venerdì, 03 luglio, 2020
Sei qui: Home / M / MADRE CORAGGIO E I SUOI FIGLI - regia Claus Peymann

MADRE CORAGGIO E I SUOI FIGLI - regia Claus Peymann

"Madre coraggio e i suoi figli", regia Claus Peymann. Foto Monika Rittershaus "Madre coraggio e i suoi figli", regia Claus Peymann. Foto Monika Rittershaus

di Bertolt Brecht
Regia: Claus Peymann
Con: Carmen-Maja Antoni, Karla Sengteller, Raphael Dwinger, Peter Miklusz, Martin Schneider, Veit Schubert, Manfred Karge, Ursula Höpfner-Tabori, Axel Werner, Martin Seifert, Marko Schmidt, Michael Kinkel, Veit Schubert, Hannes Lindenblatt, Gudrun Ritter, Claudia Burckhardt, Roman Kaminski
Musicisti: Matthias Erbe, Cathrin Pfeifer, Silke Eberhard, Michael Yokas, Clemens Rynkowski, Manfred Wittlich
Scena: Frank Hänig
Costumi: Maria-Elena Amos
Musica: Paul Dessau
Luci: Karl-Ernst Herrmann, Ulrich Eh
Drammaturgia: Jutta Ferbers
Berlino, Berliner Ensemble, dal 26 novembre 2005

www.Sipario.it, 11 maggio 2016

Madre coraggio e i suoi figli (in tedesco Mutter Courage und ihre Kinder) è uno dei capolavori assoluti del drammaturgo tedesco Bertolt Brecht. Ambientato durante la guerra dei trent'anni e scritto alla vigilia della Seconda guerra mondiale, il testo si propone come una denuncia di tutte le guerre, passate e future, vicine e lontane. Il regista Claus Peymann interpreta perfettamente questo sganciamento da qualsiasi riferimento geografico-temporale, ambientando la messa in scena in un tempo e luogo indefiniti. Sulla scena campeggia una piattaforma tonda leggermente inclinata verso la platea, sulla quale Anna Fierling alias Madre Coraggio (Carmen-Maja Antoni) si affanna con il suo carro di mercanzie, decisa a fare fortuna in tempo di guerra. All'inizio del dramma sono i suoi tre figli, Eilif (Raphael Dwinger), Schweizerkas (Peter Miklusz) e Kattrin (Karla Sengteller), a prestarle aiuto nel tirare il carro. Ma la guerra, oltre a buoni affari, procurerà a Madre Coraggio anche la perdita dei suoi tre figli. La donna si troverà così sola nella conduzione dei suoi affari e nella vita, ma questo non le servirà da insegnamento: quando la fine della guerra verrà annunciata, Madre Coraggio lamenterà la fine dei buoni affari anziché piangere i suoi figli.

Nella messa in scena di Peymann, Carmen-Maja Antoni riesce a esprimere perfettamente il conflitto che sta alla base del personaggio brechtiano di Madre Coraggio: Anna Fierling è madre apprensiva, ma allo stesso tempo avida donna d'affari. La risoluzione di questo conflitto vedrà l'essere capitalista prevalere sull'essere materno e la guerra diventare mera fonte di lucro piuttosto che di dolore. Nonostante Madre Coraggio appaia dunque come vera e propria "iena della guerra", come la definisce il parroco del dramma, il pubblico dello spettacolo di Peymann non può non simpatizzare per la protagonista. Il coinvolgimento che l'inesauribile Carmen-Maja Antoni riesce a suscitare nello spettatore finisce così per smorzare il cinismo del personaggio, che alla fine della messa in scena appare troppo vittima e quasi per nulla carnefice.

Gloria Reményi

Ultima modifica il Mercoledì, 11 Maggio 2016 12:11

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.