domenica, 07 giugno, 2020
Sei qui: Home / M / MALAFESTA (LA) - regia Rino Marino

MALAFESTA (LA) - regia Rino Marino

"La malafesta", regia Rino Marino. Foto Gaspare Pompei "La malafesta", regia Rino Marino. Foto Gaspare Pompei

Rino Marino pure regista
Interpreti: Fabrizio Ferracane e Rino Marino
Musiche: Mimmo Accardo
Scene e costumi: Rino Marino
Luci: Marino/Ferracane
Trucco: Anna Barbaresi
Effetti sonori: Antonio Bonanno
Produzione: Compagnia Marino- Ferracane di Castelvetrano /TP)

al Clan Off Teatro di Messina 14 e 15 aprile 2018

www.Sipario.it, 17 aprile 2018

La malafesta di Rino Marino è il terzo spettacolo, dopo Ferrovecchio e Orapronobis, portato in scena nello spazio del Clan Off Teatro di Messina assieme a Fabrizio Ferracane. I due artisti, originari di Castelvetrano (TP) formano un'affiatata coppia che opera da almeno otto anni non solo in Sicilia, il cui denominatore comune è un mix di comico e drammatico, un modo grottesco per infiorare le loro storie dall'andamento surreale e che corrono senza tempo sul filo della follia. Come è appunto lo spettacolo in questione, in cui Marino-Ferracane sembrano due personaggi beckettiani, ma anche sbucati fuori da una pièce di Scimone-Sframeli e quando profferiscono verbo, con accenti palermitani, sembrano dei nipotini dei vari Scaldati, Burruano, Li Bassi, Cucinella, Inparato. La scena dello stesso Marino, lo ritrae all'inizio disteso su un lettino/giaciglio di casa sua, accanto ad un comodino e una persiana chiusa che si apre sul nulla, mentre alla porta tuppulìa (batte) Ferracane in elegante abito nero e cappello in testa, ombrello in una mano e una cassetta nell'altra, che aspetta un bel po' prima che l'altro di nome Taddarita (nome siculo che designa il pipistrello) chiamato ad alta voce due volte, gli possa aprire l'uscio. E' una gag davvero esilarante che va avanti per almeno venti minuti, durante i quali Ferracane, che si definisce professionista della tuppuliata (un colpo alla porta e due chiamate ad alta voce) spiega all'altro, invertendo ad un tratto pure i ruoli, qual è il modo migliore per tuppuliare alla porta. Sembra che al Taddarita interessi solo dormire, innervosendosi alquanto per le mosche e zanzare che lo tormentano con i loro pizzichi e ronzii, imbracciando più volte quell'antico nebulizzatore di flit, insetticida efficace di poca durata, di cui pare che non se ne vedano più in giro. Forse è il giorno di Natale o i due fanno finta che sia un giorno d'una festa importante fuori stagione. La festa dei disgraziati aggiunge Ferracane. La festa di due poveri cristi di questo mondo che si ritrovano a solidarizzare sullo squallore della loro vita, dove basta una sveglia che segni indifferentemente le otto o le venti per farli volare chissà in quali galassie. I due dialogano senza sosta, recitano filastrocche, filosofeggiano sulle cose più semplici, rievocano antichi fasti e feste con mangiate degne di Gargantua e Pantagruel e infine Ferracane aprirà la sua cassetta misteriosa che irradierà luminosi raggi di luce sui loro volti e da cui sgorgherà fuori un dolce musica al ritmo di valzer che invoglierà entrambi a sgranchirsi le gambe e danzare lentamente a piccoli passi. Poi Ferracane andrà via e Taddarita tirandosi le coperte continuerà a dormire.

Gigi Giacobbe

Ultima modifica il Giovedì, 19 Aprile 2018 11:55

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.