giovedì, 19 settembre, 2019
Sei qui: Home / M / MORSI A VUOTO - regia Filippo Renda

MORSI A VUOTO - regia Filippo Renda

"Morsi a vuoto" - regia Filippo Renda "Morsi a vuoto" - regia Filippo Renda

di e con Luciana Maniaci e Francesco d'Amore
regia Filippo Renda
scene e costumi Eleonora Rossi
produzione Festival delle Colline Torinesi
coproduzione con Festival Castel dei Mondi di Andria
col sostegno di Interno5 e Ludwig
management Nidodiragno
Premio Scenari Pagani 2014
presentato in collaborazione con Teatro a Corte
prima nazionale al Teatro Gobetti di Torino per il
Festival delle Colline Torinesi XIX edizione 2014

www.Sipario.it, 27 agosto 2014

Quanto dolore in questa operina ridente che rivolta il quotidiano, in bilico tra sogno e pragmatismo, con due personaggi che sono, e non sono, portatori di storie compiute. C'è continuo stupore e scoperta in questo dialogo folle ed eccentrico, nutrito di energia nonostante la fragilità fisica degli stessi minuti protagonisti. Ma niente è lasciato al caso in questo dipinto scenico, preciso e cesellato con minuzia certosina e masochistica, nelle parole, nei gesti, nelle azioni e nelle scenografie. Un uomo e una donna, una paziente ed uno psicologo, un amante, un ladro ed una promessa sposa, e una grande casa e dei gioielli che tornano nelle confessioni di lei al lui terapeuta. Se parlano dolce, se sorridono o si guardano con affettuosa complicità, siedono su scranni che sono una sedia elettrica ed una ghigliottina, imbrattati di sangue. E' la tortura giornaliera dei desideri soffocati, dell'accontentarsi, del darsi per vinti, del rinunciare, del diffidare di sé e degli altri. E' la mestizia del mondo incastonata però in quadri grotteschi e spassosi, che riecheggiano alcuni momenti storici della pratica teatrale, quelli che tra il XIX ed il XX secolo rivoluzionarono il palcoscenico con molteplici frange avanguardistiche, dal naturalismo in poi. Alla base delle creazioni iconoclaste di Maniaci d'Amore c'è certamente cultura ed anche un'attenzione spasmodica al linguaggio, che è fonte di celia e di gioco e che nutre i tanti paradossi su cui si snoda la trama. La brama di un posto al sole induce ancora una donna a farsi sposa senza passione? E questo delinquente mascherato, è una via di fuga o è un incubo ulteriore? Si ride, tanto, e si piange almeno un po', soprattutto quando, smessi i personaggi, gli autori ed interpreti avanzano in proscenio addentando, ciascuno, una cipolla vera. E' il nuovo teatro che va. Bene così.

Maura Sesia

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Agosto 2014 04:25

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.