mercoledì, 23 ottobre, 2019
Sei qui: Home / L / LUCIDO - regia Milena Costanzo e Roberto Rustioni

LUCIDO - regia Milena Costanzo e Roberto Rustioni

Lucido - regia Milena Costanzo e Roberto Rustioni Lucido - regia Milena Costanzo e Roberto Rustioni

di Rafael Spregelburd
Traduzione di Valentina Cattaneo e Roberto Rustioni
Regia di Milena Costanzo e Roberto Rustioni
Con Milena Costanzo, Antonio Gargiulo, Maria Vittoria Scarlattei e Roberto Rustioni
Assistente alla regia Elisabetta Carosio
Coproduzione Associazione Teatro C/R, Fattore K, Olinda, Teatro i
Genova, Teatro della Tosse fino dal 10 al 12 aprile 2014

www.Sipario.it, 11 aprile 2014

La stagione del Cantiere Campana del Teatro della Tosse si conclude con Lucido dell'argentino Rafael Sprengelburd, pezzo da novanta della drammaturgia contemporanea, diretto e interpretato da Milena Costanzo e Roberto Rustioni.
Il soggetto della pièce può essere collocato nella categoria "famiglia disfunzionale": Tetè (Milena Costanzo), è una madre ingombrante, bugiarda e apparentemente anaffettiva; Lucrezia (Maria Vittoria Scarlattei), è la figlia che emigra facendo perdere le proprie tracce per quindici anni; Luca (Antonio Gargiulo), è il figlio minore con problemi di salute a cui la sorella ha donato un rene quando erano ancora bambini; Dario (Roberto Rustioni), è il compagno della madre che cerca di orientarsi nel caos che regola i rapporti tra i membri di questa famiglia.
Il dramma prende le mosse dal ritorno inatteso di Lucrezia che mette in crisi la quotidianità già precaria di Tetè e di Luca. Nonostante il personaggio della madre domini la scena, seguiamo lo svolgersi degli eventi dal punto di vista del figlio che, guidato dal suo psicoterapeuta, vive tra realtà e sogni "lucidi", ovvero momenti onirici ad alto livello di coscienza, durante i quali tenta di sublimare il proprio disagio familiare, in particolare il rapporto conflittuale con la madre.
La penna esperta di Sprengelburd si fa sentire: l'intreccio è ben costruito e il testo è ricco di scambi di battute esilaranti che strappano risate in platea. Sul finale non manca il colpo di scena che ribalta il gioco in cui avevamo creduto sin dal principio. Tuttavia i diversi piani di realtà, i colpi di scena e le battute divertenti non bastano a costruire una tensione drammatica che arrivi alle viscere dello spettatore.
Nonostante la messinscena non manchi di ritmo e vivacità, in particolare nell'interpretazione di Milena Costanzo che dona al personaggio della madre una comicità vecchio stile alla Franca Valeri, ci si emoziona poco.
Persino sul finale, che propone ancora una volta un cambio di scenario in cui finalmente si va a toccare la miseria della condizione umana, il sacrificio di Lucrezia resta sospeso: non viene agito, bensì letto da Tetè attraverso le parole di Piccole donne di Louisa May Alcott, rinunciando alla potenza simbolica e catartica del gesto teatrale.

Marianna Norese

Ultima modifica il Venerdì, 11 Aprile 2014 07:20

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.