della scienza ritiene che non basta far vedere il lato guasto della società. Bisogna liberarsene, con decisione e impietosamente, senza badare alle conseguenze. Sono la correttezza, la moralità – quella sana – e la conoscenza a guidare l'agire dell'illustre ricercatore, medico responsabile dell'impianto termale della cittadina dove suo fratello Peter è sindaco. Quest'ultimo, al contrario, è un uomo spregiudicato che bada al proprio interesse. Ed è la sola cosa che porta avanti, mascherandola sotto l'ipocrita parvenza del bene comune che va tutelato per il popolo. Le acque delle terme sono inquinate e c'è il rischio di far ammalare le persone invece di guarirle. Che importa? Chiuderle vorrebbe dire rinunciare a facili guadagni – per il sindaco e tutti i proprietari di immobili cointeressati in questo mercimonio. Ma il dottor Thomas è del parere opposto. E d'improvviso ecco divenire il tanto stimato medico della cittadina un avversario da abbattere ad ogni costo, perché – si dice – non ha a cuore la salute pubblica ed economica della comunità. In un baleno, Stockmann viene messo alla berlina, licenziato, pubblicamente linciato e disprezzato. Non avrà più nulla, se non la solidarietà della sua famiglia e la sua solitudine: ciò che gli basta per continuare a vivere onestamente.
Massimo Popolizio, protagonista e regista della riduzione de Un nemico del popolo in scena all'Argentina, ha ordito uno spettacolo perfetto nella recitazione, nella scelta del testo, nella direzione e nell'approfondimento dei rispettivi ruoli. Lo stile interpretativo è teatrale e straniato. Tutti i personaggi hanno movenze e toni caricaturali, che non fanno che mostrare la propria artificiosità. Dove tutti sono falsi, oscuri ed inquinati dall'ipocrisia, neppure un'occhiata può essere sincera. Solo Thomas (Popolizio) ha tratti di recitazione realistici: perché è diverso dagli altri ed è un'unicità che va rimarcata.
Felicissime le scene di Marco Rossi: dinamiche, rapide nei cambi e che non temono di ricordare che il teatro è convenzione.
Notevole, oltre l'interpretazione di Popolizio, quella di Maria Paiato (Peter Stockmann): con quella distanza ed ironia che conferiscono al personaggio un giusto tocco di ambiguità.
Bellissimo il finale: con Thomas, il nemico del popolo, che esce di scena solo e sempre più piccolo mentre pezzi di scenografia crollano ricordando il finale della Tempesta di Strehler, ma rammentandoci anche che quanto visto sul palco, forse, non è solo uno spettacolo: è la nostra vita. Quella di tutti i giorni.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Domenica, 31 Marzo 2019 10:15

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.