mercoledì, 13 novembre, 2019
Sei qui: Home / M / MIGLIORI 'MAGGI' DELLA NOSTRA VITA (I) - regia Giovanni Guarneri

MIGLIORI 'MAGGI' DELLA NOSTRA VITA (I) - regia Giovanni Guarneri

"I migliori "maggi" della nostra vita", regia Giovanni Guarnieri "I migliori "maggi" della nostra vita", regia Giovanni Guarnieri

ideazione di Giovanni Guarneri e Giulia Gallo
con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano, Giulia Solano
regia di Giovanni Guerrieri con la collaborazione di Dario Marconcini
consulenza all'Ottava rima di Enrico Pelosini
consulenza al canto di Andrea Bacci ed Enrico Baschieri
illustrazioni di Guido Bartoli
produzione I Sacchi di Sabbia, in co-produzione con Armunia e Festival Orizzonti 2014, con la collaborazione di Santarcangelo dei Teatri, Compagnia Lombardi-Tiezzi, Teatro dei Buti e Compagnia del Maggioo Pietro Ferdiani, con il sostegno di Regione Toscana
visto al teatro Comunale di Casalmaggiore (Cremona), 4 marzo 2016

www.Sipario.it, 5 marzo 2016

Si può raccontare la cultura pop contemporanea e alla fine la nostra condizione usando una tecnica narrativa della tradizione popolare com'è il cantare in ottava rima detto il Maggio? A questa domanda la compagnia I Sacchi di Sabbia risponde con I migliori maggi della nostra vita, esito finale di un precedente studio: Piccoli suicidi in ottava rima. Si tratta di una messa alla prova di una tenitura linguistico-semantica interessante ma a tratti fine a se stessa. Nato da un'idea di Giovanni Guerrieri e Giulia Gallo, affiancati da Gabriele Carli, Enzo Illiano e Giulia Solano, I migliori maggi della nostra vita inanella una serie di scenette paradossali e pop e le racconta con la tecnica di quel cantare monodico che si sposa col rimare dell'ottava, metro dei grandi poemi e dei grandi racconti. L'effetto è curioso, a tratti straniante.
La cantilena del maggio si sposa diventa il veicolo per raccontare invece che l'epopea di Orlando o la Divina Commedia l'epopea western di Pad Garret e Billy the kid, mediato da Quentin Tarantino, oppure un'insolita versione di Wolf, il licantropo in cui fanno il loro ingresso tre Cappuccetto rosso, o ancora l'Invasione degli ultracorpi di Don Siegel La modalità narrativa e canora dell'ottava si sposa con un lavoro sui suoni e la mimica che guarda a certi sketch tipici dei film muti. Ma forse l'episodio più interessante è quello liberamente ispirato a Tutto ciò che avreste voluto sapere sul sesso di Woody Allen in cui tre spermatozoi sono in procinto di correre verso l'ovulo da fecondare, una corsa a morte sicura per dare la vita.
Gli attori de I Sacchi di Sabbia costruiscono delle situazioni, le portano con sfrontatezza alle estreme conseguenze comiche come nel bis finale dedicato ad una sorta di viaggio nel tempo guidato da Nixon in versione cow boy, impegnato in una missione contro la Morte di Cristo o dello scioglimento dei Beatles. Cosa rimane de I migliori 'maggi' della nostra vita? Rimane la sensazione di un esercizio di stile piacevole, a tratti ironico e sicuramente colto, ma fine a se stesso. La cultura pop, l'eredità cinematografica di alcuni cult movie, lo strizzare l'occhio a tv e pubblicità sono gli ingredienti di una riflessione postmoderna che I Sacchi di Sabbia portano avanti con rigore e cura ma che alla prova dello spettacolo rischia di rimanere lì sulla scena, uno sperimentino che non appaga, stuzzica, solletica ma nulla di più. Viene inoltre da pensare che la 'non teatralità' ostentata dalla compagnia trova – negli ultimi tempi – una sua più completa ed aggressiva realizzazione in quanto sta portando avanti Teatro Sotterraneo, come dire I Sacchi di Sabbia forse hanno aperto una strada possibile al non-teatro, ma l'itinerario è andato ben oltre...

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Sabato, 05 Marzo 2016 23:41

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.